Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Scrittori da (ri)scoprire – Giulio Angioni

Scrittori da (ri)scoprire – Giulio AngioniConosciuto in primo luogo come antropologo, Giulio Angioni (Guasila, 1939 – Settimo San Pietro, 2017) è anche, con Sergio Atzeni e Salvatore Mannuzzu,  uno dei primi esponenti della cosiddetta “Nuova letteratura sarda”, definizione che accomuna tutti quegli scrittori affermatisi, negli ultimi quarant’anni, che hanno messo la Sardegna, la sua cultura e la sua ricchezza linguistica al centro delle loro narrazioni: tra i più recenti, troviamo Marcello Fois, Michela Murgia, Milena Agus, Francesco Abate e molti altri.

Angioni nasce in una famiglia di agricoltori a Guasila, un piccolo borgo non lontano da Cagliari, dove frequenta l’università e si laurea in antropologia. Insegna in Francia e in Germania e diventa presto titolare della cattedra di Antropologia Culturale nella stessa Università di Cagliari. Pubblica numerosi saggi sul mondo dei contadini e dei pastori sardi, oltre che su vari temi riguardanti l’antropologia del lavoro, delle tecniche e dei metodi di produzione agricola.

Alla corposa produzione saggistica e alle collaborazioni con giornali, riviste e televisione, Angioni affianca presto i prodotti di una profonda vocazione letteraria. Esordisce nel 1978 con A fogu aintru/A fuoco dentro, una raccolta di racconti scritta in sardo e in italiano, in cui trasferisce in forma di narrazione gran parte dei temi che costituivano già la materia prima dei suoi lavori accademici.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Segue una seconda raccolta di racconti, Sardonica (1983), quindi è la volta di parecchi romanzi, a partire da L’oro di Fraus (1988), che può essere considerato il capostipite dei numerosi romanzi noir di ambientazione sarda che sono stati pubblicati in seguito e che continuano ad avere uno spazio ragguardevole nelle librerie. Fraus, paese immaginario che si ispira ai luoghi dell’infanzia di Angioni, tornerà direttamente o indirettamente in gran parte delle sue opere successive: protagonista di questo primo romanzo è il sindaco del paese, che si trova a dover fare luce sul brutale omicidio di un ragazzino, scoprendo verità inconfessabili sul mondo che lo circonda.

Seguono Il sale sulla ferita (1990) e Una ignota compagnia (1992), nel quale l’ambientazione si sposta a Milano, per raccontare l’integrazione nella metropoli di un sardo che stringe amicizia con un migrante nero, suo compagno di lavoro. Entrambi i romanzi sono finalisti al Premio Viareggio.

Scrittori da (ri)scoprire – Giulio Angioni

Tra le numerose opere successive spicca Millant’anni (2002), che in sedici capitoli racconta sedici personaggi, nell’arco di tremila anni di storia dalla civiltà nuragica all’età contemporanea, per illustrare l’evoluzione nel tempo di Fraus, e ricordare al lettore le innumerevoli stratificazioni della civiltà che costituiscono il nostro passato.

Anche Le fiamme di Toledo (2006) è un romanzo storico, ambientato nel sedicesimo secolo, quando il regno di Sardegna era controllato dagli Asburgo spagnoli: il protagonista è un magistrato cagliaritano che, chiuso in una cella del carcere di Toledo dove è stato condannato al rogo dall’Inquisizione, rivede tutta la propria movimentata esistenza, rievocando fatti e personaggi realmente esistiti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Dopo altri romanzi che si svolgono nel mondo contemporaneo, come Gabbiani sul Carso (2010) che racconta un’oscura vicenda che si svolge tra Trieste e l’ex Jugoslavia negli anni successivi alla caduta del Muro di Berlino, Angioni torna al romanzo storico con Sulla faccia della terra (2015), in cui racconta le vicende di una bizzarra ed eterogenea comunità insediatasi in un’ex lebbrosario, situato in un’isoletta sarda, ai tempi delle guerre duecentesche tra Genovesi e Pisani per ottenere il controllo della Sardegna.

Negli stessi anni Giulio Angioni pubblica anche alcune raccolte di poesie, scritte parte in sardo e parte in italiano: muore nel 2017, dopo poche settimane di malattia, a seguito di un tumore.

LEGGI ANCHE – Scrittori da riscoprire – Antonio Tabucchi

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.