Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Lo stato dell’arte: ma è arte o immondizia?

Millie BrownL’ultimo caso curioso è accaduto a inizio settimana a Bari. Un’addetta alle pulizie ha scambiato per immondizia alcune opere che avrebbero dovuto essere esposte alla rassegna di arte contemporanea Display Mediating Landscape e le ha gettate, destinandole alla discarica. Di pochi giorni prima il caso di un muratore che, a Ravenna, nel sistemare la sala nella quale si era appena chiusa una mostra, ha stuccato quello che aveva tutta l’aria di essere un buco nel muro, ma in realtà era l’opera di uno street artist. Come dire, opere d’arte talmente realistiche da non essere riconosciute come arte.

Certo, si dirà che chi ha “rovinato” l’arte, stavolta, non era una mano esperta, che un’addetta alle pulizie forse non è proprio un’esperta d’arte. Ma il fenomeno suscita quantomeno curiosità. Senza scomodare Manzoni (Piero) e le sue deiezioni, tanta arte contemporanea porta a chiedersi quanto veramente certe opere sappiano parlare (e magari, anche, cos’abbiano da dire) a chi si pone loro davanti. Viene in mente quel dialogo de La grande bellezza nel quale un’artista intervistata da Jep Gambardella sul significato della sua arte risponde: «Io sono un'artista, non ho bisogno di spiegare un cazzo», con Servillo/Gambardella che le replica: «Bene, allora scrivo "vive di vibrazioni ma non sa che cosa sono"». Già, forse lo stesso potrebbe accadere dal vero se Gambardella incontrasse Millie Brown, l’artista che crea le sue opere vomitando latte colorato direttamente sulla tela.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Ci sono anche esempi dagli intenti più chiari. Stimolare una riflessione sulla condizione femminile, come fanno l’artista cilena Carina Ubeda, che dipinge utilizzando sangue mestruale, e l’australiana Casey Jenkins, che in una performance pubblica ha tessuto una sciarpa con gomitoli di lana inseriti direttamente nella vagina. Ma anche in questi casi, pur lasciando perdere la spinosa questione su “è arte o non è arte?”, viene da chiedersi se non sia ormai proprio più possibile fare arte senza cadere nel trash. Vero è che nel bailamme, nella “baroccaggine” del mondo contemporaneo, per far notizia ed emergere, anche solo per ottenere quei famosi 15 minuti di celebrità, occorre stupire; ma non si può proprio stupire senza ripetere quanto già accade in tv, dove per attirare l’attenzione si grida, ci si spoglia e si rasenta spesso il ridicolo? E poi, tornando ai casi iniziali, quanto riescono (davvero) queste forme d’arte a rendersi riconoscibili e cosa riescono a comunicare? Se qualcuno vuol provare a rispondere…

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.