Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

“Ora o mai più”, è arrivato il momento di cambiare la scuola

“Ora o mai più”, è arrivato il momento di cambiare la scuolaOra o mai più. La storia di chi ha il coraggio di costruire il futuro è il nuovo libro di Sabrina Carreras pubblicato dalla casa editrice Chiarelettere il 3 marzo 2022. La copertina raffigura la classica sedia che ha accompagnato ognuno di noi durante gli anni di scuola e dei libri scolastici con le materie che forse spaventano un po’ di più delle altre: latino, matematica e storia. Già dal titolo e dalla copertina si intuisce che questo non è un semplice libro che racconta la scuola italiana, ma nasce come strumento, come arma per rifondare il sistema scolastico, per riadattarlo a una società che evolve rapidamente e che non può fossilizzarsi nell’ambito dell’educazione.

La scuola nasce come edificio, un luogo dedicato all’istruzione, e in quanto tale dovrebbe essere costantemente monitorato e ristrutturato, laddove sia necessario, in modo da evitare spiacevoli incidenti che possono trasformarsi in gravi tragedie. Il primo capitolo sottolinea infatti l‘importanza della manutenzione all’interno degli edifici scolastici, in modo da garantire una scuola sicura.

«Siamo davvero consapevoli di quanto l’edificio e lo spazio che esso definisce non sia solo un mero contenitore ma che influenzi anche il contenuto, e cioè la didattica?»

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Sempre parlando di scuola in termini di luogo educativo, le nuove metodologie didattiche non si basano più sul docente e poi sui suoi alunni, ma sono gli studenti che svolgono il ruolo principale nell’apprendimento. A tal proposito la disposizione delle classi dovrebbe cambiare, seguendo questa nuova didattica, infatti, la lezione frontale, con la cattedra di fronte ai banchi, risulta ormai obsoleta in quanto le nuove tecnologie didattiche consentono di sviluppare varie attività legate ai concetti di peer-education, project work e svariati lavori di gruppo favoriti dall’uso della LIM (lavagna interattiva multimediale) e di nuovi strumenti che permettono di creare una connessione tra il mondo della scuola e quello della rete.

La scuola però non deve essere vista solo come luogo in cui si trascorrono ore e ore sui libri, nella speranza di memorizzare più informazioni possibili, ma deve essere un luogo in cui l’apprendimento possa essere stimolato anche da situazioni di svago. Nelle scuole finlandesi, per esempio, si dà ampio spazio al valore del gioco e dell’attività fisica, e data l’impossibilità degli alunni di mantenere la massima concentrazione per una intera ora, le lezioni vengono svolte in 45 o 50 minuti lasciando così del tempo libero. Questa alternanza di istruzione e svago garantisce un’acquisizione maggiore rispetto a una classica lezione improntata solo sulla spiegazione di nozioni.

«Quando i bambini giocano, l’attività della corteccia prefrontale del loro cervello si inspessisce e così le informazioni vengono elaborate più velocemente e viene attività la memoria di lavoro che serve ad avere performance di alto livello.»

“Ora o mai più”, è arrivato il momento di cambiare la scuola

L’Italia invece risulta essere un paese sedentario, sono molti i ragazzi che non praticano sport e che trascorrono ore seduti su una sedia, la scuola potrebbe essere fonte di ispirazione e di cambiamento nei confronti di queste abitudini ben poco salutari sia per la mente che per il corpo.

Nei capitoli successivi si tocca una tematica molto delicata: La scuola come luogo di lavoro prettamente per le donne. Un’alta percentuale femminile ricopre il ruolo di maestra, soprattutto nelle scuole d’infanzia o nei nidi, mentre la percentuale maschile sale nelle scuole superiori di secondo grado. Questa disparità di genere sembra essere dovuta allo stereotipo secondo il quale fare la maestra richieda un istinto materno che è innato nelle donne, per cui è un ruolo adatto a loro, mentre agli uomini spetta il compito di insegnare nelle scuole dove gli studenti sono già più grandi, più autonomi, in quanto si tratterebbe soltanto di impartire nozioni su una materia specifica.

«Ma qual è l’impatto di questo divario di genere sugli alunni?»

 

Questi stereotipi interiorizzati si insinuano nella mente degli alunni già dei primi anni di scuola, e anche se sembrano innocui, in realtà gettano le basi per una società in cui non esisterà mai la parità dei generi, una società in cui i ruoli non vengono stabiliti dalle abilità dell’individuo ma dalla sua appartenenza al genere maschile o femminile.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Questi sono solo alcuni dei punti su cui Ora o mai più fa riflettere. Bisogna aprire gli occhi ed essere pronti al cambiamento. La scuola è il luogo dei giovani, dei futuri cittadini del domani e per loro si deve auspicare il meglio. Nuove strutture, nuovi spazi di apprendimento, nuove metodologie didattiche, e tanto altro per una continua evoluzione che permetta a queste giovani menti di aprire gli orizzonti, di sognare e di intraprendere le carriere più disparate, senza limiti dettati da mentalità retrograde che in passato non hanno avuto il coraggio di osare. Leggere questo libro è importante perché noi lettori dobbiamo essere informati sulle condizioni del mondo dell’istruzione nel presente, in modo da poter dar vita a una nuova educazione per gli studenti del futuro.


Per la prima foto, copyright: Ivan Aleksic su Unsplash.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.