Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

“Sono mancato all’affetto dei miei cari”, la parabola di un antieroe

“Sono mancato all’affetto dei miei cari”, la parabola di un antieroeSono mancato all’affetto dei miei cari (Einaudi Stile Libero Big, 2022) è l’ultimo romanzo di Andrea Vitali, il prolifico scrittore di Bellano che aggiunge un'altra tappa al suo lungo viaggio attraverso vizi e virtù dell’Italia di provincia, fotografata con precisione anche in epoche diverse e lontane dal presente, ma restando sempre nell’amata Lombardia.

In questo caso la vicenda non si svolge nella sua Bellano affacciata sul lago di Como, ma in un anonimo paesotto della provincia lombarda, dove il protagonista, che racconta le sue disavventure in prima persona, è orgoglioso proprietario di un grande negozio di ferramenta: qui la sua variegata clientela può rifornirsi di viti, chiodi e attrezzi, ma anche di materiali per l’edilizia, vernici e colori, attrezzi agricoli. Gli affari vanno bene e l’uomo, che vive per il suo negozio, non potrebbe lamentarsi della sua vita metodica e tranquilla, priva di preoccupazioni economiche, se non fosse per i problemi che inizia a riscontrare in famiglia non appena i tre figli si avvicinano all’età adulta.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Alice, la primogenita, è una ragazza studiosa e vorrebbe iscriversi all’università, ma il padre glielo nega, giudicando più che sufficiente il suo diploma magistrale: siamo ancora, presumibilmente, negli anni Sessanta o Settanta del secolo scorso e cosa può fare di meglio all’epoca una brava ragazza di provincia se non sposarsi? Alice si rassegna a fare la maestra, fino a trovare un marito che piaccia ai genitori, anche se il suo futuro si rivela ben presto tutt’altro che roseo e destinato a scontentare la famiglia.

Alberto, il secondo figlio, non manifesta invece nessun interesse per lo studio, ma impensierisce presto i genitori compiendo bravate con gli amici, per porre rimedio alle quali il padre decide di toglierlo dalla scuola che frequentava con scarsissimo profitto e di farlo lavorare a tempo pieno con sé nel negozio di ferramenta: l’idea sembra funzionare, almeno finché non iniziano anche per lui le prime complicazioni sentimentali.

Il terzo figlio, Ercolino, che per anni sembra impegnato esclusivamente a mangiare e a studiare, agli occhi del padre rimane a lungo una specie di alieno, almeno finché non gli viene comunicato che il ragazzo potrebbe intraprendere una brillante carriera universitaria, prospettiva difficile da comprendere per gli smarriti e poco istruiti genitori.

Il nostro protagonista, fiancheggiato da una moglie casalinga a cui vuole bene ma che non perde occasione per contrastarlo difendendo quasi sempre le ragioni dei figli, è costretto a prendere atto, in modo lento ma inesorabile, del fatto che tutte le sue convinzioni sono destinate ad essere scardinate dal trascorrere del tempo, perché il mondo non è più quello in cui è cresciuto e che lui continuava a credere tanto solido e immutabile.

“Sono mancato all’affetto dei miei cari”, la parabola di un antieroe

Gli amanti dei romanzi di Vitali troveranno anche questa volta una rappresentazione fedele di quel “piccolo mondo antico” che costituisce la cornice abituale delle sue storie, popolato da una serie di figure che lo scrittore sa rendere vive davanti ai nostri occhi in poche righe, intessendo la trama di una vita di paese ricca di pettegolezzi, maldicenze e mezze verità, ben prima dell’invenzione e diffusione delle “fake news” di oggi.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il linguaggio riflette alla perfezione il modo di pensare e di esprimersi del protagonista, che racconta la sua storia in un italiano molto colloquiale e diretto, fino allo spiazzante finale che chiude in modo forse un po’ troppo brusco la vicenda.

Ancora una volta, quindi, Andrea Vitali con Sono mancato all’affetto dei miei cari ci offre un fedele spaccato di un’Italia, e in questo caso anche di un certo tipo di maschio italico, che (forse) non c’è più, anche se non ne siamo del tutto sicuri.


Per la prima foto, copyright: Kato Blackmore

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.