Corso SEC

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Una narrazione in poesia. “La terra di Caino” di Alessandro Rivali

Una narrazione in poesia. “La terra di Caino” di Alessandro RivaliPuntata n. 129 della rubrica La bellezza nascosta

 

«I girasoli gridavano al vento, la grandine squartava i cani, i polmoni sfiatavano sui ganci. Caino sostava ai crocevia del male, ma benediva la rugiada che apriva le rose del deserto. E continuava a chiedere luce come Giovanni della Croce o Ungaretti sul San Michele.»

 

Ci sono dei libri che rappresentano un percorso. Un viaggio intimoche, grazie alle parole, diventa di tutti. Alcuni versi posseggono un’energia diversa, qualcosa di spirituale che, come una presenza, diviene tangibile, tattile.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Una narrazione in poesia. “La terra di Caino” di Alessandro Rivali

È il caso della raccolta di poesie La terra di Caino, di Alessandro Rivali, nato A Genova nel 1977, edita da Mondadori. Sin dall’inizio, dalle prime poesie, è chiaro come il poeta si voglia confrontare con i temi nevralgici che da sempre aleggiano sull’essere umano: il bene e il male. Rivali lo fa raccontando, con la lingua del poeta, momenti della Bibbia con la figura di Caino in primo piano.

«Caino bilanciava bruciature: vegliava le labbra dei morti e le immagini dell’Oltrevita. Se mai qualcuno era tornato, se ombre consolavano gli amici, quali luci schiarissero il Dopo. E le prime saghe degli uomini, l’avventura di Gilgamesh e i molti colori del male. Gridavano le donne sterili, gli sfigurati dalle murene, i condannati nel bitume. La sete non si rimarginava: la bellezza era un riparo, orientava gli occhi al futuro.»

Una narrazione in poesia. “La terra di Caino” di Alessandro Rivali

Poesie che di volta in volta diventano memoria, ricordi. Precipitiamo nelle immagini di Caino, dei suoi giochi con il fratello, della loro infanzia. Il tono resta sempre grave, come se da un momento all’altro il castigo si possa abbattere sul mondo tutto.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Il tragitto, dentro queste pagine, ci conduce poi avanti nel tempo. Si lascia indietro la polvere e i fatti biblici per arrivare a narrarci di Genova.

«Staglieno, il regno delle guglie sfida la fiamma dei cipressi. È una terra senza paragoni, di colline e radure tra le arche, di contrafforti, gradoni e boschi. Incontrerai capogiri di storie: le parabole dei desideri, gli amori senza rimedio. Dicono che l’ultimo giorno si alzeranno dai tumuli in coro: si accenderà il secondo sole e il drago scuoterà le stelle, ma forse la fine non sarà la selva di punte nella tonnara, ma un gallo che onora l’alba, una giovane madre che riscalda la colazione dei suoi bambini.»

Una narrazione in poesia. “La terra di Caino” di Alessandro Rivali

Una Genova silenziosa, intima, libera dal trambusto moderno. Aleggia la morte sulla città ligure, nei versi di Rivali. Si muovono gli spiriti tra i vicoli, sull’acciottolato umido delle albe invernali.

Caino cerca qualcuno che lo perdoni. Cerca in una Genova scultorea e immobile uno scampolo di salvezza.

“«Poeta della morte», chiamavano così Bistolfi, come una maledizione. Eppure, erano scossi dalle sue ossessioni quando modellava corpi di seta. Dalle occhiaie, dalle mani sottili conoscevi il male della sposa. Qualcuno si copriva il volto, altri ritornavano al fiume con una pena decuplicata. Tornavano a casa segnati, accarezzavano figli e mogli, gesti che dilatavano la vita: diventava più compiuta, aperta a nuove epifanie.”

 

Versi, questi del poeta ligure, in cui campeggia il mistero della religione. Parole che si susseguono come dentro uno spartito musicale. Ogni verso cade e cede il passo al verso successivo, e tutto appare leggero, naturale.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La terra di Caino è una narrazione in poesia, un racconto che prova a indagare sulle grandi domande della vita umana e che cerca e scava per arrivare quanto più in profondità si possa giungere. Rivali si sporca le mani ed esce fuori, dopo un’immersione durata secoli, senza risposte e con un cumulo di domande inesplose.


Per la prima foto, copyright: Jr Korpa su Unsplash.

Per la quarta foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.