Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Remo Chiti, il futurista in mostra

Remo Chiti, il futurista in mostraResterà aperta fino al 31 dicembre 2015 la mostra Remo Chiti – Futurista a Staggia, allestita nella Rocca Medievale di Staggia Senese, piccolo borgo non lontano da Siena.

Chiti, nativo di Staggia (il 26 novembre 1891) e autore di Manifesti Futuristi del Cinema e della Scienza, attivo animatore del Teatro Sintetico, fu uno dei redattori del settimanale «L’Italia Futurista», collaborò attivamente con Marinetti e fu componente della “Pattuglia Azzurra Fiorentina” con Ginna, Corra, Settimelli ed altri. «Remo Chiti – spiegano gli operatori della Fondazione La Rocca di Staggia – rimase molto legato alla sua terra d’origine al punto che proprio quest’ultima ha caratterizzato in modo determinante anche la sua produzione artistica, spesso dedicata ai temi della natura: nuvole, stelle, luna, rendono Chiti e i futuristi della Pattuglia Azzurra dei precursori del Surrealismo». Un tuffo nella memoria, nell’avanguardia del Novecento e nella contemporaneità sorprende il visitatore della mostra dedicata al futurista toscano Remo Chiti.

L’omaggio a Chiti, organizzato dalla Fondazione La Rocca di Staggia e il Lions Club Valdelsa, che fu un artista a tutto tondo, poeta, critico, attore, è un percorso articolato e suggestivo. A partire dalla cornice scelta per questo evento celebrativo, ovvero la Rocca di Staggia, antico snodo viario dei celebri cammini delle vie Francigena e Romea e del Cammino di Compostela.

Remo Chiti, il futurista in mostra

Il progetto allestito si propone di indagare la storia, intesa come memoria, per costruire itinerari contemporanei: il trait d’union è dato paradossalmente proprio dalla Rocca Medievale stessa, una delle poche della sua tipologia rimaste ancora in piedi in Italia e visitabili, considerata avanguardia dell’architettura e della progettazione per le soluzioni tecnologiche adottate nel Trecento, all’epoca della sua costruzione. Essa fa da ponte ideale per il gruppo di artisti che è stato chiamato a incontrare l’opera del futurista Chiti e a creare istallazioni che ne evidenziassero l’assoluta e sorprendente attualità, avviando così un’inedita riflessione sui molteplici significati dello spazio e del tempo e del rapporto tra arte e vita che furono temi fondanti della ricerca del Futurismo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

In mezzo al lavoro, esaltato dalla potenza espressiva dalle mura possenti della Rocca, degli artisti convocati, considerati alla stregua di pellegrini del XXI secolo e ambasciatori di una diversa visione del mondo, le opere di Chiti rappresentano il filo conduttore ed esprimono una modernità ancora viva e vitale. Le riflessioni che “Il Futurista di Staggia” dedica al cielo, all’azzurro, alle nuvole sono la base di partenza per le tre sezioni della mostra: arte multimediale, cucina futurista, abito/abitare, da vivere in maniera soggettiva e personale. Ogni visitatore può spostarsi nello spazio, scrutare, testare personalmente e ricostruire in maniera soggettiva la storia: è passato un secolo, ma in fondo nutrirsi, vestirsi e trovare ristoro per l’animo sono esigenze rimaste ancora intatte.

Remo Chiti, il futurista in mostra

Il Futurismo si sposa al Medioevo e ci trasporta nel futuro. La mostra, a cura di Donatella Bagnoli, progettata dalla Fondazione La Rocca di Staggia con il Lions Club Valdelsa, con il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Poggibonsi e con la collaborazione della Fondazione Primo Conti, contiene anche un originale tributo a Fortunato Depero e a uno dei suoi manifesti più riusciti e fortunati, dedicati al Bitter Campari, simbolo del modernismo in ascesa e anticipatore di mode e stili.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.