Conoscere l'editing

Diffondi libro

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso online di editing

Versi che vengono dal futuro. La “Nuova poesia americana”

Versi che vengono dal futuro. La “Nuova poesia americana”Puntata n. 122 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Niente è bello come la morte,/pensa Morte: allodola immobile sul prato,/gambe-pagliuzza raccolte, fioriture esplose/di puzzole e opossum sulla strada,/cane che si trascina tremante e scende i gradini del portico di casa, e si blocca/in una smorfia di gengive nere/prima di cadere riverso tra i papaveri./Gli orrendi papaveri. In Afghanistan/sono resi nuovamente belli/da un maleficio misterioso. Orrendi/sono i soldati americani che arrivano, rasati/di fresco, che controllano l’e-mail,/ma belli supini in mezzo alla strada/o con i loro pezzi sparsi/come spruzzi d’irrigazione o di mitra/o resti stellari. Amabile/è la loro stella quasi spenta/che proietta la propria massa nello spazio remoto, ancora più amabile la supernova/che si fa a pezzi da sé/e collassa come Lana Turner/nella poesia di Frank O’Hara./Niente è bello come una poesia/tranne forse un usignolo,/pensa il poeta che scrive della morte,/affondando verso il Lete. Amabile fiume/in cui i nomi vengono catalogati con cura. In questo quadrante ci sono i fiumi del dolore e del fuoco./Nord della griglia, Azimut nero./Lungo fiumi di fanculo e orchidee/discendono cuori accesi in barchette/che giocose vanno verso valle, vorticando e infiammandosi, infiammandosi/in spirali, sempre più verso il basso…/verso il basso, la più bella di tutte le direzioni»

(Kim Addonizio).

 

La poesia, soprattutto in America, sta conoscendo una seconda giovinezza diventando uno dei generi letterari più diffusi e rilevanti.

Versi che vengono dal futuro. La “Nuova poesia americana”

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Molti poeti americani stanno tentando, in questi anni, una riscrittura del presente, di un presente fatto di solitudini e di ingiustizie, di disperazione e di nostalgia, ma un presente fatto anche di gesti usuali, di routine, di immagini semplici che fanno parte e appartengono all’ordinario di tutte le persone. Sono voci che vibrano, quelle dei nuovi poeti americani, voci che provano a scuoterci e che tentano di portarci la realtà in maniera diversa dal passato, con un linguaggio forse più immediato, forse più in linea con la frenesia e la velocità della nostra società.

A curare il secondo volume della Nuova poesia americana, pubblicato da Black Coffee sono Damiano Albeni e John Freeman, con la traduzione a cura dello stesso Damiano Albeni. I sei poeti scelti in questa raccolta sono: Kim Addonizio, Garrett Hongo, Lawrence Joseph, Kay Ryan, Aracelis Girmay e Kevin Young.

«A Chicago nevica piano/e un uomo ha appena fatto il bucato della settimana./Esce nella penombra della sera incipiente/con una borsa di plastica sgualcita/piena di indumenti ben piegati, e, per un attimo, gusta la sensazione/di tepore del bucato e della carta spiegazzata,/come di flanella sulla mano non guantata./C’è un lucore rembrandtiano sul suo volto,/un triangolo arancione nel cavo della guancia/mentre un’estrema vampa di tramonto/incendia le facciate dei negozi e le finestre accese sulla strada./È asiatico, tailandese o vietnamita,/magrissimo, vestito poveramente con pantaloni stropicciati e un impermeabile scozzese,/sporco e troppo grande./Cammina con cautela sul lustro del ghiaccio/sul marciapiedi accanto alla sua auto,/apre la portiera posteriore della Fairlane,/si china per sistemarci il bucato/e si volta, per un istante,/verso la raffica di passi e le grida dei pedoni/mentre un ragazzo – altro non era –/esce camminando all’indietro dal negozio di liquori sull’angolo/sparando con una pistola, facendo fuoco,/un solo colpo, all’uomo attonito
che cade in avanti/portando le mani al petto…»

(Garrett Hongo)

Versi che vengono dal futuro. La “Nuova poesia americana”

Versi differenti da quelli a cui possiamo essere abituati, voci più singolari, voci più intense, poeti che sembrano raccogliere a piene mani dalla terra, che si sporcano, che gridano, che ci fanno sentire il disagio e le insofferenze di un’America che viaggia a velocità folle. Un nuovo modo di fare poesia, qualcosa che sembra prendere una netta distanza da ciò a cui eravamo stati abituati, qualcosa che cerca distanza dalla storia, da tutto ciò che c’è stato e che prova, attraverso la sua originalità, ad arrivare in luoghi dove alla poesia non era stato possibile.

«Quando ricevo la telefonata che mi dice di mio fratello,/sono su un treno fermo mentre sto lasciando la città/& la notizia si impacca in me – un carico di merci –/anche se è lui all’altro capo della linea/adesso, e dice tuttobenetuttobene –/Confiscatemi gli occhi, voglio voltare le spalle ai capelli sul pavimento di casa sua/& a come sono finiti lì lunedì,/ma il mio unico cuore cade come un caco pingue e triste/caduto dalla mano del vecchio albero di Turczyn./Voglio dormire. Non voglio dormire. Vedi,/un giorno, non oggi, non ora, saremo spariti/da questa terra di cui conosciamo i gladioli./Mio fratello, questo rumore,/un amore [tu] che ho amato/con tutto il cervello & il respiro saranno; mi è stato detto, oggi, di pensarci/mentre percorro i lunghi binari in uscita & sogno così bene che vedo una pianta alla finestra della casa/che mio fratello divide con il suo amore, le loro scarpe. &/eccolo, a letto addormentato/con questa stessa donna la cui lunga pelle/le copre tutte le ossa, in una città chiamata Oakland,/& i loro sogni stanno sospesi su di loro/un po’ come un lampadario, & i loro denti/mandano lampi nella notte, oh, corpo./Oh, corpo, sii stretto ora da chi ami./Anni interi verranno trascorsi sotto queste impossibili stelle/quando il fango sarà l’unico/animale che dorme con te/& ti tocca/con la bocca»

(Aracelis Girmay)

 

Parole che sembrano venire dal futuro ma che si trascinano gli echi di qualcosa di passato che continua a restare vivo e a bollire sotto la pelle di ogni essere umano.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Frasi che vengono fuori come se fossero un movimento naturale, senza artifizi, senza difficoltà, poesie che sono spaccati di vita, che somigliano a fotografie, a frame, ad istantanee che ci restano impresse nella memoria come qualcosa di vivo.

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta


Per la prima foto, copyright: NASA su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.