Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Scrittori da (ri)scoprire – Amelia Pincherle Rosselli

Scrittori da (ri)scoprire – Amelia Pincherle RosselliForse non tutti sanno che Amelia Pincherle Rosselli (Venezia, 1870 – Firenze, 1954) non è stata solo la madre dei fratelli Aldo, Carlo e Nello Rosselli, il primo caduto sul fronte della Prima Guerra Mondiale e gli altri due uccisi in Francia (dove si erano rifugiati per sfuggire al fascismo) da sicari dell’estrema destra francese per ordine di Mussolini,ma anche un’importante scrittrice dei primi anni del Novecento.

Nata a Venezia in una famiglia della buona borghesia ebraica, Amelia Pincherle è sorella di Carlo Pincherle, architetto e pittore, che sarà il padre di Alberto Moravia, e cugina dell’ammiraglio Augusto Capon, la cui figlia Laura, scrittrice e attiva pacifista, sposerà il fisico Premio Nobel Enrico Fermi. Nel 1892 sposa Giuseppe Emanuele Rosselli, livornese, di famiglia agiata e aspirante musicista, ma soprattutto grande amante della vita mondana della capitale, dove la coppia si stabilisce dopo aver vissuto per qualche anno a Vienna.

Pincherle esordisce nel 1898 come autrice teatrale: i suoi drammi Anima e Illusione, in cui critica il perbenismo della società dell’epoca, vengono rappresentati da varie compagnie a partire dal 1901, riscuotendo un grande successo. Seguono il romanzo Felicità perduta (1901) e una raccolta di novelle, Gente oscura (1903), in cui la scrittrice esprime la propria visione politica progressista eleggendo a protagonisti delle sue storie soprattutto le persone più umili ed emarginate dalla società.

Nello stesso anno lascia il marito, che stava dilapidando buona parte del patrimonio familiare, per trasferirsi con i figli a Firenze, dove col tempo s’inserisce attivamente nella vita culturale cittadina, collaborando con diverse associazioni e scrivendo articoli su giornali e riviste. Fino allo scoppio della Prima Guerra Mondiale frequenta l’ambiente nazionalista e interventista, auspicando che un ultimo conflitto possa risolvere le questioni territoriali di Trento e Trieste rimaste insolute e porti a termine l’epopea risorgimentale, alla quale avevano partecipato in modo attivo diversi membri delle famiglie Pincherle e Rosselli, tra cui Pellegrino Rosselli, zio del marito, nella cui casa londinese era morto Giuseppe Mazzini.

Benché impegnata in molte battaglie politiche e sociali, tra cui quella per l’emancipazione femminile, Pincherle continua a dedicarsi al teatro, scrivendo alcune commedie in dialetto veneziano in cui esprime una forte nostalgia per la sua città natale, e pubblica anche due apprezzati romanzi per ragazzi, dirigendo anche per molti anni una collana di narrativa per l’infanzia per la casa editrice Le Monnier.

Scrittori da (ri)scoprire – Amelia Pincherle Rosselli

 Durante il conflitto mondiale, nonostante la morte del primogenito Aldo nel 1916, si prodiga per l’assistenza alle famiglie dei soldati, alle vedove e agli orfani.

Dopo l’uscita del romanzo Fratelli minori (1921), che racconta la crisi di molti giovani della generazione che aveva combattuto al fronte, comincia per Pincherle il buio periodo della dittatura fascista, che la porta a mettere da parte l’attività letteraria, a parte la pubblicazione del dramma Emma Liona (1924). Segue le traversie dei figli Carlo e Nello, socialisti riformisti, raggiungendoli nei luoghi dove vengono inviati al confino e poi nell’esilio francese, ma dopo il loro assassinio nel 1937 lascia l’Italia per rifugiarsi all’estero, tra Francia e Gran Bretagna, fino a raggiungere nel 1940 gli Stati Uniti insieme alle due nuore e ai quattro nipoti: tra loro c’è anche la nipote omonima Amelia Rosselli, figlia di Carlo, futura poetessa e figura di spicco della letteratura italiana nei decenni successivi.

Tornata in Italia nel 1946, Pincherle si batte per il voto alle donne, entra nel Partito d’Azione e continua a portare avanti le sue battaglie scrivendo su numerosi giornali, occupandosi soprattutto di mantenere viva la memoria dei figli e intrattenendo fitte corrispondenze con diversi esponenti del mondo culturale, tra cui il nipote Alberto Moravia. Muore a Firenze nel 1954: le sue Memorie, frutto delle pagine riempite nel corso di una vita molto intensa, vengono pubblicate soltanto nel 2001.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.