Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Corso SEC

Corso online di editing

Narrare col corpo: il progetto "What I Be"

Molestation, What I BeLe vie della narrazione sono, in teoria, infinite e, in pratica, stanno continuando a moltiplicarsi. Se poi ci allontaniamo, per un attimo, e neanche troppo, dalla dimensione più legata alla testualità, possiamo trovare interessanti esempi che riuniscono “verbalità”, figuratività, plasticità, riproducibilità tecnica.

È il caso del progetto What I Be, ideato e realizzato dal fotografo Steve Rosenfield. Il concetto che sta alla base di What I Be è tanto semplice quanto ricco di implicazioni e difficile da esprimere in una forma artistica. Ciascuno di noi, infatti, subisce l’influenza di modelli, modi di pensare, schemi, discorsi, retoriche. Nulla di scandaloso, in verità, almeno fino a quando una nostra eventuale contrarietà, o avversione, per alcuni di questi fattori di influenza, rischia di far sì che vengano formulati nei nostri confronti dei (pre)giudizi.

A cominciare dal 2010, dunque, Rosenfield ha iniziato a fotografare soggetti recanti scritte sul proprio corpo (viso e braccia, in particolare) legate alle proprie insicurezze e, più in generale, alla propria storia personale e “sociale”.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Il risultato è una galleria di volti, e non solo, una galleria di storie, narrate attraverso keywords. E quale miglior modo per fare in modo che persone diventino documenti, e che la corporeità di un essere umano assuma le proprietà di denuncia (e di astrazione) di una testimonianza?

Ci sovviene un progetto altrettanto “sovversivo”, se non di più, della scrittrice Shelley Jackson, che con Skin invitava i partecipanti a questa azione artistica a farsi tatuare una parola di una storia, diventando così parte di una narrazione distribuita in cui solo chi è parte del racconto sa come va a finire.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.