Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

“La tortura in età contemporanea” di Caterina Mazza

La tortura in età contemporaneaNella convenzione ONU contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani e degradanti del 10 dicembre 1984 si legge che la tortura è «qualsiasi atto con il quale sono inflitti a una persona dolore o sofferenze acute, fisiche o psichiche» in particolare per «ottenere da questa o da una terza persona informazioni o confessioni, per punirla per un atto che ella o una terza persona ha commesso o è sospettata di aver commesso». È partendo da questa definizione, certo non onnicomprensiva, che risulta utile partire per parlare del volume La tortura in età contemporanea, di Caterina Mazza, dottore di ricerca in Scienza Politica e Relazioni Internazionali al Dipartimento di Studi Politici dell'Università di Torino.

Il libro, in verità, ha anche un sottotitolo: Un sistema relazionale e di potere. Non è dunque difficile comprendere l'impronta del saggio: un'analisi del “sistema-tortura” nel nostro tempo, sistema che, al contrario di quanto i cuori semplici potrebbero pensare, esiste (ancora) ed è pure notevolmente articolato e radicato nella cosiddetta “società civile”.

La tortura in età contemporanea è suddiviso in cinque parti omogenee: la prima, Diverse realtà dietro il termine tortura, si occupa di effettuare un veloce excursus sull'uso e sul (non)senso della tortura nella storia. Da antico strumento di giustizia, atto ad avvalorare testimonianze e fornire presunte prove, a brutale affermazione del potere, a strumento per la repressione del dissenso e l'attacco ai nemici.

Caterina MazzaIl capitolo Due questioni preliminari: definizione e prospettiva traccia le tre grandi tipologie di tortura: fisica, psicologica, sessuale; l'ultima volontariamente disgiunta dalla prima più generale. Questo compendio ci dimostra la grande «professionalizzazione», come la definisce più volte Caterina Mazza, della tortura negli ultimi anni. E proprio a questa «parcellizzazione» della responsabilità, attraverso la descrizione delle varie figure “al lavoro”, è dedicata la terza parte, La tortura: un sistema complesso. Medici, esperti di diritto, ricercatori, scienziati, militari. Sono necessarie un gran numero di specializzazioni e di competenze diverse, da fare reagire assieme, in una sinergia che sia il più “produttiva” possibile. Del resto, esiste un vero e proprio sistema di reclutamento e di addestramento, per diventare torturatori. Mazza individua quattro categorie di “reclute”: giovani socialmente emarginati, carrieristi, opportunisti, ex-insorgenti/ex-terroristi. Quale che sia il contesto di provenienza, le motivazioni, i criteri di selezione, questi individui subiscono, è proprio il caso di dirlo, un processo di ammaestramento (addomesticamento?) in due fasi: basic training e special training. Se nell'ambito del primo acquisiscono competenze teoriche e pratiche riguardanti la resistenza agli interrogatori, il contro-terrorismo e la sopravvivenza in generale, nel secondo step sono sottoposti a quello che viene definito «Processo di trasformazione iniziale»: in quattro fasi, il cadetto viene separato dalla società attraverso la cancellazione dei suoi punti di riferimento, addestrato a regole costrittive e contro-intuitive, assume infine una nuove identità, la quale si sviluppa nella nuova appartenenza al gruppo dei professionisti della tortura.

Gli ultimi due capitoli, Dinamiche all'origine di atti di tortura e Il ruolo degli individui: cosa rende possibile l'inflizione di pene severe? da una parte mettono a fuoco la componente corporea-prossemica della tortura, individuando gli elementi costituenti del rapporto tra persecutore e vittima, anche e soprattutto attraverso il corpo e la voce di entrambi, dall'altra considerano i tre poteri (individuale, situazionale, sistemico) che intervengono nelle dinamiche comportamentali. Per ribadire, se mai ce ne fosse bisogno, che ognuno di noi, in determinate condizioni, può accedere ad azioni apparentemente contrarie o lontane rispetto alle nostre idee e ai nostri principi; per dimostrare che il mondo della punizione violenta e inumana non è poi così lontano dal nostro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.