Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Una donna nelle spirali del capitalismo

Una donna nelle spirali del capitalismoCora nella spirale di Vincent Message (L’orma, 2021, traduzione a cura di Nicolò Petruzzella e Riccardo Rinaldi) è un vero e proprio thriller, un romanzo avvincente in cui si intrecciano eventi e personaggi calati perfettamente nel loro ruolo.

La storia ha inizio nel 2010 quando la giovane Cora torna a lavorare presso la compagnia di assicurazioni Borélia, dopo aver dato alla luce la sua bambina. Il romanzo si dipana così come una cronaca ed è appunto il racconto dei tre anni che le hanno cambiato e quasi distrutto la vita. Il punto di vista di Cora è sempre lucido, racconta e si racconta attraverso il vissuto che la accompagna, si rappresenta attraverso le sue inclinazioni, le sue ispirazioni, i suoi sogni, il suo incontro con Pierre e il loro progetto di mettere su famiglia. Mette da parte quindi la passione e sceglie un lavoro come addetta al marketing, ma la crisi del 2010 colpirà anche l’azienda e il piano di ristrutturazione destabilizzerà tutto il vissuto di Cora. È molto interessante seguire, pagina dopo pagina, la vita quotidiana di Cora, i sogni ma anche tutto lo stress generato dalla ristrutturazione della sua azienda acquistata da un grande gruppo, la cui gestione spregiudicata instaura una complessità di rapporti tra i dipendenti in una continua corsa al profitto.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

L'indagine svolta dal narratore con interviste a diversi attori della compagnia, l'utilizzo del diario di bordo di Cora e la documentazione sulla compagnia danno alla narrazione un realismo così perfetto che a tratti si fa fatica a pensare che sia un’opera di finzione.

Una donna nelle spirali del capitalismo

Il ritratto di Cora è eccezionale: il desiderio di libertà, l’umanità si contrappongono quasi alla disumanità che caratterizza il mondo capitalista, attento solo al profitto. E il romanzo punta il dito anche su questo, sulla società contemporanea in cui il capitalismo basato sul profitto ignora l'uomo che diventa solo una pedina che può essere manipolata senza pietà alcuna.

Mathias, la voce narrante, attraverso i diari di Cora, ripercorre così la storia della donna, passando per i luoghi in cui ha vissuto e lavorato, incontrando chi l’ha conosciuta.

Vincent Message è molto accurato nei dettagli così da riuscire a rendere quasi tangibile le perplessità, le emozioni, il contesto sociale, la vita stessa di Cora che si dipana attraverso il racconto toccando gli eventi belli e meno belli del suo vissuto.

Un romanzo profondamente radicato nella contemporaneità nel quale un ruolo importante lo gioca la componente disumana del neoliberismo, per il quale tutto è corsa verso il guadagno a tutti i costi. Tantissimi sono gli spunti di riflessione sul nostro tempo e i protagonisti danno voce a una pluralità di visioni del mondo.

La frammentazione narrativa e i numerosi dettagli finiscono per evocare con forza la tesi secondo cui la complessità del nostro mondo diluisce la nostra responsabilità sugli eventi. Cora si imbatte spesso in una serie di vicoli ciechi sempre più consapevole che «basta parlare con la gente per smettere di vedere erba più verde altrove».

Una donna nelle spirali del capitalismo

Cora nella spirale è una tragedia e riesce a trascinare il lettore nell’ingranaggio che a poco a poco avviluppa la protagonista, moderna eroina trascinata in un disastro personale da una crisi mondiale di cui lei ovviamente non ha colpa. Le sfide del mondo contemporaneo lasciano segni sulla sua pelle: il sessismo, le difficoltà relative al lavoro, l’onnipresenza dei media con il loro continuo flusso di notizie che alimenta il senso di insicurezza. Una moltitudine di segnali di avvertimento accuratamente disposti fanno sentire al lettore il pericolo dietro la quotidianità.

Vincent Message conferisce agli elementi della modernità il valore di simboli: la metropolitana è l’Ade in cui discende Cora, novella Euridice; l’edificio in cui si trova l’azienda dove Cora lavora ricorda il Panopticon citato da Orwell in 1984.

L'autore inoltre analizza molto bene il linguaggio alternativamente violento e seducente di questo mondo scoprendo le fallacie della comunicazione aziendale, che giustificano il licenziamento e le enormi disparità salariali.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Cora nella spirale è la descrizione accurata della nostra società, il ritratto rappresentativo di una generazione messa in difficoltà dal lento naufragio del capitalismo, dove non tutti riescono a combattere e molti depongono le armi di fronte alla logica del lavoro e del guadagno. Il ritmo a volte ossessivo e la tensione che tengono il lettore col fiato sospeso non impediscono però momenti poetici su alcuni aspetti della vita di Cora: ci sono infatti pagine molto belle sulla fotografia, sulle foto di Willy Ronis, la passione di Cora che ha voluto farne il suo lavoro prima di arrendersi, per pragmatismo. Message ci dice che forse è il momento di riscoprire l’edonismo e la forza dei legami sociali. Finché siamo in tempo.


Per la prima foto, copyright: Eric Ward su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.