Corso online di editing

Diffondi libro

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Scrittori da (ri)scoprire – Stefano Terra

Scrittori da (ri)scoprire – Stefano TerraStefano Terra è lo pseudonimo di Giulio Tavernari (Torino, 1917 – Roma, 1986), che nasce a Torino in una famiglia di modeste condizioni, comincia a lavorare a tredici anni e svolge diversi mestieri fino all’avvicinarsi della Seconda guerra mondiale, quando inizia a frequentare gruppi antifascisti.

Nel 1941 si rifugia al Cairo ed entra nel gruppo di esuli di Giustizia e Libertà, con i quali avvia quella che diventerà una lunga carriera giornalistica. Scrive anche il suo primo romanzo, La generazione che non perdona – storia di una cospirazione antifascista a Torino nel momento della stipulazione del patto Molotov-Ribbentrop tra Stalin e Hitler – che viene pubblicato per la prima volta al Cairo nel 1944 e sarà ristampato poi in Italia nel 1946 col titolo Rancore.

Per un breve periodo si trasferisce in Palestina, dove in quel periodo si moltiplicavano iniziative di stampo socialista e comunista nei kibbutz, quindi torna a Roma alla vigilia della liberazione della città e qui riesce a pubblicare il suo secondo romanzo,Il ritorno del prigioniero (1944).

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Alla fine della guerra Terra si trasferisce a Milano e collabora per circa un anno alla storica rivista «Politecnico» diretta da Elio Vittorini, ma da giornalista segue con estremo interesse i cambiamenti politici europei negli anni del primo dopoguerra, su cui scriverà poi alcuni saggi. Nel 1953, dopo aver vissuto per tre anni in Jugoslavia come corrispondente per la RAI e l’Ansa, pubblica il volume Tre anni con Tito, in cui analizza la figura del dittatore jugoslavo Josip Broz Tito, che in quel periodo aveva cercato di creare una sorta di “terza forza” che unisse quei paesi che non volevano appartenere ai due blocchi Est – Ovest riunitisi attorno a URSS e USA nel periodo della Guerra Fredda, e che nel 1955 sarebbero diventati il Movimento dei Paesi Non Allineati.

Scrittori da (ri)scoprire – Stefano Terra

Nel 1967 Terra, che da tempo è corrispondente per «La Stampa» in Medio Oriente e nei Balcani, si trova in Grecia e assiste in presa diretta al colpo di stato che costringe alla fuga il re Costantino, instaurando la feroce “dittatura dei colonnelli” che controllerà il paese per sette anni. Le persecuzioni di cui sono vittime molti suoi amici, soprattutto intellettuali e artisti, lo convincono a scrivere delle opere più approfondite, che possano diventare delle testimonianze storiche al di là del rapido resoconto di cronaca: lascia quindi il giornalismo per dedicarsi esclusivamente alla scrittura.

 

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Vincenzo Consolo

 

Negli anni successivi pubblica saggi, libri di viaggio e poesie, finché nel 1974 esce il suo romanzo di maggior successo, Alessandra, che vince il Premio Campiello. È la storia del complesso e doloroso rapporto tra il protagonista, un diplomatico italiano che è divenuto console a Rodi, e la moglie Alessandra che si reca da lui dopo dieci anni di separazione, ma racconta anche molto del grande amore che Terra nutre per la Grecia, che considera la sua seconda patria.

Il romanzo seguente, Le porte di ferro (1979) ha per titolo il nome di un’enorme chiusa sul fiume Danubio che ancora oggi segna il confine tra Serbia e Bulgaria, ma che all’epoca in cui si svolge il romanzo, quando al posto della Serbia c’era la Jugoslavia di Tito, era uno dei punti nevralgici della Guerra Fredda: un luogo da cui transitavano spie, prigionieri, armi e segreti. L’azione è ambientata negli anni della Conferenza di Pace di Parigi, tra il 1946 e il 1947, che l’autore aveva seguito da giornalista, costruendo quindi un classico romanzo di spionaggio che ancora oggi, a distanza di decenni, documenta a fondo le atmosfere e le idee di un momento cruciale della storia del Novecento.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Albergo Minerva (1982) è l’ultimo romanzo dello scrittore, che scompare nel 1986 dopo una lunga malattia. Oggi Stefano Terra fa parte del vasto esercito degli scrittori dimenticati, di cui spesso non vengono neppure più ristampati i libri, ma rimane ancora un importante testimone delle ideologie e degli umori del secondo dopoguerra, di cui ha raccontato mondi e situazioni che sono stati modificati completamente dagli sviluppi successivi della storia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.