Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Per una lettura dei “Mottetti” di Eugenio Montale. I benefici della «luce-in-tenebra»

Per una lettura dei “Mottetti” di Eugenio Montale. I benefici della «luce-in-tenebra»Sobre el volcán la flor.

I Mottetti costituiscono la seconda delle quattro parti che compongono la raccolta poetica Le Occasioni di Eugenio Montale. Sono delle brevi liriche che hanno come tema comune l’amore; si può dire che descrivono una particolare visione dell’amore e che raccontano gli effetti che questo sentimento ha prodotto, e produce, nell’animo di chi lo ha vissuto.

Lontano, ero con te quando tuo padre

entrò nell’ombra e ti lasciò il suo addio.

Che seppi fino allora? Il logorìo

di prima mi salvò solo per questo:

 

che t’ignoravo e non dovevo: […].

 

Il ritrovarsi con questo tu è stato necessario («che t’ignoravo e non dovevo»). Per quali motivi? Quest’incontro è stato realizzato come il momento chiarificatore che è riuscito a dare un senso all’esistere del poeta. «Il logorìo/di prima mi salvò solo per questo»: la sopravvivenza ai dolori e ai vari pericoli, soprattutto quelli del primo conflitto mondiale («e mi riporta Cumerlotti/o Anghébeni»), ha trovato una giustificazione nell’incontro con la donna; il poeta è stato preservato perché doveva conoscerla. È un amore predestinato, ma da chi? Dalla donna stessa che, fin da questa raccolta poetica, assume caratteristiche divine, prima tra tutte la capacità di intrecciare al suo i vari destini.

al chiaro e al buio, soste ancora umane

se tu ad intrecciarle col tuo refe insisti.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

Per una lettura dei “Mottetti” di Eugenio Montale. I benefici della «luce-in-tenebra»

In una lirica della parte quarta, Stanze, Montale così la descrive: «In te converge, ignara, una raggèra/di fili», la donna non è altro che il pieno coronamento delle varie esistenze umane. 

Ecco il segno; s’innerva

sul muro che s’indora:

un frastaglio di palma

bruciato dai barbagli dell’aurora.

 

Il passo che proviene

dalla serra sì lieve,

non è felpato dalla neve, è ancora

tua vita, sangue tuo nelle mie vene.

 

Altro motivo che sottolinea l’importanza di quest’incontro è la vita che la donna gli ha donato. Questa lirica rimanda alla memoria due immagini bibliche: «è ancora/tua vita», l’amato non è altro che un involucro che non ha vita in sé, è la donna a infondergli quell’energia che lo fa esistere, un’immagine presente nella storia della creazione, l’uomo non era che un mucchio di polvere e di terra,l’energia vitale fu causata dal soffio di Dio; «sangue tuo nelle mie vene», la figura del sangue rimandaal sacrificio di Cristo sulla croce, anche l’amata ha dato parte della propria vita per l’amato cosicché potesse nascere di nuovo.

Come un tiro aggiustato mi sommuove

ogni opera, ogni grido e anche lo spiro

salino che straripa

dai moli e fa l’oscura primavera

di Sottoripa.

 

Nato di nuovo, l’amato ha ritrovato l’armonia con se stesso («come un tiro aggiustato») econ la realtà («mi sommuove ogni opera»). Se nella prima raccolta, Ossi di seppia, solo l’indifferenza poteva salvare dal tormento del male di vivere, ora è l’amore a farlo riconciliare con «ogni opera, ogni grido». E la fine di questa conflittualità lo fa gridare di gioia:

Imprimerli potessi sul palvese

che s’agita alla frusta del grecale

in cuore… E per te scendere in un gorgo

di fedeltà, immortale.

