Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso online di editing

Diffondi libro

Un romanzo che ti porta altrove. “Un giorno uno di noi” di Giancarlo Pastore

Un romanzo che ti porta altrove. “Un giorno uno di noi” di Giancarlo PastoreSe un romanzo ti assorbe fino a sospendere il ticchettio dell’orologio che tutti noi – pare – possediamo nel nostro cervello, se un romanzo ti toglie il senso di fame, di sonno, di sete, è segno che ha aperto un varco e ti ha portato altrove. Nell’eterno, appunto. Nell’universale. Ed è quello che accade quando si legge Un giorno uno di noi di Giancarlo Pastore. Uscito per Marsilio, la storia di Graziano ha esattamente questo effetto sul lettore.

Graziano è laureato in Lingue e letterature straniere, abita a Torino e, da piccolo, il suo sogno era scappare di casa. Fa male, pensarlo, fa ridere, sentirlo dire da Graziano. Perché, nonostante nei sogni lo invada ancora il passato, il dolore, il senso di inadeguatezza, Graziano, taciturno e introverso, quando parla, fa sognare, ma anche ridere. È ironico, acuto, profondo. È un albatros sulla prua, quando si guarda da dentro proiettandosi fuori. È un albatros che dispiega le ali, quando lo si guarda dentro, da fuori.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Tutto inizia con un’offerta di lavoro. Graziano, seppur laureato – e anche questo dettaglio rispecchia la storia universale di molti –, sbarca il lunario come cameriere in un ristorante. Guadagna una miseria, condivide l’appartamento con Alex, una specie di genio della critica della letteratura, e fantastica sul giorno in cui potrà visitare gli States. Non è un sogno. O, se è lo è, comunque Graziano non ci si dedica con esercizi quotidiani. A dire il vero, Graziano non sembra dedicarsi a nulla, in modo particolare. Appare spesso come fosse una specie di muro di gomma: tutto rimbalza addosso a lui, non si accorge di molti dettagli. Dentro la sua mente ci sono troppi incubi, il passato è fin troppo ingombrante per lasciare spazio al presente di manifestarsi a pieno. Lo assorbe, lo tormenta di notte e negli attimi di solitudine.

L’offerta di lavoro è come un dito che va a togliere una crosticina da sopra una ferita. Perché ferite sembrano i desideri di Graziano. Ferite, strappi. Potrebbe restare negli States. Potrebbe cominciare una nuova vita. Come? Non lo sa ancora, ma è certo che potrebbe trovare una soluzione.

Un romanzo che ti porta altrove. “Un giorno uno di noi” di Giancarlo Pastore

Accetta. Farà da autista e da interprete a Edo, meglio ancora Edouu, come lo chiameranno in quasi tutte le tappe di questo viaggio straordinario, coast-to-coast. Pioverà molto, nei giorni in cui Graziano guiderà lungo le strade deserte, alienanti, degli USA. Ci sarà anche il sole, però, e sarà come una specie di tregua, in tutti i sensi.

Pastore crea così una geografia emotiva, un viaggio dentro e fuori che, a tratti, perde i contorni del mondo. Ci vuole così poco a farla finita: appiattirsi fino a diventare tutt’uno con la vastità della prateria, con il vuoto, il nulla. Non ci sarebbero più nonne burbere, padri violenti, madri ancora più violenti. In cambio, forse, ci sarebbe Lucky, una cagnolina che, in ultima istanza, è l’unica forma di affetto, di amore che Graziano riesce a sperimentare durante l’infanzia.

È una storia che fa male, ma lo stile con cui Pastore la racconta è un altro elemento che rende la lettura di questo romanzo un must, un dovere. Graziano sa essere ironico, sa ridere di sé, ha il superpotere dello staccarsi dagli eventi, reimpastarli e restituirli per quello che sono: eventi. L’ermeneutica degli eventi, in ultima analisi, ci appartiene e dipende da noi.

Un romanzo che ti porta altrove. “Un giorno uno di noi” di Giancarlo Pastore

Poi, la lettura è un must, per questo viaggio meraviglioso negli Stati Uniti: al variare della natura, della geografia, man mano che si addentrano nel continente, variano le persone, gli atteggiamenti. Graziano è un attento osservatore e questo diventa un dono per chi legge. Persino la pioggia appare essenziale nell’economia dei sentimenti, delle sensazioni, della stessa geografia.

Dice Graziano: «“[…] forse racconterei solo dei sogni e dei libri che ho letto.” Gli sembrava non ci fosse altro. Nei sobborghi di Chicago le ciminiere sputavano un fumo denso e scuro; aveva da poco iniziato a piovere, ma da alcuni squarci nelle nuvole s’intravedeva il tramonto.»

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

E sì, Graziano è omosessuale, ma questo è l’unico dettaglio che non fa alcuna differenza. Ciò di cui parla Un giorno uno di noi di Giancarlo Pastore va al di là di un orientamento, abbraccia l’universale e lì, nello spazio dell’universale, suddividere il mondo in categorie è un esercizio sterile. Anche se non sei gay, non abiti a Torino, non sei laureato in lingue, non hai mai visitato gli States, ciò che vive, percepisce, pensa Graziano, lo vivi, lo percepisci e lo pensi anche tu come lettore.


Per la prima foto, copyright: Heidi Kaden su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.