Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Lorenzo il Magnifico e la commovente lettera per la morte della moglie

Lorenzo il Magnifico e la commovente lettera per la morte della moglieSiamo nel 1468, esattamente il 10 dicembre, quando Lorenzo il Magnifico è costretto dal padre Pietro e dalla madre Lucrezia a sposare per procura Clarice Orsini e a confermare l’unione con un rito religioso celebrato a Firenze il 4 giugno del 1468.

Secondo alcune fonti l’obiettivo del matrimonio sarebbe stato quello di stabilire un legame solido tra la famiglia dei Medici e quella di provenienza della giovane donna. E in particolare i Medici contavano di poter far leva, tramite lei, sul fratello Rinato Orsini, Arcivescovo di Firenze. I due ebbero dieci figli, di cui solo sette sopravvissero.

Come racconta Nerli nei suoi Commentari, le quattro femmine «collocate furono in nobilissime case», mentre i tre maschi, Piero, Giovanni e Giuliano, seguirono strade diverse. Il primo fu il successore del padre nel governo di Firenze, il secondo divenne papa Leone X e il terzo fu Duca di Nemours.

 

LEGGI ANCHE – Come farsi regalare dei libri. Lettera di Torquato Tasso ad Aldo Manuzio

 

Pur narrandosi che Lorenzo non abbia mai davvero accettato l’unione con Clarice Orsini, la lettera che riportiamo integralmente testimonia almeno che tra i due ci sia stato un affetto seppur nato e alimentato solo dalla consuetudine.

Alla morte della donna, avvenuta il 30 luglio 1488, Lorenzo fu comunque travolto da un dolore autentico e forte, al di là di possibili ragioni diplomatiche che lo spinsero a determinate azioni.

Lorenzo il Magnifico e la commovente lettera per la morte della moglie

LEGGI ANCHE – Giuseppe Mazzini e i tenerissimi auguri di Capodanno ai genitori

 

Secondo le cronache, nel momento in cui Clarice moriva (alle ore 14), Lorenzo si trovava fuori casa, allontanatosi nonostante le pessime condizioni di salute della moglie. E pare che questo abbia inciso ancora di più sul suo stato d’animo. È Piero da Bibbiena, cancelliere privato del Magnifico, a scriverlo in una lettera inviata all’Ambasciatore fiorentino a Roma:

Ier mattina a ore 14. morì la Clarice. Se voi sentissi, che Lorenzo fosse biasimato di costà per non essersi trovato alla morte della moglie, scusatelo. Parve al Leoni necessario, che andasse a prender l’acqua della Villa; e poi non si credeva, che morisse sì presto.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La lettera che maggiormente testimonia il dolore di Lorenzo per la perdita della moglie è quella inviata il giorno stesso a Papa Innocenzo VIII, al quale il Magnifico chiede di pregare affinché il suo dolore abbia fine:

Troppo spesso sono costretto a dare solicitudine, e molestia a V. Beatitudine per i casi, che tutto giorno ne prepara la fortuna, e la divina disposizione, a la quale, come non è possibile resistere, così sarìa conveniente, che ciascuno li acquiescessi, e pazientemente sopportassi quello, che dà la sua bonità così dolce, come amata. Ma la morte della Clarice mia carissima, e dolcissima consorte nuovamente successa me è stata, ed è di tanto danno, pregiudicio, e dolore per infinite cagioni, che ha vinto la mia pazienzia, ed obdurazione nelli affanni, e persecuzioni della fortuna, la quale non pensavo, che mi potessi portare cosa, che mi facesse molto risentire. E questo, per essere privato di tanto dolce consuetudine, e compagnìa, certamente ha passati i termini, e mi ha fatto, e fa risentire tanto cordialmente, che non truovo luogo.

Lorenzo il Magnifico e la commovente lettera per la morte della moglie

Pure, come non resto pregare nostro Signor Dio, che mi dia pace, così ho ferma speranza nella sua bontà infinita, che porrà fine al dolore, e non manco a tante spesse visitazioni, quali in simili amarezze me ha fatte da qualche tempo in qua. E quanto io posso umilmente, di cuore supplico a V. B., che si degni di fargliene simili preci, le quali so quanto siano per farmi giovamento. Ed a quella, ed a’ suoi santi piedi umilmente mi raccomando. – Ex Filecto die XXX. Iulii 1488.

 

E. S. V.                                                                                           Devotiss. servitor

                                                                                                    Laurentius de Medicis.

 

LEGGI ANCHE – La lontananza non nuoce all’amicizia. Lettera di Francesco Petrarca

 

Di certo non manca chi vede nella lettera di Lorenzo prima e in quella di Piero da Bibbiena poi il tentativo di riconsolidare le relazioni con la curia romana visti i rapporti ormai ambigui della famiglia Orsini con quest’ultima durante gli scontri con Ferdinando I d’Aragona e il regno di Napoli.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.