Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Trilussa, ironia e riflessione in versi

Trilussa, ironia e riflessione in versiIl 26 ottobre 1871, a Roma nasceva Carlo Alberto Camillo Mariano Salustri, che però il mondo letterario, e non solo, conoscerà con lo pseudonimo anagrammatico di “Trilussa”.

La sua fama si deve, principalmente, alla produzione in versi dialettali romaneschi, ma egli è stato, oltre che poeta, anche scrittore e giornalista, donandoci col suo sguardo uno spaccato fondamentale della nostra storia, che va dalla monarchia sabauda alla neonata Repubblica.

La famiglia d’origine vive in condizioni economiche difficili, alle quali si aggiungono ulteriori tragedie: nel 1872 Trilussa perde la sorella di appena tre anni, due anni più tardi muore il padre. La situazione migliora quando il padrino di Trilussa, il marchese Ermenegildo de’ Cinque Quintilli, accoglie lui e la madre nel proprio palazzo. Fu grazie al marchese che il piccolo Trilussa conobbe Filippo Chiappini, seguace del grande poeta dialettale Gioacchino Belli, che divenne suo mentore e insistette affinché Carlo proseguisse gli studi, nonostante lo scarso interesse dimostrato dal ragazzo, che infatti li abbandonerà a 15 anni. Gran parte della sua formazione sarà, dunque, da autodidatta, appassionato delle composizioni del Belli.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Nel 1887 firma il suo primo componimento, di ispirazione belliana, come “Trilussa”: l’opera è un sonetto intitolato L’invenzione della stampa, che termina con una critica alla stampa coeva. I versi vengono pubblicati sulla rivista «Il Rugantino», e segnano l’inizio di una prolifica collaborazione che porterà Trilussa a pubblicare quasi un centinaio di opere, in versi e prosa, tra 1887 e 1889. Le collaborazioni proseguono poi con altre riviste, il «Don Chisciotte»e «Il Messaggero», a cui si aggiungono le pubblicazioni delle raccolte poetiche, tra le quali spiccano Favole romanesche, Ommini e bestie, Acqua e vino.

Trilussa, ironia e riflessione in versi

Trilussa consegue successi, e comincia a declamare le sue poesie nei caffè concerto, nei teatri, nei salotti, divenendo poeta-commentatore, e nel 1898 compie il primo viaggio all’estero, a Berlino. Durante gli anni del regime non prende la tessera del Partito fascista, ma i suoi rapporti con il governo rimangono comunque tranquilli, benché la satira politica sia parte integrante della sua produzione.

Diviene, invece, membro dell’Arcadia e della Massoneria, e dal 1922 l’editore Mondadori comincia a pubblicare le sue opere. Nel 1950, il Presidente della Repubblica Einaudi lo nomina senatore a vita, e, dopo soli venti giorni, Trilussa morirà nella sua casa di Roma il 21 dicembre.

Temi fondanti della sua poetica sono la satira e la polemica ironica sulla politica e la società, e non mancano poesie contro il fascismo, la guerra e le derive razziste. Trilussa usa un linguaggio acuto e brillante, condito dal dialetto della borghesia: se il suo modello Belli narrava i ceti più umili, egli fa il contrario, si volge alla vita borghese, ma con tagliente ironia. La produzione di Belli era improntata al realismo, il suo linguaggio si modellava su quello più popolare; Trilussa eleva questo linguaggio, si avvicina maggiormente all’italiano e si concentra sul quotidiano, sulla vita di tutti i giorni, mettendo in bella mostra i vizi umani.

Trilussa, ironia e riflessione in versi

Il suo sguardo spazia dalla corruzione politica ai gerarchi, dai poco chiari affari tra uomini potenti alle grettezze e fragilità delle persone, e il tutto viene reso con metafore incisive, puntuali, che trovano come canale più efficace la formula della favola. Come i favolisti classici, anche Trilussa utilizza gli animali per denunciare i vizi dell’uomo, evitando però di fornire una morale che serva da insegnamento, offrendo piuttosto uno squarcio dei fatti reali, della realtà che tutti possono vedere quotidianamente.

Accanto alle favole e alla satira, grande risalto hanno i temi della riflessione e della nostalgia, che portano a conoscere un Trilussa più malinconico, intimo, crepuscolare, che parla dell’amore e della vita, che riflette sulla solitudine e la vecchiaia, lasciando spesso in secondo piano, in questi casi, sarcasmo e polemica.

Bolla de Sapone è, a questo proposito, uno dei suoi più intimi componimenti, che nella strofa finale recita:

Son bella, si, ma duro troppo poco.

La vita mia, che nasce per un gioco

come la maggior parte delle cose,

sta chiusa in una goccia. Tutto quanto

finisce in una lacrima di pianto.

 

La caducità della vita, la riflessione sconsolata della consapevolezza che il tempo va avanti e ciò che si è perduto non si recupera.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Trilussa è molto di più del poeta dialettale che conosciamo, è un acuto osservatore che ha spaziato sugli aspetti della vita, pur con occhio ironico, ma sempre efficace. Il suo pensiero e i suoi componimenti sono più che mai attuali, e necessiterebbero di una rinnovata attenzione.


Per la prima foto, copyright: Christopher Czermak su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.