Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Scrittori da riscoprire – Carlo Levi

Scrittori da riscoprire – Carlo LeviCarlo Levi (Torino, 1902 – Roma, 1975) è una di quelle personalità eclettiche che hanno lasciato tracce importanti non solo nella storia della letteratura italiana, ma anche in altri ambiti culturali: è stato infatti prima di tutto un pittore, un politico e solo successivamente è approdato alla scrittura.

Figlio di Ercole Levi, agiato commerciante di tessuti, e di Annetta Treves, sorella del giornalista e politico socialista Claudio Treves, il giovane Carlo cresce nella buona borghesia ebraica torinese, frequenta il liceo Alfieri e si laurea in medicina, anche se, a parte un breve periodo come assistente ospedaliero, non eserciterà mai la professione medica. Già durante gli anni universitari si orienta sempre di più verso la pittura e inizia ad appassionarsi alla politica: amico del grande Piero Gobetti, maggiore di lui di un anno, collabora saltuariamente alla sua rivista «La rivoluzione liberale».

Durante alcuni soggiorni a Parigi, considerata allora il maggior centro artistico europeo, Levi frequenta i molti fuoriusciti italiani che vi si sono rifugiati dopo l’avvento del fascismo, diventa amico dei fratelli Rosselli e partecipa alla nascita del loro movimento antifascista Giustizia e Libertà, diventandone poi di fatto il principale esponente torinese. Il regime non tarda a notare la sua attività: nel 1934 viene arrestato e rilasciato con una semplice ammonizione, ma un anno dopo subisce un secondo arresto, a cui segue la condanna al confino a Grassano, un paese della Basilicata da cui però Levi, esuberante e donnaiolo (si è fatto subito raggiungere dall’amante del momento, Paola Levi, sorella di Natalia Ginzburg e all’epoca ancora moglie di Adriano Olivetti, da cui nel 1937 ha una figlia) riesce a mantenere troppi contatti con altri antifascisti. Viene perciò trasferito ad Aliano, un paese molto più piccolo, di difficile accesso e lontano dalle principali vie di comunicazione.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Qui Levi entra in contatto con la realtà drammaticamente arretrata del meridione più profondo e l’esperienza vissuta si traduce nella stesura del romanzo Cristo si è fermato a Eboli (1945), scritto dopo la grazia ottenuta nel 1936, un lungo trasferimento a Parigi e il rientro in Italia nel 1943 per partecipare alla Resistenza in Toscana.

Scrittori da riscoprire – Carlo Levi

Pubblicato al termine del secondo conflitto mondiale e dopo la caduta definitiva del fascismo, Cristo si è fermato a Eboli ottiene uno straordinario successo e fa passare un po’ in secondo piano la carriera artistica del Carlo Levi pittore, che in quel periodo produce comunque molti quadri ispirati a loro volta agli anni del soggiorno in Basilicata: nel 1961 gli verrà affidato l’incarico di dipingere un grande pannello destinato a rappresentare la regione all’Esposizione Internazionale di Torino, in occasione del primo centenario dell’unità d’Italia.

Nello stesso 1945 Levi inizia una lunga relazione con Linuccia Saba, figlia del poeta Umberto Saba, a cui rimane legato, sia pure in modo discontinuo, fino alla morte.

Negli anni successivi escono altri romanzi: L’orologio (1950) che parla del periodo della ricostruzione post-bellica, Le parole sono pietre (1955) sui problemi sociali della Sicilia e Il futuro ha un cuore antico (1956) sull’Unione Sovietica. Svolge anche un’intensa attività giornalistica per vari quotidiani.

Scrittori da riscoprire – Carlo Levi

Nel 1963, su invito del PCI, Levi si candida alle elezioni come indipendente e viene eletto senatore per due legislature. Nel 1973 viene operato per distacco della retina e ritrovatosi momentaneamente cieco scrive il Quaderno a cancelli, dopo aver ideato una specie di reticolato particolare per poter scrivere anche senza la vista, un libro di memorie destinato a diventare anche il suo testamento poetico, perché al principio del 1975 lo scrittore si spegne a Roma e viene sepolto per sua volontà ad Aliano, che in seguito gli ha dedicato un parco e un premio letterario.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Se durante la sua vita Carlo Levi ha pubblicato un numero relativamente ristretto di opere, la Fondazione creata a suo nome da Linuccia Saba ha provveduto nei decenni successivi a dare alle stampe numerosi volumi realizzati con un paziente lavoro di ricostruzione di una grande quantità di testi inediti: saggi, articoli, poesie, resoconti dei viaggi e discorsi pronunciati nel corso della sua attività come deputato.

Il suo nome resta comunque legato soprattutto a quel Cristo si è fermato a Eboli che ha raccontato, come pochi altri sono stati in grado di fare, la realtà del Sud italiano del suo tempo ed è ancora oggi considerato uno dei capolavori della letteratura meridionalista: nel 1979 il regista Francesco Rosi ne ha anche tratto un film, magistralmente interpretato da Gian Maria Volonté.

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Corrado Alvaro

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.