Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Scrittori da (ri)scoprire – Tommaso Landolfi

Scrittori da (ri)scoprire – Tommaso LandolfiTommaso Landolfi (Pico, 1908 – Ronciglione, 1979) è considerato, nonostante una larga produzione letteraria, uno scrittore estremamente di nicchia, anche perché la maggior parte delle sue opere è rimasta pressoché sconosciuta al grande pubblico.

Nasce a Pico, un paesino della provincia allora chiamata Terra di Lavoro, passato dal 1927 alla provincia di Frosinone, in una famiglia di proprietari terrieri benestanti e nostalgici del regno borbonico. Rimane orfano di madre ad appena due anni ed è cresciuto da una zia, perché anche il padre è spesso in viaggio lontano da casa. Compie gli studi a Roma, quindi si iscrive all’università a Firenze, dove si laurea nel 1932 in letteratura russa, frequentando gli ambienti intellettuali della città, tra cui il famoso Caffè delle Giubbe Rosse, e studiando alla perfezione russo e tedesco. Nel 1934 è chiamato a Palermo per il servizio militare, ma il padre riesce a farlo esonerare, grazie alle sue conoscenze nell’esercito, e torna quindi a vivere tra Firenze, Roma e la casa familiare di Pico, collaborando attivamente a diverse riviste letterarie.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Quasi tutti i suoi libri vengono poi pubblicati raccogliendo materiali già apparsi in precedenza su riviste, a partire dalla raccolta di racconti Dialogo dei massimi sistemi con cui esordisce nel 1937. In queste prime storie sono già presenti molti dei suoi temi ricorrenti: l’appassionata ricerca linguistica, con la scelta di vocaboli ricercati e spesso arcaici, il gusto per l’insolito e il fantastico, fino all’orrido e al ripugnante, le visioni surreali.

Seguono il romanzo La pietra lunare (1939) e altre due raccolte di racconti, Il mar delle blatte e altre storie (1939) e La spada (1943). Scrittore inquieto ed eclettico, poco dopo si cimenta anche con un romanzo per bambini, Il principe infelice (1943), a cui ne sarebbe seguito un altro diversi anni dopo, La raganella d’oro (1954).

Scrittori da (ri)scoprire – Tommaso Landolfi

Durante la guerra Landolfi si rifugia per lunghi periodi nei boschi attorno a Pico per evitare i rastrellamenti dei tedeschi, mentre un bombardamento distrugge parte del palazzo di famiglia. Giocatore incallito, nel dopoguerra inizia a recarsi spesso nei casinò di Sanremo e di Venezia: il gioco diventa un altro tema ricorrente delle sue narrazioni, e giocatori sono diversi suoi personaggi.

Racconto d’autunno (1947) è un romanzo in cui si parte da un’ambientazione realistica durante la guerra partigiana a un intreccio che lo avvicina al romanzo gotico. Seguono le raccolte Ombre (1954), In società (1962) e Tre racconti (1964), che vince il Premio Selezione Campiello, ma negli stessi anni Landolfi pubblica anche raccolte di poesie, drammi teatrali di ambientazione tra lo storico e il fantastico e testi diaristici, di cui il più curioso è LA BIERE DU PECHEUR (1953), dal titolo volutamente in maiuscolo e senza accenti che si presta a una doppia traduzione: può essere “la birra del pescatore”, “la bara del peccatore” e viceversa. Il libro è un curioso pastiche che mescola pagine di diario autentiche e inventate, lettere e citazioni di altri scrittori.

Scrittori da (ri)scoprire – Tommaso Landolfi

Nel 1955 Landolfi si sposa e dal matrimonio nascono due figli, Maria detta Idolina (che da adulta diventerà curatrice delle opere paterne) e Landolfo. Al principio degli anni Sessanta la famiglia si trasferisce per alcuni anni ad Arma di Taggia e poi a Sanremo e nello stesso periodo lo scrittore inizia una lunga collaborazione con il Corriere della Sera.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Rien va (1963) e Des mois (1967) sono altre opere diaristiche dedicate soprattutto alla paternità. Un altro tema frequente nelle sue opere è la critica alla società dei consumi, ma compiuta da un punto di vista squisitamente aristocratico e conservatore.

Alla scrittura, Landolfi affianca un’intensa attività come traduttore dei grandi classici russi e tedeschi, ma il suo terreno preferito restano sempre i racconti: Le labrene (1974) vince il Premio Selezione Campiello, mentre A caso (1975) si aggiudica lo Strega.

Amato da Carlo Bo, da Giorgio Bassani e da Italo Calvino, che ne cura successive pubblicazioni di racconti, Tommaso Landolfi viene spesso classificato come surrealista, ma resta un autore che sfugge a ogni inquadramento. Alla fine degli anni Settanta si ammala seriamente e dopo alcune crisi cardiache muore a Ronciglione, presso Viterbo, nell’estate del 1979.

LEGGI ANCHE – Scrittori da riscoprire – Cesarina Vighy

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.