Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Scrittori da (ri)scoprire – Alberto Arbasino

Scrittori da (ri)scoprire – Alberto ArbasinoAlberto Arbasino (Voghera, 1930 – Milano, 2020) è uno dei maggiori narratori di quella provincia italiana che, pur con tutti i suoi pregi e difetti, costituisce da sempre l’ossatura del paese.

Nasce a Voghera, in provincia di Pavia, primo di tre fratelli. Dopo la maturità liceale si iscrive alla facoltà di medicina a Pavia, ma alla fine del terzo anno abbandona quel percorso per trasferirsi a Giurisprudenza, presso l’Università Statale di Milano. Si laurea nel 1955, diventa assistente del professor Roberto Ago con cui aveva preparato la tesi e due anni dopo lo segue a Roma, dove Ago ha ottenuto una cattedra a Scienze Politiche. Nello stesso periodo inizia a scrivere racconti e nel 1957 esordisce con la raccolta Le piccole vacanze, editata da Italo Calvino, che comprende vari testi già apparsi su alcune riviste.

Segue una seconda raccolta, L’anonimo lombardo (1959): entrambi i libri, come quasi tutte le opere di Arbasino, avranno diverse riedizioni nei decenni successivi, con modifiche e aggiunte sostanziali, ma i temi principali – la vita di provincia con i suoi limiti e le sue ristrettezze, i salotti dove viaggiano i pettegolezzi – sono presenti fin dall’esordio.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La carriera universitaria offre ad Arbasino la possibilità di viaggiare e di trascorrere dei periodi di studio all’estero: Parigi o cara (1960) raccoglie le brillanti osservazioni annotate durante il soggiorno nella capitale francese. La bella di Lodi è invece un romanzo che esce a puntate su un giornale nel 1960, viene adattato per il cinema da Mario Missiroli e arriverà in libreria solo nel 1972, entrando tra i finalisti del Campiello.

Scrittori da (ri)scoprire – Alberto Arbasino

Fratelli d’Italia (1963) è il più impegnativo romanzo dello scrittore, che raccontando un lungo viaggio attraverso l’Europa di due giovani omosessuali traccia un grande affresco del mondo culturale italiano dell’epoca. Rivisto e ampliato nel 1967, nel 1976 e infine nel 1993, vincerà con quest’ultima edizione il Premio Selezione Campiello.

Arbasino è tra i fondatori del celebre Gruppo 63, definitosi di neoavanguardia, che criticava in modo aspro la narrativa contemporanea, giudicando negativamente autori molto popolari, come Vasco Pratolini, Carlo Cassola o Giorgio Bassani, ma che era destinato a rimanere un movimento elitario, seguito dai critici ma in definitiva ignorato dal grande pubblico. Alcuni esponenti avrebbero raggiunto il successo passando a una narrativa tradizionale, come Umberto Eco o Sebastiano Vassalli.

Nel 1965 Arbasino abbandona la carriera universitaria per dedicarsi solo alla scrittura e al giornalismo, prima collaborando con il «Corriere della Sera» e poi con «La Repubblica», di cui partecipa alla fondazione nel 1976.

Scrittori da (ri)scoprire – Alberto Arbasino

Super Eliogabalo (1969) è un romanzo surrealista, che racconta un fine settimana romano di un moderno imperatore e che suscita parecchie perplessità tra i critici e i lettori.

Uomo colto e curioso, lo scrittore infarcisce i suoi libri di citazioni e rimandi così fittamente intrecciati che a volte stordiscono il lettore, oltre a coniare espressioni entrate nel linguaggio quotidiano, come la famosa “casalinga di Voghera” presa ad esempio di persona comune, oppure la “gita a Chiasso” con cui esortava gli intellettuali italiani ad andare spesso all’estero per rendersi conto di ciò che esisteva al di fuori dei confini nazionali.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nei decenni successivi Arbasino si dedica maggiormente alla saggistica, pubblicando molti resoconti dei suoi viaggi, tra cui Trans-Pacific Express (1981), Mekong (1994), Lettere da Londra (1997), testi di critica letteraria e acute indagini di costume, come Un paese senza (1980) che è un feroce ritratto dell’Italia degli anni Settanta.

Appassionato di politica, si candida per il Partito Repubblicano e viene eletto deputato nella nona legislatura, dal 1983 al 1987, continuando l’attività giornalistica e di saggista.

Muore a Milano, novantenne, nella primavera del 2020. Dieci anni prima, in occasione dei suoi ottant’anni, Mondadori ne aveva raccolto le opere principali in due volumi della collana Meridiani.

LEGGI ANCHE – Scrittori da riscoprire – Libero Bigiaretti


Per la seconda foto, la fonte è qui.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.