Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Scrittori da (ri)scoprire – Luisa Adorno

Scrittori da (ri)scoprire – Luisa AdornoToscana di nascita e siciliana d’adozione, Luisa Adorno (Pisa, 1921 – Roma, 2021) racconta come pochi altri la provincia italiana del secondo dopoguerra.

Nasce a Pisa nel 1921 come Mila Curradi: il fratello minore, Mauro (1925-2005) sarà a sua volta romanziere, oltre che operatore culturale presso diversi istituti italiani di cultura all’estero. Trasferitasi a Roma durante la guerra, Mila partecipa alla Resistenza, si laurea in lettere e per quarant’anni insegnerà italiano nelle scuole medie e superiori.

Conosce Cosimo Stella, di origini siciliane, lo sposa e per qualche tempo convive anche con i suoceri, iniziando a trascorrere parte delle vacanze estive nella casa di famiglia in Sicilia, in un podere sulle pendici dell’Etna: subisce da subito il fascino dell’isola, così diversa dalla sua regione d’origine, tanto che vi ambienterà quasi tutta la sua produzione narrativa.

L’esordio avviene nel 1962 con L’ultima provincia, per il quale sceglie, per rispettare la privacy familiare, lo pseudonimo Luisa Adorno: racconta infatti una storia profondamente autobiografica, ritraendo in modo vivace le peregrinazioni della famiglia del marito al seguito del padre, un prefetto trasferito spesso da una città all’altra, prima sotto il fascismo e poi nello stato repubblicano, che mantiene senza cedimenti la sua visione del mondo conservatrice e spesso incapace di comprendere i mutamenti della società.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il libro viene notato e apprezzato da Leonardo Sciascia, all’epoca già scrittore affermato dopo il successo del suo romanzo Il giorno della civetta, che molti anni dopo ne patrocinerà una nuova edizione presso l’editore Sellerio.

Scrittori da (ri)scoprire – Luisa Adorno

Bisogna infatti aspettare gli anni Ottanta per assistere alla vera fioritura della produzione narrativa di Adorno, per la quale la scrittura rimane un hobby secondario rispetto alla professione di insegnante, a cui si dedica con maggiore passione, mentre collabora con diverse riviste letterarie e si impegna in svariati progetti culturali.

Solo dopo la nuova edizione di L’ultima provincia (1983) Adorno pubblica un secondo romanzo, Le dorate stanze (1985), storia di un’amicizia fra tre ragazze negli anni Quaranta che si svolge nella Toscana dell’infanzia e dell’adolescenza, a cui segue Arco di Luminara (1990), che vince diversi premi, tra cui il Viareggio, ritratto di una famiglia patriarcale siciliana in bilico tra tradizione e innovazione.

Scrittori da (ri)scoprire – Luisa Adorno

Se la Toscana appare legata a ricordi più cupi a causa della devastante esperienza della guerra, la Sicilia viene descritta come una terra di elezione, calda e luminosa. Adorno scrive ricostruendo il suo passato recente, in un certo senso rivivendolo in forma critica grazie al distacco che c’è tra gli anni che descrive e il momento in cui lo fa. Interessante e ben calibrato è anche l’uso del dialetto, perché è impossibile raccontare la Sicilia senza ricorrere al dialetto, di cui in questa regione si continua a fare un uso più largo rispetto a ciò che accade in altre zone d’Italia.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Seguono altri romanzi: La libertà ha un cappello a cilindro (1993), Sebben che siamo donne (1999), Tutti qui con me (2008), premiati con vari riconoscimenti, e i racconti di Come a un ballo in maschera (1995).

Direttrice per qualche tempo della Fondazione Sciascia, Luisa Adorno è morta pochi giorni fa, il 12 luglio 2021, appena tre settimane prima di compiere cento anni.

La casa editrice Sellerio, che ha pubblicato quasi tutti i suoi romanzi, ha appena inserito L’ultima provincia nella sua nuova collana di narrativa “Promemoria”, che ha lo scopo meritorio di riproporre ai lettori titoli di pregio del catalogo editoriale spariti da tempo dalle librerie.

Scrittori da (ri)scoprire – Giorgio Saviane

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.