Consigli di lettura

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Un romanzo che segue le tortuosità della mente. “Fai ciao” di Flavio Ignelzi

Un romanzo che segue le tortuosità della mente. “Fai ciao” di Flavio IgnelziFai ciao è il nuovo libro di Flavio Ignelzi pubblicato da Alessandro Polidoro Editore il 7 settembre 2021. La copertina gioca con i colori del verde e dell’azzurro che richiamano la natura e sembrano trasmettere a primo impatto un senso di armonia, come se il lettore stesse per leggere la storia di un bambino e della sua famiglia. Già dalle prime pagine si nota invece la particolarità del romanzo che risiede nell’abilità dello scrittore, Flavio Ignelzi, di entrare nella mente di un ragazzo di nome Samuel, lacerata da un trauma che lo porterà a compiere gesti apparentemente senza senso.

Il romanzo è ambientato nella periferia italiana, luogo simbolico che lo scrittore utilizza per far vagare senza meta il protagonista, come se camminasse sempre nella stessa direzione:

«La strada è dritta. Tutte le strade della periferia sono dritte. Lo diceva sempre suo padre, Ripeteva che gli architetti del comune difettavano di fantasia. Per questo tutte le strade della periferia sono dritte.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il lettore si addentra nel presente della vita di Samuel, per poi annegare con lui nei suoi ricordi, e la narrazione, che sembrava lineare e chiara, inizia a dare segni di instabilità, come la mente del protagonista. C’è un senso di straniamento tra presente e passato, tutto sembra essere scollegato, e poi tutto sembra ricollegarsi come in un cerchio, in un processo senza fine. Si viene trasportati nell’orrore di una famiglia, e la curiosità spinge il lettore a chiedersi cosa sia successo veramente a ognuno dei suoi membri, l’attenzione cade sul protagonista e ci si domanda come sia possibile che la sua condizione sia invisibile agli occhi degli altri, e il perché nessuno voglia aiutarlo, ammesso che lui chieda aiuto.

«Per lui i problemi si presentano quando è in compagnia di altre persone, perché si sente a disagio. Da solo sta bene.»

Un romanzo che segue le tortuosità della mente. “Fai ciao” di Flavio Ignelzi

Il tema centrale della storia è il rapporto familiare. Samuel cresce in una famiglia, coccolato solo dall’amore del padre, che diviene un pilastro portante. La separazione dei genitori destabilizza l’equilibro del bambino, che inizia a soffrire per l’assenza del padre all’interno della casa e il suo rapporto con la madre diviene sempre più scontroso.

«Perché? Cosa è successo? Tuo padre ti ha fatto qualcosa?

Mio padre non mi ha fatto niente. Mio padre è buono. È mia madre che mi fa incazzare. Mi tiene con sé perché non può fare altrimenti…»

 

Arrivare a tale conclusione quando si è ancora piccoli fa capire come il protagonista sia cresciuto prima del tempo, come la solitudine e il dolore gli stiano logorando le ossa. L’unica àncora a cui si aggrappa per non annegare è sempre la figura paterna, ma il tempo sembra non essere stato abbastanza, troppo carico di sofferenza e poco di ricordi.

«Samuel, appapà, fai ciao! Fai ciao con la manina! E lui fece ciao. [..] Gli vengono in mente tre cose quando prova a ricordare suo padre, queste tre, sempre le stesse tre. E tre cose sono poche.»

 

A intervallare i ricordi del padre e gli scontri con la madre, vi è un personaggio, Arabella, a cui Samuel sembra legarsi fin dall’inizio: infatti le chiede consiglio e ascolta sempre ciò che ha da dirgli. Arabella cerca di mettere pace in quella famiglia, cerca di aiutare Samuel nell’intento di mantenere un equilibrio tra lui e la madre perché si sa «Le guerre in famiglia non portano mai niente di buono. Alla fine perdono tutti.»

Un romanzo che segue le tortuosità della mente. “Fai ciao” di Flavio Ignelzi

Nonostante l’apparente guarigione del ragazzo, quel continuo lottare con la vita di tutti i giorni che ha il sapore di normalità, fa camminare il lettore insieme al protagonista su un ponte di legno vacillante in bilico nel vuoto, ogni passo è pericoloso, ogni situazione sembra corrodere i pezzi di legno, finché non arriva il peggio, l’evento traumatico, che taglia come una lama d’acciaio tutte le possibilità di salvezza e fa crollare il ponte nel dirupo. La caduta di Samuel lo fa rinascere mostro, lo fa rinascere come il «Minotauro che rappresenta la bestialità, perché gli animali agiscono in maniera violenta solo per istinto di sopravvivenza, mentre gli esseri umani, dotati di raziocinio, potrebbero fare a meno di tutte le forme di brutalità e crudeltà.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Guardare con gli occhi di un ragazzo la crudeltà umana fa raccapricciare, la famiglia che dovrebbe essere un luogo sicuro, un riparo da qualsiasi mostruosità, diventa invece il nido degli orrori.

«Per un bambino la famiglia è il posto più sicuro della terra. Poi il bambino cresce, diventa adolescente e le cose cambiano. La famiglia può diventare persino un posto pericoloso, non è così?»

 

Un libro ricco di dolore e inquietudine che fa riflettere sulla mente umana e sui suoi meccanismi che se messi in moto in maniera sbagliata generano follia e irrazionalità.


Per la prima foto, copyright: Norbert Kundrak su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.