Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Ma perché scrivete?

Inferno, scrittori esordienti[Primo Girone della Rubrica All'Inferno, scrittore esordiente!, dove incontreremo orde di esordienti, ci chiederemo perché si scrive e proveremo a dare qualche risposta]

Eccoci arrivati all’angolo della satira, e non importa se non riderete tutti. Se rimarrete seri, di certo avrete i vostri buoni motivi. Magari una pubblicazione a pagamento vi farà sentire presi con le mani nel sacco, costretti controvoglia a confessare al monitor:


«Non è colpa mia, quando ho firmato il contratto non ero nel pieno delle mie facoltà»

o

«Ne ho solo messo da parte seicento copie per uso personale»

 

Perché si scrive?

Certamente non sono l’unica a chiederselo, e credo che ognuno si sia già dato qualche risposta.
Io ne ho scovate almeno tre.

Immagino si scriva per cercare fortuna e gloria, citando Indiana Jones.
Sarò sincera: erano anni che bramavo una buona scusa per sfoggiare tanta cultura.
Orde di scrittori in erba che inseguono l’immortalità della pagina scritta. Fa un certo effetto, vero? Ebbene, sappiatelo, decidendo di mollare la bic per una chiave giratubi, potreste diventare provetti idraulici. Rendetevi reperibili di domenica e nei giorni festivi, e vedrete se non arriverà pure la fama.

Ma ci sono altri motivi per imbrattare carta: se non è la fama, potrebbe essere il leitmotiv:

«Non posso farne a meno».

Ora, non so a voi, ma a me non scappa mai di scrivere: è una pulsione che con l’età ho imparato a tenere a freno. E nemmeno cerco il bagno delle signore per poi firmare le piastrelle con un indelebile. Insomma, sul mercato non mancano i rimedi per le piccole e grandi perdite, ma nessuno di questi porta il logo di una casa editrice.

Insomma, se non sono la fama e il bisogno impellente a spingervi a tamburellare sulla tastiera, forse siete convinti che scrivere vi porterà dei soldi. Tanti soldi, un sacco di soldi, così da poter smettere di fare l’idraulico per donarvi totalmente alla vostra vocazione.

Illusi!

In Italia sono poche le penne che si mantengono di solo inchiostro: Lucarelli – lui, ché la Selvaggia è messa peggio –, Camilleri, Faletti e pochi altri. In compenso, gli idraulici stanno meglio, e non devono nemmeno fare combriccola.

Cosa vi sto chiedendo? Beh, di desistere Immediatamente, prima che sia troppo tardi!

Avrete una vita ricca di soddisfazioni anche senza nome e cognome su una copertina e faccione in bianco e nero sulla quarta.
Credetemi, qui non vige la regola del tre – tre minuti senz’aria, tre giorni senz’acqua, tre settimane senza cibo. Il vostro fisico non avrà alcun danno se resterete lontani – tre, ma anche trentatre anni – da pubblicazioni, presentazioni e premiazioni letterarie.

Se, invece, siete davvero certi che il fato vi abbia riservato una lunga e impervia gita lungo la via della scrittura, nei prossimi gironi vorrei mostrarvi le cose sotto una luce diversa, ché non è tutto cultura quel che sta sulla carta
No, non chiedetemi da quale pulpito. Non ho credenziali da mostrare, ma solo tanti esempi: tutto quello in cui mi sono imbattuta e che, detto tra noi, mi ha fatto decidere di darmi all’idraulica.

Se Piero e Alberto mi volessero in comitiva, sarei Angela Angela, la vostra guida in questo universo di autoproduzioni, editoria a pagamento,  abuso delle bacheche altrui e molto altro.
Sarà un viaggio al limite del consueto, con finalità medicamentosa: finalmente rideremo dei nostri tic, capiremo perché i social friend ci evitano come i mezzi pubblici in agosto e ci renderemo conto che in Italia non scarseggiano gli scrittori, e nemmeno gli editori: mancano solo i buoni lettori.
Ecco, sì, ma per questi non c’è rubrica che tenga, servono buoni libri; e questi escono dritti filati dai corsi di scrittura creativa. O no?

Ora correte a togliere dal vostro curriculum artistico i premi di poesia delle elementari! Parleremo anche di questo, potete scommetterci, sempre che abbiate il fegato di seguirmi, ovviamente.


Il Secondo Girone della Rubrica All'Inferno, scrittore esordiente! sarà on line il 10/03/2012.
Parleremo della scrittura ai tempi di internet, ci chiederemo a cosa serve pubblicare; ci imbatteremo nel POD e nelle antologie condominiali;  incontreremo Pietrangelo Buttafuoco, Janis Joyce, Raul Montanari e Isabella Santacroce.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (22 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.