Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Scrittori da (ri)scoprire – Italo Calvino

Scrittori da (ri)scoprire – Italo CalvinoConsiderato uno dei più importanti scrittori italiani del Novecento, Italo Calvino (Santiago de las Vegas, 1923 – Siena, 1985), nasce per caso nell’isola di Cuba, dove il padre Mario, agronomo, e la madre Eva Mameli, prima docente italiana di botanica, si sono trasferiti dopo un soggiorno in Messico, chiamati a collaborare alla riforma agraria del dittatore Porfirio Diaz. A Cuba Mario Calvino dirige per qualche anno una stazione sperimentale agronomica: la madre sceglie per il primogenito il nome Italo per ricordargli le proprie origini, pensando di vivere a lungo all’estero, ma appena due anni dopo la famiglia torna in Italia e si stabilisce a Sanremo, città d’origine del padre, dove nel 1927 nasce il secondo figlio, Floriano.

I due fratelli crescono serenamente nella villa di famiglia, circondata da un giardino nel quale i genitori compiono esperimenti botanici facendo attecchire piante tropicali: è anche a Mario Calvino, divenuto responsabile della Stazione sperimentale di Floricultura, che Sanremo deve il soprannome di “città dei fiori”. Mario ed Eva Calvino nutrono simpatie socialiste ed educano i figli da agnostici, senza tuttavia fare opposizione attiva al regime fascista.

Italo frequenta il liceo, qui ha per compagno, e poi amico per tutta la vita, Eugenio Scalfari, futuro fondatore del quotidiano «La Repubblica». Si iscrive controvoglia alla facoltà di agraria a Firenze, ma darà solo pochi esami, mentre inizia a coltivare l’abilità nel disegno, stimolata da una grande passione per i fumetti, e a scrivere recensioni cinematografiche e altri pezzi brevi.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Dopo l’armistizio e la nascita della Repubblica di Salò, Calvino si nasconde per qualche mese per evitare la chiamata alle armi, quindi entra col fratello in una brigata partigiana: da questa esperienza nascono i suoi primi due libri, il romanzo Il sentiero dei nidi di ragno (1947), in cui la guerra partigiana è descritta attraverso lo sguardo di un bambino, e la raccolta di racconti Ultimo viene il corvo (1949).

Scrittori da (ri)scoprire – Italo Calvino

Alla fine della guerra, Calvino si iscrive alla facoltà di Lettere a Torino e dopo la laurea inizia una collaborazione con la casa editrice Einaudi che durerà, sotto varie forme, per tutta la vita. Diventa amico di Cesare Pavese, il cui suicidio lo segnerà profondamente, e di Elio Vittorini, si iscrive al PCI e collabora con i suoi giornali, «L’Unità» e «Rinascita», oltre che con diverse riviste, e compie numerosi viaggi all’estero come inviato speciale.

Il visconte dimezzato (1952) è il primo romanzo della futura trilogia I nostri antenati, a cui seguiranno Il barone rampante (1957), vincitore del Premio Viareggio, e Il cavaliere inesistente (1959). Negli stessi anni lo scrittore si dedica a un progetto di recupero e riordino delle fiabe popolari, che vanno a comporre il volume Fiabe italiane (1956), diventato in breve tempo un classico del genere, seguito da un corposo volume di Racconti (1958): nel frattempo lascia il PCI, come molti altri iscritti, in seguito al rapporto Kruscev sui crimini di Stalin e all’invasione sovietica dell’Ungheria.

Dopo una relazione con l’attrice Elsa de Giorgi, con la quale scambia un appassionato epistolario pubblicato solo molti anni dopo, nel 1962 a Parigi Calvino incontra Ester Judith Singer, detta Chichita, traduttrice argentina di origine ebraica che lavora per organismi internazionali, che sposa a Cuba nel 1964. Durante quel soggiorno sull’isola incontra anche Ernesto Che Guevara, a cui dedicherà vari articoli in occasione della morte, avvenuta tre anni dopo.

Scrittori da (ri)scoprire – Italo Calvino

Dopo La giornata di uno scrutatore (1963), denso di riflessioni sulla società del boom economico, esce Marcovaldo (1963), una raccolta di venti racconti per ragazzi destinata ad avere un grande successo.

Nonostante questo, Calvino appare insoddisfatto della propria esperienza letteraria, fino a ipotizzare di non scrivere più, proposito che non rispetta ma che si traduce in lunghi silenzi, nella progettazione di opere mai portate a termine e infine in un cambio netto di genere: Le cosmicomiche (1965) e Ti con Zero (1967) sono racconti che fondono fantascienza e mondo del fumetto.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Trasferitosi per diversi anni a Parigi, Calvino conduce una vita appartata, lontano sia dagli ambienti letterari italiani, sia da quelli francesi, dove pure è molto apprezzato, ma continua a scrivere saggi e articoli per la stampa.

Le città invisibili (1972) consiste in una serie di dialoghi immaginari tra Marco Polo e Kublai Khan, in omaggio al Milione, in cui vengono raccontate cinquantacinque città fantastiche.

Seguono Il castello dei destini incrociati (1973), sul mondo dei tarocchi, e Se una notte d’inverno un viaggiatore (1979), forse l’opera più affascinante e più discussa dello scrittore, un metaromanzo in cui il Lettore protagonista non riesce mai a proseguire la lettura di un volume iniziato perché spinto da vari motivi a cominciarne un altro: un libro sul piacere della lettura e sulla capacità dell’autore di sperimentare stili differenti.

Tornato in Italia, Calvino collabora con il Corriere della Sera, su cui pubblica i racconti che diventeranno poi la raccolta Palomar (1983). Invitato a tenere una serie di conferenze ad Harvard, scrive nell’estate del 1985 quelle che saranno pubblicate postume come Lezioni americane (1988), ma non riesce a recarsi negli Stati Uniti: colpito da un ictus nel mese di settembre, muore dopo pochi giorni, appena sessantaduenne, all’ospedale di Siena.

LEGGI ANCHE – Scrittori da riscoprire – Marino Moretti

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.