Corso SEC

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

“Semina il vento” di Alessandro Perissinotto

“Semina il vento” di Alessandro PerissinottoUn inizio da cronaca secca, fredda, come un notiziario, con un avvocato che incontra il suo cliente, Giacomo Musso, rinchiuso in un carcere di massima sicurezza, trentacinque anni, maestro nel paese montano di Molini, sospettato di qualcosa di terribile legato alla moglie, Shirin, iraniana di famiglia ma francese per nascita e cultura, all'apparenza totalmente integrata in un occidente inclusivo ed esclusivo.

Una storia in cui si fa parlare di tanto in tanto l'avvocato, ma dove è Giacomo a raccontare ai lettori la sua storia d'amore, che poteva essere perfetta, iniziata a Parigi dove viveva facendo due lavori, uno in linea con il titolo di studio e l'altro meno, e dove aveva conosciuto Shirin, diventata poi sua moglie e ora causa della sua condizione di recluso.

Matrimoni interculturali (comunque partiti con le migliori premesse), razzismo, odio per il diverso, integralismo come reazione all'avversione, politica, città interessanti ma fredde e centri piccoli calorosi ma che in realtà ti distruggono dentro: sono tante le tematiche presenti nel libro, tutte attuali, con riferimenti alla realtà di oggi e alla cronaca che spesso passa addosso, senza rimanere, ma che può avere conseguenze devastanti.

Shirin, oggetto d'amore per il suo Giacomo, nata in Francia da una famiglia iraniana benestante, colta ed agnostica, istruita e ben impiegata, è lontana mille miglia dallo stereotipo dell'immigrata ignorante e integralista caro a certe correnti politiche: ma forse è il suo essere troppo occidentale e moderna a cominciare a crearle problemi, dall'amica di Giacomo che la considera troppo spregiudicata, forse solo per gelosia, ai compaesani che la accolgono all'apparenza finché non si mette a voler cantare le loro canzoni al festival montani. E sarà proprio l'odio e l'intolleranza di una certa parte della società che Perissinotto non ha paura di chiamare con il proprio nome politico a portare Shirin a cambiare radicalmente visione della vita e scelte, fino alle estreme conseguenze che coinvolgeranno anche Giacomo, anche se il rapporto tra lui e la moglie si era ormai guastato da tempo, portando lei ad allontanarsi per percorrere una via senza ritorno.

La storia di un grande amore, certo, coraggiosa, mai consolatoria, che va oltre gli stereotipi, per ricordare come si può sempre cambiare, anche in maniera tragica, nel corso di una vita, soprattutto quando si è fatti oggetto di persecuzioni e di attacchi razzisti, che non vanno oltre il luogo comune. Una storia d'amore raccontata come un thriller, fino alla risoluzione (si capisce alla fine cosa è successo veramente, prima solo interrogativi perché Giacomo è in carcere, ha ucciso Shirin o cosa ha fatto?) che lascia senza fiato, per ricordare i guasti dell'odio e dell'ignoranza.

Ed è coraggioso finalmente, in tempi di fughe dalla città e di esaltazione della sana vita nei centri piccoli, ricordare come certe mentalità siano più presenti in posti isolati che non nelle metropoli cosmopolite, e di come il paradiso possa diventare presto un inferno.

Un libro in cui si odia l'odio e in cui si sottolineano le paure di oggi, paure che possono perdere e distruggere tutti i suoi componenti, come avviene a Giacomo e Shirin, coppia di oggi, destinata ad amarsi per sempre come nei migliori romanzi, distrutta da un'avversione contro la quale bisogna creare anticorpi, perché dall'intolleranza può nascere solo intolleranza.

 

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (6 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.