Corso online di editing

Corso SEC

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“La vita è un romanzo”, il nuovo thriller di Guillaume Musso

“La vita è un romanzo”, il nuovo thriller di Guillaume MussoLa vita è un romanzo (La nave di Teseo, traduzione di Sergio Arecco) è l’ultimo lavoro di Guillaume Musso, scrittore francese che ha saputo conquistarsi un largo seguito anche in Italia, grazie ai suoi thriller divenuti best seller tradotti in ben quaranta lingue. Per questo blog letterario abbiamo già recensito altri due recenti romanzi di Musso, quali La vita segreta degli scrittori e L’istante presente.

La vita è unromanzo presenta, in un certo qual senso, un fil rouge con i titoli menzionati, considerando le atmosfere mistery e il ruolo dei personaggi principali, essendo tutti scrittori. Il tema della scrittura è alquanto ricorrente nella produzione letteraria di Musso e, conseguentemente, del ruolo stesso come viene interpretato dallo scrittore nella vita reale. Personalmente ho avuto la percezione che ci sia molto dell’autore stesso nella narrazione, quasi come Musso volesse specchiare le sue recondite riflessioni sui temi della letteratura e di chi la crea, proprio attraverso l’avvincente trama che si dipana nel corso delle 260 pagine del libro.

Il romanzo di Musso ha gli stilemi del thriller, per la suspense di cui lo scrittore francese permea il plot, però non si può non citare l’elemento mistery che gioca un ruolo fondamentale nella narrazione, che vede i due protagonisti al centro dell’attenzione: Flora Conway e Romain Ozorski, entrambi scrittori di professione e al top del loro successo in campo professionale. La prima è di origini gallesi e residente negli Stati Uniti, in una zona esclusiva di Brooklyn, all’interno del rutilante e signorile Lancaster Building, il secondo invece è francese con dimora a Parigi. La prima parte del thriller è incentrata sulla figura della scrittrice Flora Conway, la cui vita viene segnata da un misterioso evento quale la scomparsa della figlia Carrie, di soli tre anni, di cui si perdono le tracce nel lussuoso appartamento di Brooklyn dove vive con la madre (che è separata dal compagno Romeo Filippo Bergomi, padre della bambina) mentre gioca innocuamente a nascondino con lei.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La sparizione della bambina sembra essere un rompicapo angosciante, visto che l’appartamento è praticamente segregato e la polizia, allertata dopo la scomparsa, brancola nel buio, senza aver colto nessuna evidenza di intrusioni di estranei in loco. Il detective Mark Rutelli e il tenente Frances Richard non riescono a sbrogliare i fili dell’intricata matassa nonostante la perizia e la cura che mettono nelle loro indagini e interrogatori. La sparizione della piccola Carrie è causa di depressione, e talvolta anche di allucinazioni, per Flora, la quale non riesce più a trovare stimoli per impegnarsi nella stesura di un nuovo romanzo, provocando il risentimento della sua editrice Fantine de Vilatte. Proprio quest’ultimane aveva scoperto il talento, lanciandola nell’empireo letterario con la pubblicazione di La ragazza del labirinto, best seller che aveva consacrato la fama della Conway. L’esistenza della scrittrice sembra quasi dissolversi in un baratro, senza più certezze: «Nessuno può sapere se il mondo è fantasia o realtà, e nemmeno se esiste una differenza tra vita e sogno». La citazione di Borges da parte di Musso ci fornisce una chiave di lettura per questo romanzo proprio sul finire del primo atto.

“La vita è un romanzo”, il nuovo thriller di Guillaume Musso

Il secondo atto prende le mosse con l’introduzione dell’altro protagonista, lo scrittore Romain Ozorski, che sta vivendo un momento alquanto critico della sua carriera, visto che la moglie, la bella Almine, ex modella e ora impegnata come attivista, gli ha chiesto il divorzio e vuole togliergli il figlioletto Theo. Il thriller qui prende l’accelerazione così come il mistero che intrigherà il lettore per scoprire cosa lega Romain Ozorski a Flora Convay e viceversa. Lo spoiler è sempre dietro l’angolo per cui lasciamo al lettore che si avvicinerà a questo romanzo tutta la curiosità e il flavour della scoperta.

“La vita è un romanzo”, il nuovo thriller di Guillaume Musso

I colpi di scena non mancheranno nel terzo e conclusivo atto, che sarà come un gioco di magia dove entrerà in scena anche la figura di Theo. Lo stile utilizzato da Musso invoglia il lettore a continuare nella lettura, quasi come coinvolto in un gioco ipnotico. Inoltre il romanzo è ricco di citazioni che sono funzionali per il lettore a calarsi meglio nell’atmosfera creata ad hoc dal bravissimo e fantasioso Musso. L’autore francese si conferma un abile cesellatore lasciando a bocca aperta il lettore nel finale, a tal punto che lo stesso si potrà trovare facilmente spiazzato in un intreccio avvolgente, sapientemente architettato anche sull’asse dei tempi della storia, dal 2010 al 2023.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Alla fine del romanzo, l’interrogativo su cui Musso ci invita a riflettere è incentrato sull’indefinito confine di realtà e finzione, dove è evidente il ruolo preponderante che può recitare chi svolge il difficile mestiere di scrittore, con i propri demoni e incertezze. Proverbiali, all’uopo, due citazioni del maestro Georges Simenon. In definitiva, un thriller consigliato soprattutto per l’originalità della trama e dei personaggi, che potrà anche far venire all’appassionato lettore la voglia di cimentarsi con la lettura di qualche altro romanzo di Guillaume Musso e divertirsi a scovare citazioni e collegamenti immersi voluttuosamente in essi.


Per la prima foto, copyright: DEVN su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.