Corso online di editing

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Mondiali 2014: un calcio agli zombies

Mondiali di calcio 2014L’eliminazione della rappresentanza calcistica italiana dai Mondiali di calcio 2014, la più importante competizione sportiva planetaria, è il parto di un Paese nel quale truppe di pochi e incapaci hanno devastato la bellezza dell’agonismo trasfigurandola in una rincorsa al gossip, alla sponsorizzazione della chiacchiera.

Finita l’epoca della fatica – finita per questi milionari – ora deve aprirsi una fase nuova, determinante, anche nello sport. Per decenni abbiamo assistito all’arricchimento facile di sportivi di scarso valore – e di dubbia qualità morale – mentre noi c’impoverivamo, nutriti dalla spettacolarizzazione dell’indolenza, dall’arroganza sportiva, dal puttanismo da rotocalco rosa. Per decenni abbiamo desiderato specchiarci in quel pezzo marcio d’Italia, lo stesso che ora, miseramente, crolla al suolo, cade, cede il passo, forse, a un’era nuova.

Quel che accade nella politica accade nello sport, nei vertici corrotti dello sport nazionale: una piccola significativa rivoluzione, un’incrinatura nei rapporti di forza tra splendore del calcio e abbaglio del pettegolezzo dorato.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Ce lo dobbiamo dire, noi onesti: questa Nazionale è uno specchio corroso e in frantumi, la superficie rotta di un sogno disperato. Dentro questa selezione calcistica manca lo sforzo, non c’è sudore né lavoro, non c’è merito né metodo. E a officiare questo rito malvagio una cricca di dirigenti – Abete e Prandelli sugli altri – il cui unico scopo è stato quello di pensare a sé, al proprio personale tornaconto, assecondando gl’interessi particolari di quei club che hanno fornito il grosso dei calciatori italiani alla competizione mondiale e di quei rimasugli della decadenza che vanno sotto il nome di sponsor e procuratori.

La figuraccia fatta è tutta loro, la responsabilità su chi ha preferito mettere in campo non il pathos, ma una proposta patetica, squallida, volgare, bassa, dissonante rispetto alle ambizioni di gloria e di riscatto di un Paese intero.

L’eco immorale della disfatta italiana ha raggiunto il Brasile e da lì è balzata agli occhi del mondo intero… Dunque un calcio a questi qua, un calcio serio e bene assestato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.