Per una lettura dei “Mottetti” di Eugenio Montale. I benefici della «luce-in-tenebra»

C’è anche un altro motivo e, questa volta, l’incontro si tinge di religiosità profana. La passione ha permesso il «trapasso» verso uno stadio successivo, ha elevato il poeta dalle «orde d’uomini-capre». Di conseguenza la piena immersione in questo sentimento rimanda al battesimo mediante il quale il poeta ha potuto realizzare una laica santificazione. Questo miglioramento è stato reso possibile grazie al sacrificio compiuto dalla «luce-in-tenebra» e i segni di questo immolarsi sono ancora evidenti: «hai le penne lacerate/dai cicloni». Di conseguenza la donna assurge ad immagine cristologica: grazie al sacrificio da lei compiuto si è realizzata la possibilità che anche altri possano godere dei benefici della rivelazione di cui è portatrice. Il poeta la eleva a sostituta di Dio.

La gondola che scivola in un forte

bagliore di catrame e di papaveri,

la subdola canzone che s’alzava

da masse di cordame, l’alte porte

rinchiuse su di te […].

 

Gli ambienti chiusi sono una costante nella produzione montaliana, per quale motivo? L’amore è un sentimento elitario che si manifesta solo in un cuore disposto a viverlo. Non tutti hanno il diritto di aprire «l’alte porte» ed entrarvi, perché non tutti posseggono quella particolare predisposizione che permette la piena manifestazione della «messaggera accigliata».

[…]; e l’altre ombre che scantonano

nel vicolo non sanno che sei qui.

 

 

Questa clausura richiama gli antichi culti misterici che permettevano l’elevazione dello spirito ma questo obiettivo non era alla portata di tutti.

Già profuma il sambuco fitto su

lo sterrato; il piovasco si dilegua.

Se il chiarore è una tregua,

la tua cara minaccia la consuma.

 

Che sia Liuba, o Dora, o Clizia o Maria Rosa, o Arletta, la donna è sempre una figura in partenza e quindi distante. Il tu non appartiene al «carosello che travolge/tutto dentro il suo giro» che è, però, prigione per il poeta; la donna, per la posizione elevata che occupa, non è di questa dimensione ma un’altra è la sua patria. Dopo aver compiuto il miracolo, conclusa quindi la sua missione, riparte. La «luce-in-tenebra» però ritorna in momentanee ed improvvise occasioni che stuzzicano la memoria ei ricordi dell’amato.      

La tua voce è quest’anima diffusa.

Su fili, su ali, al vento, a caso, col

favore della musa o d’un ordegno,

ritorna lieta o triste. Parlo d’altro,

ad altri che t’ignora e il suo disegno

è là che insiste do re la sol sol

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La sua partenza è causata anche dall’«odore di ragia e di tempesta/imminente»: l’Europa delle Occasioni è sull’orlo della guerra. La donna abbandona la desolata landa nella quale, a breve, si scontreranno gli uomini che hanno creduto più alla «fede feroce» del Fascismo che al suo messaggio. La partenza quindi è necessaria per non “sporcarsi” con la «follìa di morte» che tra poco appesterà il mondo.

[…]. Con un soffio

l’ora s’estingue: un cielo di lavagna

si prepara a un irrompere di scarni

cavalli, alle scintille degli zoccoli.

 

Tra tutte le occasioni, l’incontro con il tu è quello che sicuramente ha lasciato nell’animo del poeta una traccia profonda di sé; nonostante la lontananza della donna amata Eugenio Montale può ancora beneficiare degli effetti di questa passione. Può fare sua la voce della «messaggera accigliata», l’unica che può combattere l’orrore delle «nere cantafavole».

Il ramarro, se scocca

sotto la grande fersa

dalle stoppie –

 

la vela, quando fiotta

e s’inabissa al salto

della rocca  -

 

il cannone di mezzodì

più fioco del tuo cuore

e il cronometro se

scatta senza rumore –

……………………..

e poi? Luce di lampo

invano può mutarvi in alcunché

di ricco e strano. Altro era il tuo stampo.

LEGGI ANCHE – Ho tanta fede in te. Amore e miracoli in Antonia Pozzi ed Eugenio Montale

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.