Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Scrittori da (ri)scoprire – Gianna Manzini

Scrittori da (ri)scoprire – Gianna ManziniGianna Manzini (Pistoia, 1896 – Roma, 1974) è stata la prima scrittrice a vincere il Premio Campiello nel 1971, dopo che le prime otto edizioni avevano premiato solo scrittori di sesso maschile (e un’altra donna, Rosetta Loy, vincerà di nuovo soltanto diciassette anni dopo, nel 1988): le recenti polemiche sulla scarsa presenza di autrici nelle rose di finalisti dei più importanti premi letterari italiani non è certo una novità.

Nata a Pistoia da una famiglia benestante, Gianna Manzini soffre fin da bambina per l’inconciliabilità di pensiero dei genitori: la madre è una rigida conservatrice, il padre nonostante la condizione alto borghese nutre idee anarchiche, tanto che viene esiliato dal regime e muore nel 1925 in seguito a un’aggressione fascista. Questi due genitori, separatisi pochi anni dopo la sua nascita, ritorneranno più volte come personaggi delle sue opere letterarie, perché la ferita della loro separazione sembra non rimarginarsi mai.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Gianna Manzini studia all’università di Firenze, città culturalmente molto vivace negli anni del primo dopoguerra dove si trasferisce con la madre e dove conosce Bruno Fallaci, responsabile culturale del quotidiano «La Nazione» e futuro zio di Oriana Fallaci, che la spinge a pubblicare i primi racconti. I due si sposano nel 1920 e nel 1928 la Manzini pubblica il primo romanzo, Tempo innamorato, che ottiene un buon successo anche presso i critici. Nel 1930 Enrico Falqui eD Elio Vittorini scelgono lei come unica donna da includere nell’importante antologia Scrittori nuovi, che vuole offrire un panorama esauriente delle nuove tendenze letterarie italiane.

Scrittori da (ri)scoprire – Gianna Manzini

L’incontro con Falqui segna la fine del suo matrimonio e l’inizio di una convivenza tempestosa, che durerà comunque per tutto il resto della sua vita. La coppia si trasferisce a Roma e qui Gianna Manzini affianca alla costante attività di scrittrice di alto livello quella di giornalista frivola e scanzonata, che firma sotto pseudonimo delle rubriche di moda e di argomenti leggeri su diverse riviste e quotidiani.

 

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Vittorio G. Rossi

 

Nel 1956, ormai sessantenne, ottiene il primo riconoscimento importante vincendo il Premio Viareggio con il romanzo La sparviera, in cui rievoca una grave malattia avuta da bambina, di cui soffrirà le conseguenze fino alla morte. Scrive per tutta la vita molti racconti in cui affronta temi disparati, con un’attenzione particolare, che oggi potremmo definire ambientalista, per il mondo degli animali, ma nel romanzo Ritratto in piedi (1971), con cui vince il Campiello, e nell’ultima raccolta di racconti Sulla soglia (1973) sono ancora le figure dei genitori a occupare la scena. Muore a Roma nel 1974, pochi mesi dopo il suo compagno Enrico Falqui.

Scrittori da (ri)scoprire – Gianna Manzini

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Giuseppe Ungaretti scrisse a proposito del romanzo La sparviera che sarebbe stata «una delle pochissime opere di cui parlerà la gente di domani», ma la sua profezia non si è avverata e Gianna Manzini è entrata nel grande club degli scrittori dimenticati, pur essendo stata una delle scrittrici più all’avanguardia del suo tempo. Forse la prosa ricca e complessa, da intellettuale raffinata, che è stata apprezzata molto più dai critici e dai colleghi scrittori suoi contemporanei che dal grande pubblico, ne ha fatto una scrittrice per pochi, un’autrice di nicchia: l’unico e vero momento di popolarità è stato quello del Premio Campiello, che l’ha fatta conoscere anche a lettori meno sofisticati, ma la morte avvenuta appena tre anni dopo ha interrotto quello che poteva essere un percorso di scoperta, sia pure tardivo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.