Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Separazione emotiva e geografica in “Divorzio di velluto” di Jana Karšaiová

Separazione emotiva e geografica in “Divorzio di velluto” di Jana KaršaiováDivorzio di velluto è il romanzo d’esordio di Jana Karšaiová, nativa di Bratislava, autodidatta nello studio dell’italiano, che ha vissuto a Praga, a Ostia, a Verona dove ha lavorato come attrice.La sua opera prima, edita da Feltrinelli, è un viaggio tra presente e passato scatenato dal ritorno della protagonista nel suo Paese di nascita in occasione del Natale: la Slovacchia.

Da subito l’arrivo in quello che dovrebbe essere luogo di pace e protezione si rivela complesso e carico di tensioni. Le ragioni sono sempre le stesse: la madre della protagonista è tormentata dalla sua solita frustrazione emotiva e personale, mentre il marito, nonché padre, ha il solito vizio che lo porta all’eccesso: bere. I genitori della protagonista sono due caratteri diversi, anzi agli antipodi ma, nonostante questo, restano assieme. L’altra figlia, la sorella di Katarìna, quella che è un po’ la “pecora nera” della famiglia, invece è da tempo lontana, negli Stati Uniti d’America, dai quali non manda quasi mai notizie, lasciando i familiari all’oscuro di tutto. Il fratello invece c’è, e assiste al ritorno della sorella, osservando attentamente il suo modo di fare e prestando attenzione a chi non si è presentato con lei.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Katarìna, slovacca, ha sposato Eugen, ceco. Lei lo ha voluto per cercare di recidere i legami con il mondo delle sue origini, mentre lui si è sposato per sfuggire alle oppressioni del padre, ma le cose non sempre vanno come si spera e Katarìna, torna a casa – sola – per le feste di Natale. Katarìna prova a trovare una piccola pace, però sarà molto difficile riuscirci, visto che tutti hanno notato la mancanza di Eugen e cercano di capire il perché di questa assenza. Katarìna farà il possibile per evitare spiegazioni, perché sa che sarebbe difficile parlarne, ed è consapevole del fatto che sua madre non ha mai visto di buon occhio la loro unione, ritenuta troppo affrettata e avventata.

Separazione emotiva e geografica in “Divorzio di velluto” di Jana Karšaiová

Il viaggio a casa di Katarìna è quindi un tentativo di tornare in quel mondo dove è nata e cresciuta nella speranza di ritrovare nelle persone che sono la sua dimensione familiare un po’ di tranquillitàe invece ci saranno molte incomprensioni e tensioni che graveranno sulla giovane. Katarìna allora cerca un po’ di evasione, ha bisogno di serenità e la sua salvezza sono le compagne di università, tra le quali Viera, che si è trasferita in Italia grazie a una borsa di studio e lì ha avuto una relazione d’amore intensa che però ha lasciato in lei qualche ferita. Questo incontro, scatena un salto nel passato, ma anche un ritrovare legami che si credevano perduti e una complice affinità con l’amica di sempre che racconterà la sua esperienza italiana.

Divorzio di velluto di Karšaiová ha una trama che coinvolge e porta il lettore a voler capire e comprender i fatti narrati. Questo è resto possibile anche dalla definizione psicologica dei personaggi, dai quali emergono le fragilità umane e i tormenti che rendono Katarìna e i suoi comprimari simili ai lettori.

Leggendo attentamente la storia della protagonista ci si rende conto che grazie al muoversi tra passato e presente, Katarìna ci racconta come è stato crescere (ma anche per l’autrice nata a Bratislava) in Cecoslovacchia ai tempi del comunismo, per giungere poi al concetto di divisione. Nel libro infatti si percepisce un senso di separazione, di dissociazione, rappresentato da Katarìna lontana dai i genitori così diversi da lei; dagli suoceri che la trattano sempre con distacco e dal marito che si è preso una pausa e non vuole farsi trovare:

«Ho provato a chiamarlo ma non rispondeva. Ho preso le chiavi e il giubbotto e sono uscita. In ascensore mi sono vista nello specchio, avevo due occhi... erano enormi. Non ci credevo. Sono andata al Riegrovy Sady, il parco dove passavamo le serate estive sdraiati sull’erba con una birra a guardare le torri di Praga che sbucano da sotto la collina. Niente.»

Separazione emotiva e geografica in “Divorzio di velluto” di Jana Karšaiová

La rottura è tratto comune anche nella vicenda personale di Viera, ed è nel racconto dell’amica che vengono presi in considerazione temi molto delicati e attuali come lo spaesamento e le difficoltà del processo di integrazione di chi emigra, spesso e volentieri guardato con sospetto, e le difficoltà della convivenza e del confronto tra culture diverse. Una sofferenza che Katarìna comprende bene e che la riconduce al marito Eugen e a quel biglietto trovato sul tavolo della cucina che ha innescato la frantumazione della loro relazione.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In questo allontanamento sperimentato dalla protagonista riverbera un po’ il destino della Cecoslovacchia e quella scissione (definita Rivoluzione di velluto) avvenuta nel suo Paese di origine, quando ad un certo punto, nel 1992, una decisione del parlamento federale, a lungo discussa, portò la Cecoslovacchia a una suddivisione con, da una parte la Repubblica Ceca e, dall’altra, la Slovacchia.

Sulla scia di queste associazioni durante la lettura si crea il parallelismo tra gli eventi della  Rivoluzione di velluto, relativa allo smembramento in due della Cecoslovacchia in due entità autonome e al primo romanzo di Jana Karšaiová Divorzio di velluto, dove le vite dei protagonisti si intrecciano ai fatti storici associabili a quel lento e costante processo di allontanamento tra due entità sempre più differenti tra loro, ormai del tutto inconciliabili e spinte alla ricerca di una propria identità, tutta da ricostruire dopo le esperienze vissute.


Per la prima foto, copyright: Jen Theodore su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.