Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 29/06/2022 - 11:33

    Perché si dice «politica della lesina»?La politica della lesina ha a che fare con la lesina appunto, un attrezzo del calzolaio che serve a forare il cuoio. Ha un secondo significato la lesina, che non è la parsimonia, di più, la taccagneria.

     

    Quindi l’attitudine a essere spilorci. Espressioni come la politica di lesina o lavorare di lesina intendono l’essere avari.

     

    Storicamente, la Destra storica italiana tentò di risanare il bilancio dello Stato con una politica di lesina, in altre parole applicando una forte severità sui conti per risparmiare.

     

    In origine, secondo un racconto popolare, tre uomini molto ricchi, ma con il problema della spilorceria, decisero di acquistare insieme una lesina per riparare le scarpe da soli senza l’aiuto di un calzolaio.

     

    Sai che cosa significa «essere un merlo»?

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mer, 29/06/2022 - 11:22

    La storia di un illusionista specialeCosì in terra (Mondadori, 2022) è il nuovo romanzo di Patrick Fogli, eclettico scrittore e sceneggiatore bolognese che ha già al suo attivo diversi volumi che comprendono thriller, storie di spionaggio e inchieste su lati oscuri della nostra società. Quest’ultimo libro è difficile da inquadrare in un genere preciso, perché racconta la storia insolita di Daniel, che a cinque anni viene affidato dalla madre in fin di vita alle suore di un orfanatrofio, dove cresce sotto lo sguardo vigile, ma anche affettuoso, di suor Anna.

    Già nel corso dell’infanzia Daniel si rende conto di essere in qualche modo diverso dagli altri, fino a comprendere, divenuto adulto, di possedere delle facoltà sorprendenti, grazie alle quali diventa un illusionista di fama internazionale. Solo lui, però, sa che certi atti che mandano in visibilio il pubblico non sono abili trucchi, ma derivano da quelle inconfessabili doti personali che, se da un lato gli hanno procurato fama e ricchezza, dall’altra rendono estremamente...

  • Autore: Irina Turcanu
    Mar, 28/06/2022 - 12:30

    Dalla fisica dei quanti al mondo dei bitcoin in un solo romanzoGiuliana Altamura, ne L’occhio del pettirosso, uscito per Mondadori, mette insieme due elementi della nostra realtà ancora poco esplorati. Per lo meno nella letteratura. Le affascinanti leggi della fisica dei quanti e il misterioso mondo del bitcoin, tutto in una narrazione dai ritmi serrati, in una storia che ti rimane dentro a lungo, che ti ripiove addosso anche a distanza di mesi.

    Piombiamo subito nella vita di Errico e di Greta, senza preamboli, senza tirarla per le lunghe. Lui è un fisico, lei una poetessa. Forse diversi, ma simili per declinare i nomi dell’universo? Ci vorrà del tempo per capirlo. Il tempo del racconto. E mentre si scopre questo, si incontrano nuovi personaggi e anche gli occhi del pettirosso, nel luogo dove meno te lo aspetti.

    In occasione dell’uscita de L’occhio del pettirosso, abbiamo parlato con Giuliana Altamura del modo in cui nasce il romanzo, dell’arte, di chi opera le divisioni del mondo, e di tanto altro ancora.

     

    ...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mar, 28/06/2022 - 10:30

    Quando i migranti eravamo noiIn Per sempre, altrove (Fazi, 2022) Barbara Cagni ci racconta una storia di emigrazione ambientata a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, quando migliaia di italiani lasciarono il paese in cerca di condizioni di vita migliori. A differenza di quanti, al principio del Novecento, si erano diretti soprattutto verso le Americhe, i migranti del secondo dopoguerra scelsero altri paesi europei, in special modo Germaniae Svizzera, ma anche Belgio e Francia.

    La narratrice, ancora bambina all’inizio del romanzo, vive con la famiglia in un paese montano del Comelico, la zona al confine tra Veneto e Friuli, teatro nei primi anni Sessanta dell’immane tragedia del Vajont, dove la povertà spinge molti giovani ad emigrare. Lo ha fatto anche Berta, la sorella maggiore, che tempo prima si è trasferita in Svizzera per lavorare in una fabbrica, ma che improvvisamente sembra essersi ammalata....

  • Autore: Marina Capuano
    Lun, 27/06/2022 - 12:28

    La storia di una libreria sulla collinaLa libreria sulla collina è il nuovo libro di Alba Donati pubblicato dalla casa editrice Einaudi il 26 aprile 2022. La copertina è un’illustrazione di Anna Regge del progetto grafico Bianco. In questo libro Alba Donati racconta di come la sua vita è cambiata quando ha lasciato Firenze per tornare nel suo paese natale, Lucignana, per aprire la libreria Sopra la Penna.

    «Romano vorrei aprire una libreria nel mio paese».

    «Bene, quanti abitanti fa».

    «180».

    «Bene 180 mla diviso…»

    «Non 180 mila, 180»

    «Sei pazza».

    [..] Da quando ho aperto la libreria, non c’è conversazione che non includa la domanda: «Come le è venuta l’idea di aprire una libreria in u paesino sperduto di 180 persone?»

    ...
  • Autore: Michele Larotonda
    Lun, 27/06/2022 - 12:15

    Il quotidiano della nostra famigliaLa famiglia è sempre stato un tema molto caro e molto discusso dagli scrittori e da tutto il mondo della letteratura. Basti pensare a Lessico famigliare di Natalia Ginzburg che ritengo uno dei grandi capolavori della letteratura italiana che affronta il tema della famiglia. Ci sono, poi, scrittori che per anni hanno affrontato diversi temi (giovinezza, fuga, amori travagliati…) e a un certo punto tirano fuori un romanzo diverso, più articolato, più incentrato sulla famiglia. Non parlo solo di scrittori emergenti, ma anche di grossi nomi della letteratura come Philip Roth, William Faulkner, Lev Tolstoj o Ian McEwan, insomma autori che hanno parlato di tutto nella loro produzione e quindi anche di questioni familiari.

    È il caso di Emidio Clementi. Figura poliedrica della musica e della letteratura italiana. Per anni è stato (lo è ancora) il frontman e bassista della band Massimo Volume, un gruppo di nicchia che ha avuto diversi riscontri positivi soprattutto negli anni Novanta. La loro caratteristica principale era che le loro canzoni non erano cantate ma recitate, declamate, insomma...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.