Corso online di editing

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Diffondi libro

Morire di cancro al Pronto Soccorso

Morire di cancro al Pronto SoccorsoSi può morire di cancro in un Pronto Soccorso? In Italia si può, è capitato al San Camillo, perché si può aspettare per ore, da malato terminale, di ricevere un letto, una cura, una testimonianza di umanità dal sistema sanitario nazionale.

È capitato a chi scrive di dover assistere un padre terminale su un letto di pronto soccorso, nell’ospedale di Bari, sapendo di non poter pretendere altro da un’azienda sanitaria compromessa come poche. Purtroppo, il sistema è questo e pare non esservi via d’uscita. Un sistema aggravato dai tagli alla sanità, dalle chiusure degli ospedali e dalla soppressione dei posti letto decretati dalle Regioni. Il punto è che il problema non sono i posti letto, ma l’eccesso di strutture doppiate, con relativi apparati accademici e baronali. Questi sdoppiamenti incidono sulla spesa, ma soprattutto sulla tenuta morale del sistema ospedaliero nazionale.

La morte al San Camillo è cosa di goni giorno, perché i reparti di Pronto Soccorso son divenuti veri e propri ricettacoli per ammalati di ogni genere. Sono un filtro che non filtra, da Roma (compresa) in giù. L’Italia della sanità è spaccata in due da sempre, conviene dunque porvi rimedio. E suona assurdo che, a pochi giorni dalla scandalosa campagna sul fertility day, la ministra Lorenzin sia chiamata in causa per rispondere di questo scandaloso decesso.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Un decesso dentro il quale si condensa tutta la precarietà della lotta contro il cancro fatta nel nostro Paese. Una battaglia condotta da coraggiosi ricercatori ma soffocata da un’organizzazione sanitaria devastata, corrotta, radicalmente menefreghista. L’Italia delle centomila Asl non riesce a prendersi cura dei malati terminali. Anzi, ne decreta l’esclusione sociale abbandonandoli su un letto di fortuna, come fossero moribondi dopo una battaglia, vittime di guerra.

 

LEGGI ANCHE – L’Italia, demografia di un declino

 

Che Paese siamo? Che Italia è questa?È la stessa nella quale i medici operano in privato, giovandosi delle strutture pubbliche, evadendo milioni di euro al fisco. La stessa che non investe nell’eutanasia perché s’è votata al dolore. Ma chi patisce, chi patisce davvero, non son soltanto i malati terminali: sono soprattutto le famiglie e gli affetti degli ammalati in fin di vita, perché in essi resta il ricordo cocente di un maltrattamento protratto fino all’ultimo fiato.

Siamo un Paese immorale e marcio. Così come non ci occupiamo dei nostri monumenti, lasciandoli crollare miseramente al suolo, nello stesso modo ci liberiamo dei nostri simili sofferenti lasciandoli morire dove non dovrebbero. Questo è cinismo di sistema, non ci sono altre parole per definirlo. Perché di cancro al Pronto Soccorso non si deve morire.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.