Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Notizie anglosassoni

Notizie anglosassoniNegli ultimi mesi la Poetry Society, un’istituzione centenaria con sede a Londra, è stata sede di accese polemiche poiché ben quattro esponenti di spicco si sono dimessi. Tra loro il presidente Jo Shapcott e il direttore Judith Palmer, stanca delle continue discussioni con il caporedattore della Poetry Review (il periodico), Fiona Sampson. Grazie alle proteste di numerosi poeti, tra i quali Liz Lochhead e Gillian Clarke, Judith Palmer è tornata a ricoprire il ruolo di direttore. La difficile situazione però ha avuto conseguenze molto gravi perché l’Arts Council England ha deciso di posticipare a data da destinarsi il pagamento dei fondi che la Poetry Society riceve ogni anno – quest’anno si parlava di circa settantaquattromila sterline – e che le permettono di sopravvivere.

 

Dodici delle venticinque biblioteche nell’area di Wakefield rischiano la chiusura. Infatti, il consiglio regionale sembra ora orientato verso altri progetti. Per tale motivo avrebbe deciso di non finanziare più le suddette biblioteche, che nel caso non dovessero trovare altre vie di finanziamento saranno costrette a chiudere e licenziare tutti gli impiegati. Continuano però le campagne di supporto. Nell’ultimo periodo anche la Women's Institute si è unita alla causa.

 

Robert Levine, nel suo “Free Ride: How Digital Parasites Are Destroying the Culture Business and How the Culture Business Can Fight Back”, pubblicato lo scorso mese, offre un’analisi dettagliata dei motivi per i quali le librerie virtuali attraggono un numero sempre maggiore di acquirenti.

 

Il PEN/Pinter prize, premio di 1000 sterline conferito a scrittori inglesi con meriti straordinari, è stato assegnato al drammaturgo David Hare, già vincitore di premi prestigiosi quali il Bafta ed ordinato cavaliere nel 1998. La premiazione ha avuto luogo il 10 ottobre. Durante l’evento è stato inoltre consegnato il premio che PEN dedica ogni anno agli scrittori che sono stati imprigionati per aver espresso le proprie idee.

 

Secondo Nielsen BookScan, le vendite dei primi sei mesi dell’anno sono state inferiori (3%) rispetto a quelle dello stesso periodo dell’anno scorso, con un ricavo fra i più bassi dal 2005 ad oggi. Gli editori con le perdite più consistenti sono: Quercus (-39%), Little, Brown (-30%) e John Blake (-29%).

 

Anche BookPower ha registrato grosse perdite. Rispetto all’anno scorso, l’associazione benefica (si occupa di libri  non illustrati da inviare a paesi non industrializzati) ha ricevuto il 50% in meno di donazioni. La situazione si è dimostrata talmente grave da spingere il direttivo a decidere di terminare le attività (ufficialmente, il 18 ottobre) dopo quindici anni di impegno costante.

 

Nel frattempo, negli Stati Uniti si è parlato molto di due famosissimi autori: Stephen King e Haruki Murakami.

Il Re, che possiede anche delle radio, ha deciso di lanciare un nuovo programma: “The Pulse Morning Show”. Durante la conferenza stampa, King ha spiegato la sua idea con un "We're a little to the left, but we're right." La frase, che in italiano potremmo tradurre con “Siamo un po’ a sinistra, ma siamo nel giusto”, è una provocazione politica che gioca sui significati di ‘right’ (in italiano, ‘destra’ ma anche ‘giusto’).

 

“Norvegian Wood”, romanzo che Murakami pubblicò nel 1987, è stato bandito dalle letture consigliate in un liceo del New Jersey a causa delle numerose proteste dei genitori, contrariati dalla presenza di scene di orgia, sesso, droga.

 

In un mercatino è stato ritrovato un libro del 1834, nel quale più di ottocento poeti elogiano Lord Byron. Fra loro, l’americano Washington Irving e l’irlandese Tom Moore.

 

La casa editrice John Blake ha annunciato che pubblicherà, nel febbraio 2012, un libro su Murdoch. Secondo le prime indiscrezioni, la biografia racconterà la parte ‘umana’ del milionario.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.