Corso SEC

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Quando la casualità segna il destino. “La luna di miele di Mrs. Smith” di Shirley Jackson

Quando la casualità segna il destino. “La luna di miele di Mrs. Smith” di Shirley JacksonUn animo tormentato, quello di Shirley Jackson, non fu certo una donna felice. La dipendenza dall’alcol e un’acuta agorafobia, che la tenne chiusa in casa per sei mesi, sono solo alcuni degli elementi che testimoniano il suo strazio interiore.

Quello di non sentirsi amata dalla propria madre è un dolore che accompagna e segna profondamente la crescita di ogni figlia che viva un’esperienza simile. I successivi tradimenti del marito, la delusione della vita matrimoniale hanno solo fatto da cornice a quel dolore che scava sordidamente e nel profondo alla ricerca di un’accettazione che non arriverà mai per Shirley Jackson.

Come spesso accade, una donna che soffre non è sinonimo di donna fragile. Shirley Jackson ha fatto della sua inquietudine un’arte. Ella ha dato vita a numerosi personaggi, scritto numerosi romanzi, racconti, di cui alcuni autobiografici. e storie brevi, che nascevano spesso per una misteriosa casualità, voluta dal destino. Un’importante produzione letteraria, sovente, specchio di un’avida voglia di rifugiarsi nel suo mondo.

Nell’introduzione del libro La luna di miele di Mrs. Smith di Shirley Jackson, i figli ricordano che

«Nostra madre cercava di scrivere ogni giorno, e conside­rava la scrittura un mestiere a tutti gli effetti. Generalmente lavorava per l’intera mattinata, mentre noi figli eravamo a scuola, e riprendeva la sera, sino a tarda notte. Si sentiva sempre il suono dei tasti della sua macchina da scrivere. Casa nostra spesso era piena di letterati e artisti eminenti. Si tenevano feste leggendarie e partite a poker con pittori, scultori, musicisti, compositori, poeti, insegnanti e scrittori di ogni genere. Ma il suono della sua macchina da scrivere non mancava mai, la sentivamo battere sui tasti sino a notte fonda.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La luna di miele di Mrs. Smith di Shirley Jackson, edizioni Adelphi (traduzione di Simona Vinci), è un libro dalla copertina azzurra, leggero, morbido. In evidenza un dipinto di Andrew Wyeth, L’ora delle streghe.

Quando la casualità segna il destino. “La luna di miele di Mrs. Smith” di Shirley Jackson

Non delude mai la scelta dell’immagine di copertina, sempre coerente e messaggera del contenuto del libro. Le più belle opere di Wyeth, infatti, sono quelle che trattengono il mistero all’interno del dipinto, proprio come nel caso di specie.

Quasi per un gioco del destino, il mistero e la casualità accompagnano anche la nascita di questo libro postumo della scrittrice:

«Parecchi anni fa ci arrivò per posta, senza alcun preavviso, uno scatolone di raccoglitori coperti di ragnatele ritrovati in un fienile del Vermont; erano passati più di venticinque anni dalla morte di nostra madre. Dentro c’erano il manoscritto originale dell’Incubo di Hill House, con gli appunti sullo sviluppo dei personaggi e delle scene, e cinque o sei racconti inediti nei fascicoli di carta copiativa gialla che lei utilizzava per i suoi archivi. I racconti ci erano perlopiù sconosciuti, e cominciammo a prendere in considerazione l’idea di pubblicare una nuova raccolta di opere di nostra madre».

 

La luna di miele di Mrs. Smith è dunque la raccolta di trentuno racconti inediti di Shirley Jackson dal contenuto vario.

 

LEGGI ANCHE – La normalità del male. “Paranoia” di Shirley Jackson

 

Non solo thriller, come in Jack lo Squartatore: «Dopo aver ispezionato la stanza, l’uomo tornò dalla ragazza e, prendendola da sotto le braccia, la trascinò dentro. La buttò sul letto e la coprì. Prese il taccuino dalla borsetta e lo sfogliò finché non ebbe trovato la foto, che si infilò in tasca. Mise la chiave sul comò con accanto il taccuino e poi, appena prima di spegnere la candela, tirò fuori il coltello. Aveva il manico d’osso lucido e una lunga lama affilatissima.»

Non solo mistero come in La brava moglie: «Se ne andò di colpo, prima di aggiungere altro, e si chiuse nello studio. Due stanze chiuse a chiave e separate dal resto della casa, pensò, due stanze lontane fra loro e in mezzo tutta la casa, inutilizzata; il soggiorno, la sala da pranzo, il corridoio, le scale e le camere da letto servivano solo a isolare due stanze chiuse. Scosse la testa con veemenza; era stanco.»

Quando la casualità segna il destino. “La luna di miele di Mrs. Smith” di Shirley Jackson

Ma anche piacevoli racconti di vita quotidiana come in Festa di ragazzi: «Alle quattro e mezzo parcheggiai di fronte al cinema in divieto di sosta, e alle quattro e trentacinque i ragazzi co­minciarono a spuntare, uno a uno, strizzando gli occhi e scartando caramelle. Ognuno, entrando in macchina, diede un buffetto sulla testa a Barry, e io feci un’ansiosa stima di cappelli e giacche, nonché delle intenzioni del poliziotto all’angolo della strada. Quando entrò Laurie mi girai, li contai e dissi: «Ci siete tutti? Stuart?». «Presente» disse una voce dall’ammasso nel retro della station-wagon.»

 

LEGGI ANCHE – “Lizzie” di Shirley Jackson: la scrittrice che ispirò Stephen King

 

Molto intenso ho trovato il breve racconto Non bacio gli sconosciuti: «Non voglio passare questi ultimi minuti con il ragazzo che amo che è stato richiamato alle armi». «Mi dispiace,» disse lui «ma non ci arrivo». «No» disse lei. «Ti scriverò una lettera». Bussarono alla porta e lui disse: «A quanto pare la festa sta finendo». «Già» disse lei. Si alzò in piedi. «Bene...». Lui si fermò davanti alla porta e si voltò. «Non piangerai, vero?». «No» disse lei. Lo aggirò per aprire la porta. Lui fece per abbracciarla, ma lei si sottrasse. «No» disse lei. «Non bacio gli sconosciuti. Ormai dovresti saperlo».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Questi sono solo alcuni dei racconti che si leggono con grande piacere, regalando ora un sorriso, incutendo a volte ansia, traghettando altre volte il lettore in un fitto mistero, che ha radici in eventi casuali e che armoniosamente si rivela in destino. Questa è la magia di Shirley Jackson.

La varietà della raccolta La luna di miele di Mrs. Smith consente di godere del perfetto stile narrativo di Shirley Jackson e rivestirlo con tinte diverse, sempre seducente. Il ritmo è avvincente.


Per la prima foto, copyright: Jonatán Becerra su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.