Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Philip Roth torna a “scrivere” per beneficenza

Philip Roth, In Memory Of A FriendNel novembre scorso, più o meno tutti i grandi media mondiali avevano riportato la notizia: “Philip Roth ha deciso di riporre la penna, non scriverà più”. Dopo la pubblicazione del suo ultimo lavoro, Nemesis, che parla di fallimento, malattia e vecchiaia, l’autore di Goodbye, Columbus (sua opera d’esordio, nel 1959), ma soprattutto di capolavori come Lamento di Portnoy, La macchia umana e Pastorale americana, riconosciuti anche da diversi prestigiosi premi (dal Pulitzer al National Book Award) aveva deciso di chiudere con la letteratura.

Il ritorno, in memoria di un amico – Stupisce, dunque, la recente decisione di Roth di ritornare sui suoi passi, anche se per una buona causa. Il grande scrittore ha cambiato idea, almeno per una nuova opera, in omaggio al suo amico 'Doc' Bob Lowenstein, scomparso qualche mese fa. Lowenstein, che Roth definisce «a friend, a teacher and mentor», aveva ispirato il personaggio centrale di I married a communist, del 1998. Si erano conosciuti nel 1946, quanto lo scrittore aveva appena 12 anni e Lowenstein era appena tornato dalla guerra.

Beneficenza a favore di una biblioteca – Dopo la morte di Lowenstein, Roth scrisse un lungo e toccante elogio funebre sul New York Times. Lo stesso testo è ora disponibile in versione audiobook su Amazon (scaricabile gratuitamente tramite Audible, uno dei “department shop” del famoso store), e per ogni copia “scaricata” verrà versato un dollaro a favore della biblioteca pubblica di Newark, la città dello scrittore. Nell’audiolibro è lo stesso Roth che legge l’elogio funebre al suo amico, quello che, salvo altri futuri ripensamenti, presumibilmente sarà davvero il suo ultimo testo scritto.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.