Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

“Vita su un pianeta nervoso” di Matt Haig, guida di autoaiuto per sopravvivere nell’era digitale

“Vita su un pianeta nervoso” di Matt Haig, guida di autoaiuto per sopravvivere nell’era digitaleLeggere Vita su un pianeta nervoso significa volere accettare la nervosità del nostro tempo e dei nostri luoghi e scegliere di trascorrere qualche ora tentando di capire da dove venga questa tensione, dove ci conduca, come riuscire a gestirla. Conoscere Matt Haig attraverso le sue considerazioni significa a propria volta entrare nell’intimità di un singolo essere umano che non parla come un sociologo, né come un antropologo, e che spesso, anzi, sembra esprimersi in maniera più semplice di noi, più approssimativa.

Eppure, proseguire in questa lettura in parte disordinata e in parte interconnessa può servire a identificare le modalità in cui la nostra sopravvivenza nell’epoca digitale costellata di dibattiti rabbiosi e fake news possa evitare di portarci alla depressione, agli attacchi di panico o anche solo a un perenne senso di colpa, insoddisfazione, ansia e inadeguatezza. Lo si fa in compagnia di alcune citazioni letterarie, di un paio di studi statistici, e soprattutto di un autore che sembra avere scritto una lunga lettera a un amico ideale, anziché a una comunità variegata di lettori. Senza pretese, senza retorica.

«Non possiamo vivere ogni vita. Non possiamo guardare ogni film o leggere ogni libro o vistare ogni luogo di questa bellissima terra. Invece di lasciarci bloccare da questa evidenza, dobbiamo rivedere le scelte che abbiamo davanti. Scoprire cosa va bene per noi e lasciar perdere il resto. Non è necessario un altro mondo. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è già qui, se smettiamo di credere di aver bisogno di tutto».

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Una considerazione in bilico fra il banale e il profetico, fra il sacro e lo sciocco, fra il già sentito e il rivelatore, che più in grande riassume bene l’essenza di questa pubblicazione autobiografica, a metà fra il saggistico e la narrazione diaristica.

“Vita su un pianeta nervoso” di Matt Haig, guida di autoaiuto per sopravvivere nell’era digitale

Di certo è un’opera coerente, che rifiuta i sensazionalismi mediatici di fronte alle catastrofi e le fittizie ricette di benessere di cui vorrebbero imbottirci quegli stessi social network dai quali non riusciamo a sottrarre la nostra attenzione giornaliera. Un’opera che, di conseguenza, non promette di svelare segreti su come stare al mondo nell’era della tecnologia, o di risolvere con uno schiocco di dita patologie mentali di grande portata, ma che senza dubbio lancia degli input, stimola riflessioni, osserva con meticolosità la superficie per chiederci di romperne la crosta e penetrare più in profondità, per vedere con i nostri occhi cosa rischiamo di perderci.

Ciò di cui soffre Matt Haig, dopotutto, è un malessere sempre più diffuso per motivi sempre più simili ai suoi, e che per essere affrontato necessita di strategie fisse e dell’individuazione di alcune cause in comune, per quanto gli effetti cambino da persona a persona e anche le vie da percorrere affinché si riescano a mettere in pratica dei comportamenti più sani e meno “dipendenti” dalla tecnologia.

“Vita su un pianeta nervoso” di Matt Haig, guida di autoaiuto per sopravvivere nell’era digitale

Ecco perché Notes on a nervous planet, edito da Canongate Books nel luglio 2018 e arrivato in Italia per Edizioni E/O nel febbraio 2019 nella traduzione di Silvia Castoldi, è una guida di autoaiuto e allo stesso tempo un’occasione per superare pregiudizi e atteggiamenti nocivi, tanto nella nostra quotidianità del presente quanto in un potenziale futuro. «È facile non giudicare qualcuno perché soffre di una malattia – scrive infatti l’autore, includendo nel “qualcuno” anche “sé stessi” – ma è molto più difficile non giudicarlo per il modo in cui di tanto in tanto quella malattia lo spinge a comportarsi. Perché gli altri non ne capiscono il motivo» e perché a volte nemmeno chi è malato accetta la manifestazione della propria condizione, precipitando in stigmatizzazioni sterili, se non addirittura controproducenti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Obiettivo ben riuscito dell’ultimo lavoro del giornalista inglese è, in altre parole, quello di risvegliare in chi legge il desiderio della sensorialità, dell’umanità, in contrapposizione alla virtualità e a una perenne ricerca di perfezione robotica, che non fa che renderci sempre più inclini a sottostare a ritmi insostenibili, campagne marketing deleterie, stati d’animo perversi, rapporti interpersonali disequilibrati, società inefficienti e vertici politici corrotti, in un circolo vizioso che sembra prometterci la felicità senza procurarcela mai davvero. Non ci dà soluzioni al problema e non si erge a guru delle masse, ma ci ricorda che il problema esiste e che siamo tutti compagni di viaggio nell’affrontarlo.


Per la prima foto, copyright: Rodion Kutsaev su Unsplash.

Per la terza foto di Kan Lailey, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.