Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidioLa vita di Jack Kerouac è ricca di aneddoti interessanti, ma uno ci ha colpito in particolare e riguarda, oltre allo stesso Kerouac, una giovane donna del New England che, una notte, il nostro scrittore salvò dal suicidio.

 

Galeotto fu il libro

Come si conobbero l’esponente della beat generation e questa giovane americana che era anche una sua appassionata lettrice? Bene, siamo nel 1958 ed è proprio il caso di dire che galeotto fu il libro, perché tutto ebbe inizio con la pubblicazione, avvenuta quell’anno, di I sotterranei (l’edizione italiana è del 1992 per Feltrinelli e a cura di Fernanda Pivano).

Il romanzo si dipana lungo gli elementi tipici della letteratura della beat generation, tra alcol, droga e sesso libero, e jazz, tanto jazz, raccontando la relazione tra lo scrittore Leo Percepied (alter ego di Jack Keouarc) e Mardou Fox (che, nella realtà, era Alene Lee), fino al suo esaurirsi per il cedere di Leo/Jack alla voglia di rimanere libero.

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

Probabilmente la nostra giovane fan di Kerouac si sarà immedesimata a tal punto con quella storia d’amore che non seppe resistere al desiderio di incontrare il suo scrittore preferito, quello da cui si sentiva attratta grazie alle parole lette.

 

LEGGI ANCHE – The Beat Book, il grande libro degli autori beat

 

L’incontro

E fu così che la nostra giovane prese la decisione di recarsi dal New England sull’East Coast e in un fatidico pomeriggio del 1958 si fece coraggio, mise da parte la sua timidezza e si recò in auto fino a Northport, a Long Island, dove Kerouac viveva, nella speranza di poterlo vedere e parlargli di persona.

Si spinse fino alla casa dello scrittore e lo trovò seduto sotto un albero nel suo giardino, intento a meditare, seguendo gli insegnamenti del buddismo che aveva appreso qualche tempo prima.

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

L’inizio di una storia d’amore

La realtà andò ben oltre i sogni e le aspettative della nostra eroina che, a 23 anni, iniziò una storia d’amore con il 36enne Jack Kerouac, che aveva da poco pubblicato Sulla strada e si apprestava a diventare uno dei maggiori esponenti della controcultura americana.

La relazione tra i due continuò tra molti alti e bassi.

Gli alti erano caratterizzati da momenti di intensa bellezza nell’appartamento in cui i due convivevano nel Greenwich Village a New York. È la stessa donna a sintetizzare quegli anni:

«Bevevamo molto vino, andavamo a ballare, facevamo l’amore e lo ascoltavo leggere».

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

Trascorrevano le loro giornate tra reading di poesie e la musica, conducendo una vita che la nostra giovane ragazza ricorda come «abbastanza veloce e faticosa». A questo, però, si alternavano momenti di grande tenerezza, che testimoniavano l’amore dello scrittore per la sua prima lettrice.

 

LEGGI ANCHE – Lettere di Neal Cassady a Jack Kerouac e Allen Ginsberg

 

Nei momenti negativi, invece, si scrivevano reciprocamente delle lettere in cui provavano a sostenere la loro storia d’amore nella speranza che potesse così resistere a qualunque litigio. Nonostante questo, però, nessuno dei due pensò mai a sposarsi. Se questa scelta da parte di Jack possiamo spiegarla con il riferimento ai due precedenti matrimoni, è la stessa giovane innamorata a illustrarci le sue ragioni:

«Sentivo il suo dolore profondamente, e la sua bellezza, e la sua conoscenza. E amavo essere con lui. Non ho mai pensato alla possibilità di sposarlo – era uno scrittore, e doveva scrivere».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La separazione e la notte di paura

La prima vera separazione tra i due avvenne quando la compagna di Jack apprese della morte della madre e, presa dallo sconforto e caduta in depressione, decise di recarsi a vivere dal padre. Avvisò Jack, che si trovava in giro per il Paese a presentare uno dei suoi libri, con una lettera, in cui lo informava della morte della madre e dello stato in cui si trovava.

Una notte, la donna sentì bussare alla porta della casa dei suoi genitori e si trovò davanti Jack Kerouac con un enorme registratore legato alla schiena.

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

Uno degli scrittori più famosi del Paese, ricorda la donna, era corso da lei perché aveva temuto che potesse togliersi la vita, aveva preso un aereo, camminato per cinque miglia dall’altro capo della città con quel grande registratore addosso, solo per cantarle una canzone che potesse ritemprare il suo spirito e salvarla dal dolore che sembrava stesse per annientarla.

Quest’uomo, nel quale la tenerezza e il turbamento avevano sempre convissuto, aveva riconosciuto nella donna che amava la stessa ferita che lui stesso si portava dentro. Si prendeva cura di lei, come non era stato in grado di fare con sé stesso. È la stessa donna a raccontarlo:

«Più diventava famoso e più beveva. Era davvero molto triste».

 

LEGGI ANCHE – Grandi scrittori tra genio e sregolatezza

 

E poi? 

Purtroppo, non possiamo raccontare un lieto fine perché, in seguito, la coppia si separò, ma Jack e la donna restarono amici. Fu lo stesso Jack a presentarle quello che poi sarebbe diventato suo marito.

 

Il ricordo e la gratitudine

Ma la donna non dimenticò mai Jack e quel gesto al punto che gli dedicò una poesia:

 

UNIVERSE — ONE SONG

    a letter to you Mr. Kerouac

how my mind was winter swept

bumped the spring time bud

o my god it could be quick

tho i will not attend —

 

in the middle of the night

my father answered the door

with great annoyance

i followed

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

you were there with tears in your eyes

you had walked five miles

with a heavy reel-to-reel

tape recorder on your back

 

you said

“i brought

St. Matthew’s Passion for you to hear

so you won’t commit suicide”

 

you had walked five miles

in the middle of that long dark night

to bring me your passion —

 

how my mind was winter swept

bumped the spring time bud —

 

i am still here Ti Jean

but wonder where you are on cold starry nights

my eyes as ever, tear bright!

 

LEGGI ANCHE – Tommaso Pincio e Jack Kerouac – BINARI (14)

 

Chi è la nostra donna?

È arrivato il momento di svelare l’identità della protagonista di questa storia d’amore e del dolce e tenero gesto di Jack Kerouac. Si tratta di Lois Sorrells Beckwith che ha raccontato la sua storia a Wendy MacNaughton, amica del figlio, la quale ne ha tratto le illustrazioni che abbiamo riportato sopra.

La notte in cui Kerouac salvò una donna dal suicidio

Fu lo stesso Kerouac a scrivere: «Sii gentile tutti i giorni verso chiunque e ti accorgerai di essere in paradiso già adesso», e nel suo enorme gesto di gentilezza è riuscito a traportare sé stesso in paradiso, anche se solo per una notte.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.