Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

“Paolo Borsellino. Per amore della verità”, i troppi lati oscuri di via D’Amelio

“Paolo Borsellino. Per amore della verità”, i troppi lati oscuri di via D’AmelioPaolo Borsellino. Per amore della verità (Sperling&Kupfer, 2022) di Piero Melati è uno dei numerosi libri usciti quest’anno per ricordare le stragi di Capaci e di via D’Amelio a Palermo, in cui perirono a distanza di cinquantasette giorni i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a lungo in prima linea contro la mafia.

L’autore, giornalista prima del quotidiano L’Ora di Palermo, per il quale aveva seguito il primo Maxiprocesso a Cosa Nostra negli anni Ottanta, poi in forze a La Repubblica e al suo supplemento settimanale Il Venerdì, dove si occupa di attualità e cultura, con questo libro non ha voluto scrivere l’ennesima biografia del giudice Borsellino, ma ci racconta soprattutto cosa è accaduto dopo la sua tragica morte. Sono stati ben quattro i processi aperti per ricostruire la dinamica dell’attentato di via D’Amelio e accertarne tutte le responsabilità, ma anche l’ultimo di essi, che si è concluso appena pochi giorni fa, il 13 luglio, con l’assoluzione di alcuni poliziotti accusati di aver depistato le indagini, non è arrivato a fare un po’ di luce su quanto accadde a Palermo trent’anni fa.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Melati ci offre in pochi tratti un ritratto di Borsellino, come magistrato ma soprattutto come uomo, marito e padre, per poi concentrarsi soprattutto sugli avvenimenti degli ultimi anni di vita e delle scelte che portarono esponenti di Cosa Nostra, ma di certo con l’appoggio e la connivenza di qualche insospettabile servitore dello Stato, a decretare la sua condanna a morte.

Il fatto che Paolo Borsellino, esattamente come il suo collega e grande amico Mario Falcone, fosse un personaggio scomodo, in grado di turbare un consolidato intreccio di poteri, emerge soprattutto dalla puntigliosa ricostruzione degli avvenimenti successivi alla sua scomparsa, compreso l’atteggiamento ambiguo tenuto dalle istituzioni nei confronti della famiglia del giudice: la moglie Agnese, scomparsa nel 2013, i tre figli Lucia, Manfredi e Fiammetta, la sorella Rita, europarlamentare per il PD e molto impegnata contro la mafia, venuta a mancare nel 2018.

“Paolo Borsellino. Per amore della verità”, i troppi lati oscuri di via D’Amelio

Melati dà voce soprattutto ai tre figli, che solo negli ultimi anni, dopo la scomparsa della madre, hanno deciso di esprimere pubblicamente, in più occasioni, il disagio causato da anni di interferenze nella loro vita privata e di pressioni esercitate nei loro confronti da molti personaggi autorevoli: si è creato un movimento antimafia, racconta Melati, che col passare del tempo si è rivelato spesso ambiguo o addirittura controproducente nella ricerca di una verità sulle stragi, che appare ancora lontana dall’essere raggiunta e resa accessibile a tutti. Fondamentale rimane, ad esempio, il fatto che il giorno stesso dell’attentato qualcuno abbia fatto sparire l’agenda rossa su cui il giudice annotava pensieri, congetture e ipotesi di lavoro che avrebbero potuto sfociare in nuove indagini e portare all’incriminazione di personaggi eccellenti. Quest’agenda non è mai stata ritrovata, anche se alla famiglia è stata consegnata la borsa che la conteneva insieme ad altri effetti personali del magistrato. Cosa conteneva di tanto pericoloso?

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Con Paolo Borsellino. Per amore della verità Piero Melati, che ha vissuto in prima persona a Palermo gli anni più bui della cosiddetta “guerra di mafia” e che ha avuto occasione di incontrare di persona il giudice in più occasioni, ci offre dunque un resoconto prezioso per ricordarci che, se le cerimonie di commemorazione sono utili per mantenere viva la memoria di tanti fatti che hanno segnato il nostro recente passato, non sono sufficienti per lavare le troppe coscienze ancora macchiate da buone dosi di corresponsabilità in questi fatti, oltre che dall’omertà e dai depistaggi che in questi trent’anni hanno impedito di arrivare alla verità completa sulla morte di Paolo Borsellino.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.