Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Note di prosa - 80

Da “Lo Stato di diritto fra passato e futuro” di Luigi Ferrajoli

 

L’altro fattore di crisi del principio di legalità è stato il dissesto del linguaggio delle leggi espresso dalla sua crescente vaghezza, oscurità e tortuosità. Di nuovo il diritto penale italiano è emblematico. Già il codice Rocco aveva minato il principio di tassatività attraverso l’uso, in tema soprattutto di reati contro la personalità dello Stato, di espressioni ambigue, imprecise e valutative, il cui significato può essere esteso indefinitamente in sede di applicazione. Ma l’indeterminatezza semantica delle norme ha raggiunto forme di vera inconsistenza con la legislazione speciale dell’età repubblicana, che ha prodotto un’ulteriore dissoluzione della lingua penale con articoli di legge lunghi intere pagine, intricati labirinti normativi, rinvii scoordinati e contraddittori, formule oscure e polisense, frutto di solito di scelte compromissorie o peggio della scelta di affidare le scelte normative all’applicazione giudiziaria.

L’effetto di questa deriva è un diritto penale massimo – massimamente esteso, massimamente inefficiente, massimamente antigarantista – del quale stanno venendo meno tutte le funzioni politiche classicamente affidate al principio di legalità: la predeterminazione da parte del legislatore delle fattispecie giuridiche, e perciò la certezza del diritto e la soggezione del giudice alla legge; le garanzie dei cittadini contro l’arbitrio giudiziario e poliziesco e la loro uguaglianza di fronte alla legge; l’obbligatorietà dell’azione penale, la centralità del dibattimento e il ruolo del processo come strumento di verifica o confutazione dei fatti commessi anziché di penalizzazione preventiva; l’efficienza infine della macchina giudiziaria, ingorgata da un’infinità di processi cartacei inutili e costosi il cui risultato è di offuscare nel senso comune il confine tra lecito e illecito e di sottrarre tempo e risorse alle inchieste più importanti, destinate sempre più spesso a quella forma di amnistia surrettizia che è la prescrizione.

 

 

“Ci sono prove indiziarie indirette che sono molto forti, come quando si trova una trota nel latte”

Henry David Thoreau

 

***

“La legge dell’ortica” di Caparezza

See video
Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.