Consigli di lettura

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

«Non posso accettare l’equiparazione del carcere coi Lager». Lettera di Primo Levi a Sante Notarnicola

«Non posso accettare l’equiparazione del carcere coi Lager». Lettera di Primo Levi a Sante NotarnicolaNel settembre del 1979, Primo Levi rispose a Sante Notarnicola che aveva inviato a Einaudi, casa editrice per la quale Levi collaborava, una raccolta di poesie.

Notarnicola si trovava in carcere ormai da undici anni, dopo aver subito una condanna all’ergastolo per una serie di rapine commesse ai danni di varie banche, tra cui l’ultima contro il Banco di Napoli, durante la quale furono uccise quattro persone.

All’interno del manoscritto Notarnicola inserì anche un’introduzione e una premessa che non incontrarono il favore di Primo Levi per ragioni che lo stesso espresse chiaramente all’interno della lettera che riportiamo integralmente qui di seguito, riprendendola dal sito ufficiale dedicato a Notarnicola.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Caro Notarnicola,

ho ricevuto le tue poesie solo adesso, alla riapertura degli uffici di Einaudi presso cui giacevano. Le ho subito lette con partecipazione intensa.

Tu mi conosci quanto basta per sapere che io non sono d’accordo né con l’introduzione del volume né con la premessa. La tua dedica mi ha toccato, e te ne ringrazio, ma non posso accettare l’equiparazione del carcere coi Lager. So bene (e i tuoi versi ne rendono tremendamente l’angoscia) quanto sia duro essere privati della libertà, ma in Lager questa era l’ultima delle sofferenze, percepibile solo nelle poche ore di tregua: prima venivano la fame, il freddo, la fatica, l’isolamento, la morte intorno. In Lager, solo ad Auschwitz, morivano 10000 persone al giorno e queste non avevano commesso altra colpa se non quella di esistere. Il Lager non era una punizione; non c’era traccia di giustizia, neppure di quella giustizia borghese che tu, a ragione o torto, rifiuti, e che certo, nel tuo caso, non sa riconoscere quanto tu sia migliore delle tue teorie, e quanto sproporzionata la misura della pena a quella della colpa.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

«Non posso accettare l’equiparazione del carcere coi Lager». Lettera di Primo Levi a Sante Notarnicola

Detto questo, devo subito aggiungere che le tue poesie (alcune come sai, le conoscevo già) sono belle, quasi tutte; alcune bellissime, altre strazianti. Mi sembra che, nel loro insieme, costituiscano una specie di teorema, e ne siano anzi la dimostrazione: cioè, che è poeta solo chi ha sofferto o soffre, e che perciò la poesia costa cara. L’altra, quella non sofferta, di cui ho piene le tasche, è gratis. Memorabile fra tutte, addirittura miracolosa per concisione e intensità è “Posto di guardia”.

Ti ringrazio per avermele mandate: le rileggerò, le farò leggere e ci penserò sopra. Pensaci sopra anche tu: forse lo scrittore è il tuo destino e (in molti sensi) la tua liberazione.

 

Primo Levi

5 settembre 1979

LEGGI ANCHE – «L’arma della ragione è più difficile da usare che non la violenza». Lettera di Mario Rigoni Stern

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.