Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Sui sindaci africani l’ennesimo sbaglio di Saviano

Sui sindaci africani l’ennesimo sbaglio di SavianoInteressante l’ultima uscita di Roberto Saviano sui sindaci africani. Interessante ma piuttosto sterile sul piano dell’avanzamento del dibattito nazionale sui diritti degli stranieri. Tanto è vero che, lungi dall’aprire una discussione sul diritto di voto, l’ennesima sparata mediatica ha ridato fiato alle trombe delle destre.

Ora, chi conosce e pratica i processi democratici sa bene che essi vanno costruiti facendo i conti con i numeri e la qualità degli stessi, più che con i desideri dei singoli. Affinché l’Italia possa arrivare ad avere sindaci di origine o provenienza africana, è necessario lavorare duramente affinché cambi la normativa sul diritto di voto, sulla godibilità dei diritti politici, sulla cittadinanza per le seconde generazioni. O pensiamo davvero che si possa così, ex abrupto, derogare alle regole della democrazia? Se lo pensiamo ci poniamo anche noi fuori del dibattito democratico, e aderiamo a forme individualistiche di populismo televisivo, come tendono a fare tanto i razzisti quanto alcuni pensatori poco avvezzi alle regole del gioco democratico.

Altro elemento di debolezza dell’uscita di Saviano è il confronto con i numeri. Sul piano demografico, la seconda generazione e la presenza straniera in Italia hanno marchio prevalentemente est europeo e nordafricano: sarebbe quindi stato più aderente alla realtà aver detto di sognare sindaci magrebini o arabi o albanesi o rumeni. La demografia non è materia difficile da possedere anche per chi non viene da studi statistici, soprattutto se dal terreno del desiderio (pensar per desideri) si passa a ogni piè sospinto nel terreno della politica e della democrazia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Ultimo aspetto, il più debole, quello meramente politico. Sollevare oziose polemiche sulla pelle dei destinatari dei diritti (come tende a fare spesso la Boldrini) alimenta oltremodo la reazione neofascista, e questo lo sappiamo tutti noi che con i media e con la scrittura ci lavoriamo responsabilmente ogni giorno.

 

LEGGI ANCHE – Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

 

Uno scrittore può darsi un ruolo da intellettuale solo se, come fanno molti altri, si mette in gioco davvero costruendo consenso intorno a una legge per il diritto di cittadinanza, a una normativa che cominci a stimolare un dialogo laico e non teologico tra le fedi, a una che abroghi la Bossi-Fini. È chiedere troppo? Al contrario, è domandare il minimo sindacale. È semplicemente fare quello che figure come Camus e Genet hanno fatto quando i tempi e i toni erano ben più duri di quelli attuali. Quando il governo del dibattito pubblico passava attraverso i libri e lo studio, non dagli studi televisivi e dai talk show.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.