Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Omnia vincit amor? “Una grande storia d’amore” di Susanna Tamaro

Omnia vincit amor? “Una grande storia d’amore” di Susanna TamaroCon Una grande storia d’amore Susanna Tamaro torna in libreria con un romanzo dal grande respiro, pubblicato da Solferino lo scorso anno. Il titolo, indicativo dell’intento narrativo dell’autrice di Va’ dove ti porta il cuore, è un inno ai sentimenti più profondi che possono legare un uomo a una donnae richiama alla memoria del lettore una casistica ‒ che potremmo definire infinita ‒ di pagine e pellicole dedicate all’argomento.

Il racconto è affidato al protagonista Andrea, che al momento della narrazione, ormai adulto, si trova nella sua casa, in completa solitudine, e ripercorre la sua intera vita, voltandosi spesso indietro per ricordare a sé stesso cosa ha avuto e adesso, purtroppo, non ha più.

Quando incontra Edith per la prima volta è poco meno che trentenne, ha un impiego stabile e una relazione finalizzata ‒ come è giusto che sia per un uomo di quell’età e alla soglia degli anni Ottanta ‒ al matrimonio. Da sempre sospinto e attratto dal flusso delle maree, ha intrapreso la carriera marittima; ed è proprio durante uno dei suoi viaggi che si imbatte in una ragazza giovane, circondata da coetanei intenti a fumare sigarette una dietro l’altra, probabilmente tutti diretti in una località di vacanza.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il loro primo incontro non ha nulla di romantico ‒ impostato lui, scontrosa lei ‒ ma lascia presagire un senso di incompiuto, che avrà modo di esprimersi da quel momento in poi in tutta la sua forza. Non meraviglia dunque scoprire che i due si rincontreranno in più occasioni, senza finalizzare ciò che si sospetta accadrà, in un gioco delle parti in cui ciascuno ha i propri motivi per non osare troppo e preferisce rimanere sul filo del rasoio, inviando segnali all’altro ma ritraendosi di continuo davanti alla possibilità di un vero avvicinamento.

Omnia vincit amor? “Una grande storia d’amore” di Susanna Tamaro

D’altronde, Andrea ha davvero molto da perdere: le certezze, costruite a poco a poco negli anni precedenti, gli permettono di muoversi nel mondo con una certa padronanza di sé e di non temere il futuro. È anche vero, però, che una vita preordinata può provocare un senso di claustrofobia, quasi di mancamento; è in questo continuo alternarsi tra desiderio di osare e spinta all’autoconservazione che si configura il primo, evidente accenno a un rapporto amoroso che prenderà forma nel corso dell’intero romanzo.

Non ci sarebbe ‒ arrivati a questo punto ‒ nessuna novità rispetto a un canovaccio che il lettore smaliziato di oggi non abbia già letto e che non avrebbe motivo di voler trovare ancora in Una grande storia d’amore. Per questo, per ravvivare una trama altrimenti inconsistente, la lungimiranza di Tamaro la spinge a introdurre una serie di elementi che funzioneranno come boomerang per arrivare al finale.

Omnia vincit amor? “Una grande storia d’amore” di Susanna Tamaro

Tra Andrea e Edith molte cose capiteranno: coincidenze, dolori, lontananze, separazioni, condivisioni e compromessi. Ingredienti, nessuno escluso, che fanno parte del normale ciclo amoroso di una coppia di persone. Ma, in questo romanzo, alla normalità dei sentimenti si aggiunge l’eccezionalità degli eventi. Eventi di causa maggiore che invertiranno la rotta intrapresa per lidi sconosciuti portando a situazioni spiacevoli, talvolta anche inaspettate e spiazzanti.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non sarebbe corretto preparare il lettore a questi fatti con maggiori dettagli, perché il senso di vaghezza intorno a quello che lo aspetta è già sufficiente per invogliarlo a proseguire. Una grande storia d’amore ha il pregio di lasciarsi leggere e, nonostante non sia brevissimo (288 pagine), di finire prima del previsto. Apprezzarne le varie vicissitudini passa però, inevitabilmente, da un filtro: il cinismo di chi sta leggendo. Affinché possa essere goduto al cento per cento, è indispensabile che non ci siano pregiudizi sul genere letterario o sulle storie d’amore e sui suoi amanti. La predisposizione maggiore verso Andrea e Edith arriverà proprio in chi non è ancora del tutto smaliziato, e vuole credere a quel detto ‒ antichissimo ma sempre attuale ‒ che recita: «Omnia vincit amor». Nonostante il dolore che si abbatte a ondate sugli individui, l’amore è e resterà il salvagente cui aggrapparsi.


Per la prima foto, copyright: Gemma Chua-Tran su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.