Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Scrittori da (ri)scoprire – Renata Viganò

Scrittori da (ri)scoprire – Renata ViganòRenata Viganò (Bologna, 1900 – Bologna, 1976) è stata una delle protagoniste della letteratura nata dalle esperienze della Resistenzae della guerra partigiana, di cui ha saputo descrivere in modo impareggiabile il non certo trascurabile contributo femminile.

Figlia di una coppia borghese, che la incoraggia negli studi e la manda a frequentare il liceo, Renata Viganò nasce a Bologna al principio del ventesimo secolo. Tra i tredici e i quindici anni riesce a farsi pubblicare due raccolte di poesie, ma poco dopo la famiglia subisce un pesante tracollo economico e la ragazza deve dire addio al sogno di proseguire gli studi e di conseguire un giorno la laurea in medicina a cui aspirava.

Nonostante le difficoltà, però, continua a coltivare entrambe le sue passioni: entra nel mondo del lavoro come inserviente in un ospedale di Bologna, diventando in seguito infermiera, ma contemporaneamente continua a pubblicare poesie, articoli e racconti su giornali e riviste. Alla fine del 1935 conosce Antonio Meluschi, poeta e giornalista, di parecchi anni più giovane di lei, che sposa nel 1937 e che la inserisce nell’ambiente politico degli oppositori del regime fascista, con gli amici poeti Roberto Roversi e Pier Paolo Pasolini.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La svolta nella vita della coppia avviene dopo l’8 settembre 1943, quando Meluschi decide di unirsi ai partigiani e Renata Viganò lo segue, agendo soprattutto da staffetta e collegamento tra le diverse formazioni nascoste sull’Appennino attorno a Bologna, portando sempre con sé il figlio Agostino di appena sette anni. Il marito, inviato con altri bolognesi verso Bolzano, viene anche arrestato e torturato dalle SS, ma la fine della guerra li trova sani e salvi e felicemente riuniti a Bologna.

Scrittori da (ri)scoprire – Renata Viganò

Dalle esperienze vissute fino alla liberazione nasce allora il primo romanzo della scrittrice, che rimane la sua opera più conosciuta: L’Agnese va a morire (1949), storia di una donna umile e già avanti negli anni, che dopo la morte del marito andato partigiano e del gatto, rimasto sua unica compagnia, ucciso brutalmente da un soldato tedesco, lascia la sua casa a Comacchio per entrare in clandestinità. Nella sua totale semplicità, Agnese rappresenta alla perfezione tutte quelle donne, spesso rimaste anonime, che diedero un contributo fondamentale alla guerra di liberazione.

Il libro piace moltissimo a Natalia Ginzburg, allora redattrice Einaudi, che ne caldeggia la pubblicazione, e riscuote un grande successo, arrivando secondo al Premio Viareggio.

Scrittori da (ri)scoprire – Renata Viganò

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nel 1952 esce Mondine, un libro inchiesta sul lavoro delle donne addette alla monda del riso nelle campagne della Lomellina, mentre in Donne della Resistenza (1955) Viganò raccoglie le biografie di ventotto donne antifasciste bolognesi cadute durante la guerra di liberazione. Il secondo romanzo, Una storia di ragazze (1962) è un racconto corale, le cui protagoniste sono donne provenienti da ambienti diversi ma accomunate dal fatto di essere tutte profondamente sottomesse al mondo maschile. Seguono alcune raccolte di poesie, mala scrittrice torna ancora una volta agli anni della Resistenza con la sua ultima opera, la raccolta di racconti Matrimonio in brigata (1976).

Nello stesso anno, mentre il regista Giuliano Montaldo gira un film tratto da L’Agnese va a morire, interpretato da Ingrid Thulin e Michele Placido, Renata Viganò si spegne nella sua Bologna, dopo una vita dedicata all’impegno civile come giornalista, narratrice e testimone di un momento fondamentale della storia italiana

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Manlio Cancogni

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.