Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Lo scrittore in vacanza

VacanzaGide leggeva Bousset scendendo la corrente del Congo. Questo atteggiamento riassume abbastanza bene l’ideale dei nostri scrittori «in vacanza», fotografati dal «Figaro»: unire al piacere banale il prestigio di una vocazione che niente può frenare né degradare. Ecco dunque un buon reportage, molto efficace dal punto di vista sociologico, e che ci illumina senza inganni sull’idea che la nostra borghesia si fa dei suoi scrittori.

Quanto sembra dapprima sorprenderla e rapirla, questa borghesia, è la propria larghezza di vedute nel riconoscere che gli scrittori, anche loro, si possono prendere delle comuni vacanze. Le «vacanze» sono un fatto sociale recente, di cui d’altra parte sarebbe interessante seguire lo sviluppo mitologico. In un primo tempo fatto scolastico, con l’uso delle ferie pagate sono diventate un fatto proletario, o almeno lavorativo. Affermare che questo fatto può ormai concernere degli scrittori, che gli specialisti dell’animo umano sono anch’essi soggetti allo statuto generale del lavoro contemporaneo, è un modo per far sì che i nostri lettori borghesi siano convinti di saper procedere coi tempi: ci si compiace di riconoscere certe necessità prosaiche, ci si adegua alle realtà «moderne» mediante le lezioni di Siegfried e di Fourastié.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

S’intende che questa proletarizzazione dello scrittore viene accordata solo con parsimonia, e per essere meglio distrutta in seguito. Appena provvisto di un attributo sociale (le vacanze sono uno dei più piacevoli), l’uomo di lettere torna ben presto nell’empireo condiviso con i professionisti della vocazione. E la «naturalezza» nella quale si eternano i nostri romanzieri è istituita in realtà per tradurre una contraddizione sublime: quella tra una condizione prosaica, prodotta, ahimè, da un’epoca assai materialista, e il prestigioso statuto che la società borghese concede liberalmente ai suoi uomini d’ingegno (a patto che le siano inoffensivi).

 

[tratto da Roland Barthes, Miti d’oggi, Einaudi]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.