Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Narrativa e giornalismo d’inchiesta. “Ma la sabbia non ritorna” di Laura Calosso

Narrativa e giornalismo d’inchiesta. “Ma la sabbia non ritorna” di Laura CalossoGiornalista e scrittrice, Laura Calosso, con il suo nuovo volume, Ma la sabbia non ritorna (Sem Editore), affronta un tema sconosciuto ai non addetti ai lavori, le mafie della sabbia, e lo fa avvicinando con abilità il giornalismo d’inchiesta e il grande romanzo.

L’autrice astigiana, già nota per il suo volume La stoffa delle donne, il cui tema ha ispirato anche un’inchiesta del programma televisivo Report, con questo nuovo libro conferma la volontà di costruire testi che non siano indifferenti a tematiche sociali e problemi ambientali e utilizza la narrativa per renderli fruibili al grande pubblico.

Il tema centrale del volume infatti è l’urgente problematica del traffico di sabbia, una risorsa scarsa e limitata, e proprio per questo molto ambita, soprattutto da organizzazioni criminali che senza scrupoli dragano fondali, depredano spiagge, rubano isole, svuotano laghi, devastano delta di fiumi.

Sabbia che non ritorna e che serve a costruire megalopoli di cemento direttamente sull’oceano (Singapore) o isole artificiali (Dubai) e, senza andare troppo lontano, l’autrice cita fra le righe la Versilia o la Liguria, dove ogni anno le spiagge si riducono ed è normale vedere ruspe e mezzi pesanti ricostruire il bagnasciuga per i turisti che arriveranno nella stagione estiva.

«Voglio occuparmene perché il mare si sta innalzando, il mondo costruito con il cemento è prossimo al crollo e non c’è più sabbia per ricostruirlo.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Elena, la protagonista del romanzo, è la figlia proprio di uno di questi criminali. Un padre avido che deprederà la sabbia del posto in cui vive, che toglierà da sotto ai piedi le dune naturali ricche d’elicriso, dove Elena è cresciuta, che per denaro sarà disposto a insabbiare anche la morte del piccolo Luigi, avvenuta nella cava da lui gestita.

La perdita del fratellino è il trauma con il quale Elena conviverà per tutta la vita; se da una parte il personaggio è dilaniato dai sensi di colpa, dall’altra, una volta diventata adulta, si dedicherà al giornalismo d’inchiesta portando avanti un’indagine proprio sulle mafie della sabbia.

Narrativa e giornalismo d’inchiesta. “Ma la sabbia non ritorna” di Laura Calosso

La vita di Elena si consumerà anche in un amore sbagliato, quello con Fabio, destinato a fallire in partenza perché basato sulla distanza fisica ed emotiva; l’amore che fugge ed è fragile come le coste derubate di granelli che non ritorneranno mai più.

La storia d’amore diventa in sé la metafora della sabbia; entrambi materiali preziosi, di cui prendersi cura, perché una volta distrutti è inutile cercare di trattenerli, costruendo moli, frangiflutti, barriere. L’amore, come la sabbia, ha un ciclo naturale che, se viene interrotto, sparirà per sempre.

La relazione con Fabio, che a differenza di Elena è egoico e banalizzatore, rappresenta anche il punto di stasi della vita della protagonista, che non vede i difetti dell’altro e il divario culturale che li separa, ma rimane sulla superfice, portando avanti una storia che la distoglie dal dolore della sua infanzia, e dal modo di superarlo una volta per tutte.

«L’amore è simile alla sabbia che ricostruisce le spiagge. Il mare la trascina via e per colpa nostra non torna indietro. Siamo costretti a cercarla altrove, lontano dal luogo d’origine. È una risorsa scarsa, proprio come l’amore di cui abbiamo bisogno per proteggerci dal dolore.  È per evitare la desolazione che siamo obbligati a procuracela ad ogni costo, a riportarla sul bordo dell’oceano per salvarci dalle onde. Una sola certezza abbiamo: veder fallire ogni nostro nuovo sforzo.»

 

Laura Calosso ha tratteggiato i personaggi a immagine e somiglianza delle sabbie che scompaiono: protagonisti fragili, spezzati, soli.

Così come le immagini anche la narrazione è a tratti poetica, ma allo stesso tempo capace di farsi fisica e dura come l’acciaio. Pare di vedere le coste devastate, la sabbia che si trasforma in calcestruzzo e le città come mostri che si mangiano la terra fino a gettarsi a picco sul mare. Un mare che non perdona, che rivuole ciò che è suo e che gli è stato tolto.

Narrativa e giornalismo d’inchiesta. “Ma la sabbia non ritorna” di Laura Calosso

La sabbia che non ritorna a causa dell’uomo, come le occasioni perdute, gli amori lasciati andare, ti amo non detti e gli abbracci non dati.

«Elena guarda di fronte a sé e rivede la spiaggia di Freetown due mesi dopo il furto di sabbia. Il mare che s’insinua fra la vegetazione raggiunge le case, abbatte i muri e li sbriciola. Sente le urla delle persone che corrono in strada, forse sono gli stessi ladri di sabbia o chi li ha comprati con l’omertà. Davanti a lei, nei suoi pensieri, c’è anche lo scheletro della spiaggia di Malika vicino a Dakar, ci sono le pietraie su cui prima si stendevano le morbide sabbie del Marocco. Vede il mare che ricopre ciò che un giorno fu la bianchissima spiaggia di Coral in Giamaica, spogliata e poi portata via con camion caricati fino all’orlo per cinquecento viaggi.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ma la sabbia non ritorna è un testo nel quale l’indagine cede il passo al romanzo, dove i personaggi non sono stati creati ad hoc per giustificare l’inchiesta, ma viceversa, è la storia che viene fuori attraverso i protagonisti; il risultato è un libro necessario ma estremamente appagante, dalla prosa raffinata, dalle immagini potenti ed evocative, nel quale, in ogni riga, le parole sono scelte con estrema cura.

Leggere questo romanzo è come stare continuamente in bilico, in apnea fra le parole, con un senso di disorientamento, di stupore e anche di rabbia nei confronti di una situazione ecologica che è sotto gli occhi di tutti, ma abilmente celata.

Un romanzo che ha nel suo cuore un grande tema ambientale, che riesce ad aprire gli occhi del lettore su qualcosa che si vede ogni giorno, la sabbia; che si dà per scontata, ma che sta già scomparendo ad altissima velocità e che rischia di non ritornare mai più.


Per la prima foto, copyright: Anton Sharov su Unsplash.

Per la terza, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.