Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Scrittori da (ri)scoprire – Giuseppe D’Agata

Scrittori da (ri)scoprire – Giuseppe D’AgataGiuseppe D’Agata (Bologna, 1927 – Bologna, 2011), sceneggiatore e autore di radiodrammi e soggetti televisivi, è uno di quegli autori che sono rimasti per lo più sconosciuti al grande pubblico pur avendo prodotto opere di grande successo.

Nasce a Bologna da una famiglia di origine molisana. Il padre è un tipografo e trasmette al figlio la passione per la stampa, così come veniva realizzata prima dell’avvento dei macchinari più moderni e poi del digitale. A quindici anni arrivano in casa un paio di romanzi vinti dal padre a una lotteria e il giovane D’Agata scopre che esiste una narrativa contemporanea oltre ai classici studiati a scuola, in particolare un romanzo così particolare come Conversazione in Sicilia di Elio Vittorini. Due anni dopo, appena diciassettenne, se ne va di casa per entrare in una brigata partigiana d’ispirazione socialista e solo al termine della guerra riesce a completare gli studi, iscrivendosi anche alla facoltà di medicina.

Appassionato di pittura e di musica, dipinge e fa il batterista professionista in un’orchestra per un paio d’anni, mentre scrive anche i primi racconti, di chiara ispirazione vittoriniana.

Nel 1955 si laurea in medicina e inizia ad esercitare la professione, ma rimane strettamente legato al mondo letterario, collaborando a giornali e riviste dove pubblica racconti e tiene anche una rubrica di critica d’arte.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il suo primo romanzo, L’esercito di Scipione esce nel 1960 e ottiene una delle segnalazioni minori al Premio Viareggio: è la storia di un gruppo di soldati italiani che dopo l’armistizio dell’8 settembre decidono di disertare e di andare alla ricerca di un rifugio dove nascondersi. Il libro ottiene un discreto successo, viene ristampato più volte e molti anni dopo, nel 1977, diventerà anche uno sceneggiato televisivo diretto da Giuliana Berlinguer.

A partire dal 1963 D’Agata inizia una fitta collaborazione con la RAI, per la quale scrive adattamenti radiofonici di racconti, una versione del Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa trasmessa in varie puntate e alcuni radiodrammi. L’anno successivo esce il suo romanzo più celebre, Il medico della mutua (1964), una satira impietosa della sanità dell’epoca, che suscita furiose polemiche ma ottiene un largo successo, grazie soprattutto al successivo adattamento per il cinema, diretto da Luigi Zampa e interpretato nel 1968 da Alberto Sordi. Nei tre anni successivi D’Agata lascia la libera professione per fare il medico scolastico a Bologna, ma nel 1967 abbandona definitivamente la medicina e la sua città per trasferirsi a Roma, dove continua a lavorare con la RAI e viene anche eletto segretario del Sindacato Nazionale Scrittori.

Scrittori da (ri)scoprire – Giuseppe D’Agata

Dopo il romanzo sperimentale Il circolo OTES (1966), esce Primo il corpo (1971), una metafora dei rapporti tra arte e scienza imperniata sui personaggi di Leonardo da Vinci e François Villon. Nello stesso anno la RAI manda in onda Il segno del comando, scritto e sceneggiato da D’Agata, un thriller con elementi paranormali che rimane tra le fiction di maggior successo per numero di spettatori in tutta la storia della televisione italiana.

La cornetta d’argento(1973) è la rielaborazione di una storia scritta anni prima, che con il titolo Bix e Bessie aveva vinto il premio letterario ideato per celebrare il ventennale della Resistenza: i protagonisti scoprono l’antifascismo attraverso la musica jazz.

Anche Il dottore (1976) torna al passato, narrando la vicenda di un uomo che nel 1940 progetta di assassinare Mussolini per evitare che l’Italia entri in guerra.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Seguono I giorni della speranza (1978), America oh key (1984), la versione romanzata de Il segno del comando (1987) e alcuni romanzi di fantapolitica pubblicati a puntate su riviste, fino a I ragazzi del coprifuoco (2005), che rievoca episodi della Resistenza vissuti dal punto di vista di un adolescente.

Scrittore individualista e appartato, nonostante i successi televisivi Giuseppe D’Agata rimane sempre al di fuori degli ambienti e delle mode letterarie, fino a lasciare Roma per tornare nella sua Bologna, dove trascorrere gli ultimi anni di vita continuando a occuparsi con passione di arte contemporanea e dove muore nel 2011.

LEGGI ANCHE – Scrittori da riscoprire – Alberto Arbasino

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.