Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Tra etica e moralità nell’epoca dell’indistinzione

Etica, moraleOccuparsi di etica e moralità, alle soglie del 2012, potrebbe apparire, per certi versi, anacronistico perché sembrerebbero altri i moventi che muovono i nostri orientamenti: la crisi economica, lo spread, i no tav, la difesa di interessi di gruppo. Forse addirittura non interessa nemmeno tanto operare una distinzione tra le due perché la nostra volontà desidera altro o meglio ancora è costretta, ad adeguarsi al desiderio standard di soddisfare bisogni primari, in una visione materialistica e particolaristica della vita. La noncuranza e il qualunquismo potrebbero sembrare le uniche due strategie  di fuga: da un lato il « S'i fosse fuoco, arderei 'l mondo» di Cecco Angiolieri rivive nelle arringhe di piazza di Beppe Grillo, dall’altro, una svalutazione del motto oraziano «Dum loquimur fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero», ridotto ormai a rappresentare un invito a godere il presente, disperando delle possibilità del domani, in una forma di epicureismo forzato, alimentato dalla paura costante di un recesso continuo sul piano economico e sociale. In entrambi gli atteggiamenti, perdura un senso di volontà di distruzione dello status quo che si unisce ad una sfiducia nel futuro, in un domani al quale ci si approccia da una prospettiva sempre meno etica. Ma cos’è il domani all’interno della ricerca di una definizione di etica e morale?
Ci si dibatte tra l’identificazione in un’entità ben definita e misurabile e un quid indefinibile e nemico dell’uomo. Per me il domani ha un volto, un’identità precisa e un carattere definito. Il futuro è un bambino che ci interroga con mille domande e che vuole da te, adulto, passato e presente, tutte le risposte possibili.
Nella costruzione del nostro domani, esiste un’assunzione di responsabilità: siamo noi a dover dare risposte con i nostri comportamenti e le nostre condotte. Ad un bambino dobbiamo tutte le parole del mondo perché ha fame di sapere, parole che non sono solo segni verbali, ma gesti, atti, comportamenti, appunto.
Non basterà tirare in ballo alea e ilinx, la vertigo ci farà girare la testa e ci farà naufragare nel mare dell’incoscienza. Per noi, allora, non sarà dolce come per Leopardi quel naufragio, ma avremo sempre di fronte gli occhi di quel bambino che chiede del domani e che non ha voglia di arrendersi ai nostri rinvii.
In questo gioco tra passato e futuro, ogni domanda e ogni risposta portano a tutte le possibili vie alternative, non sempre di ugual valore e con una conclusione da verificare, mentre la tragedia è sempre dietro l’angolo.
La precisione di un piano cartesiano nella vita ci metterebbe al riparo, ma probabilmente anche in imbarazzo, se non fosse che le mani che lo tracceranno saranno sempre le nostre.
Quel bambino, il domani speranzoso cui si deve ambire, quale strada deve fare per realizzarsi?
Le vie: ecco allora il vero fuoco della questione.
Se l’autostrada che percorriamo si chiama futuro, gli svincoli  hanno dei nomi altrettanto definiti: etica e morale. Sono i nostri comportamenti le risposte che dobbiamo a quel bambino desideroso di sapere e di realizzare.
Assumere dei comportamenti etici significa adeguarsi alla libertà altrui e forse persino limitarsi per il suo bene. Sebbene spesso etica e morale siano considerate equivalenti, nei fatti sono due strade simili introdotte da svincoli diversi.
È importante, a proposito di etica, cercare di riflettere sulla distinzione tra bene e male.
In particolare, la memoria del passato è il fondamento ideale per orientarci nella distinzione tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, nella consapevolezza che il domani è figlio di scelte passate e comportamenti attuali e che un atteggiamento alla Cecco altro non è che l’altra faccia di un materialismo eccessivamente orientato al consumo dell’immediato senza un piano etico che guardi al domani.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.