Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Le ragioni delle donne

Pretty Woman Carrot, pic by eyecmoreQuali sono le ragioni delle donne, in un mondo che esce da forme materiali di patriarcato per entrare, come ha scritto di recente la studiosa Irene Strazzeri, in una forma di post-patriarcato? In un mondo che si ridefinisce, che entra in una nuova era nella quale, lo si voglia o no, le democrazie sono destinate a ridimensionarsi, il senso stesso della ragione – come quello della colpa – va in frantumi.

Gli uomini, noi uomini, siamo stati allevati come soggetti della cura femminile, come curati e adempiuti esseri umani accompagnati alla vita da un'agente donna. Non sarà più così, e già non lo è in alcuni strati della società mondiale. La donna ha cominciato a sottrarsi, a perdere un ruolo e ad agire in un’altra direzione, non necessariamente più libera, ma altra e quindi diversa, lontana dalla regola ferrea del mantenimento dell’ordine sociale ed economico.

Reagisce, il mondo maschile organizzato, in ordine sparso, non sempre con violenza, ma con una manifesta inconsapevolezza. Vi sono maschilismi robotici – familiari – che si avventano contro le donne e ai quali il diritto sembra inadeguato, con sanzioni minime e prese di posizione soltanto morali: tutto mentre si replica, costantemente, l’uso del corpo come messaggero di contenuto.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

preview, pic by Paola RizziNon più soltanto il corpo femminile, ma anche quello maschile svirilizzato, privato di identità di genere o assorbito in una nuova identità tra i generi o sopra i generi: un’identità assolutamente corporea e, se vogliamo, proprio per questo meno corporea delle altre. Emblematico come all’esilità delle mannequin si associ sempre più una hypster esilità angelicata maschile, o come alla debordanza delle pornoattrici si accompagni una muscolosità totale maschile.

Non v’è più gusto per la differenza, perché la differenza demolisce il mercato. Nella fiera delle finte opzioni imposte dai grandi costruttori dell’immaginario contemporaneo (agenzie private, anonime, social-virtuali) ogni corpo si categorizza, ogni differenza fuori corso viene reinserita in un codice, ogni azione deviante sanzionata con lo snobismo.

Ecco, ricordare questo, o rivelarlo di nuovo, significa addensarsi intorno a un concetto chiave: quello della liberazione. Da cosa, oggi, le donne – e gli uomini, quindi – devono liberarsi? Da una decorporeizzazione del sé, e forse dalle stesse ragioni di una volta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (10 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.