Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Storia di una paternità mancata. “L’ultimo lupo” di Corrado Fortuna

Storia di una paternità mancata. “L’ultimo lupo” di Corrado FortunaQualcuno se lo ricorda come protagonista di My name is Tanino di Carlo Virzì, ma Corrado Fortuna, attore e regista siciliano, è anche scrittore e torna in libreria con il suo nuovo libro, L’ultimo lupo, edito da Rizzoli.

Il lettore è da subito trascinato nella vita del protagonista, Tancredi Pisciotta che ha 40 anni, vive a Milano e ha un grande bisogno da colmare, un vuoto che non riesce a riempire: avere un figlio. Il fatto che la paternità tardi ad arrivare è il carburante che spinge Tancredi a lasciare il capoluogo lombardo per tornare, per qualche giorno, nella sua Piano Battaglia, in Sicilia.

Il ritorno nella sperduta terra tra le montagne, dove è cresciuto e dove per primo arrivò suo nonno, porterà il giovane uomo a fare ritrovarsi in un ambiente dal sapore antico e atavico nel quale però qualcosa di misterioso lo coinvolgerà in modo completo.

Il tutto comincia in una notte di luna piena quando Tancredi trova un pastore marocchino di nome Amir gravemente ferito alla testa, che sussurra in modo continuo: «Il lupo». Dopo l’aggressione, nel piccolo centro abitato cominciano a diffondersi i pettegolezzi e le chiacchiere, perché tutti sanno che l’ultimo lupo che si aggirava per le Madonie è stato eliminato tempo prima e allora chi ha aggredito Amir? Un nuovo lupo o qualcuno del paese?

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Tancredi è alla ricerca di pace, perché quel non riuscire ad avere un figlio è un grande dolore per lui e dalle pagine in cui è trattato il tema emerge la profonda sensibilità di Fortuna nell’affrontare l’argomento della sterilità maschile che affligge il suo protagonista. Tancredi sarà però costretto a dedicarsi al fatto drammatico che ha colpito la piccola comunità, perché in quel paesino sperduto sui monti, dove il protagonista si è rifugiato per fare i conti con se stesso, dovrà invece confrontarsi con una realtà umana e fattuale molto complicata, nella quella non solo i fatti, ma anche le persone non sono quello che vogliono fare crede di essere.

Storia di una paternità mancata. “L’ultimo lupo” di Corrado Fortuna

Ciò che colpisce di questo minuscolo mondo incastonato sui monti è il porsi come una sorta di realtà a parte, isolata da tutto il resto che lo circonda, dove il pregiudizio verso il “diverso” (non solo Amir, ma anche Angela ne è vittima) è molto diffuso, ed è quello che impedisce di vedere il mondo per come è davvero e di comprendere le persone con i loro pregi, difetti e fragilità.

Accanto a Tancredi ci sono due personaggi femminili curiosi e interessanti per la narrazione. La prima è Angela, anche lei come Amir è ritenuta la diversa, perché è la stramba, è la persona alla quale, secondo tutti, manca qualcosa. La ragazza ha una ventina di anni e si comporta in un modo un po’ selvatico, tanto che è guardata con sospetto da tutti. Inoltre, la giovane ha smesso di parlare fin da bambina, e nessuno sa bene perché. Guardando i suoi occhi, Tancredi si rende conto che Angela non parla per una scelta propria, perché ha visto o assistito a qualcosa che l’ha sconvolta e l’ha spinta a chiudersi nel suo mondo e a non parlare più. L’altra donna è Gaia Di Bello, l’ispettrice che irrompe a fare luce sull’aggressione ad Amir. Lei ha un fascino che ammalia Tancredi. È una donna vedova, ma non fragile, anzi è forte e pure ossessionata dalla sport – tanto da non perdere occasione di fare jogging appena può, per poi però fumare due pacchetti di sigarette. Due donne diverse per vissuto e età, che smoveranno Tancredi e lo spingeranno all’azione.

Storia di una paternità mancata. “L’ultimo lupo” di Corrado Fortuna

Uno degli altri aspetti interessanti di questo L’ultimo lupo è che non solo Fortuna racconta persone, relazioni umane, verità dolorose e nascoste da troppo tempo, ma lo scrittore siciliano elegge a personaggio narrativo, e non a semplice scenografia, la Natura della Madonie. Il bosco, con la sua atmosfera così affascinate e misteriosa è il luogo in cui Tancredi e i suoi comprimari si muovono, ed è parte fondamentale della narrazione, perché è un testimone che sa meglio di tutti cosa è accaduto ai diversi personaggi che si muovono nelle maglie narrative create dall’autore, che per davvero ha vissuto nel bosco della sua terra prima di mettersi al lavoro al libro.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il libro di Fortuna ha un intreccio narrativo che indaga con acutezza e accuratezza la psiche dei personaggi, il ritmo è incalzante e i colpi di scena sono sempre dietro l’angolo pronti a spiazzare il lettore.

Quello che affascina è che proprio grazie al rapporto con l’impenetrabile dimensione del bosco, i personaggi, pagina dopo pagina, sono portati a fare i conti con gli spettri, i dolori e le menzogne del loro passato, tanto che arrivati alla fine si ha la netta sensazione che in L’ultimo lupo di Corrado Fortuna per ritrovare se stessi sia necessario non solo confrontarsi con il proprio vissuto, ma ritrovare il rapporto con madre Natura.


Per la prima foto, la fonte è qui.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.