Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

La movida, un’indagine su libertà e soprusi

La movida, un’indagine su libertà e soprusiMovida: «Denominazione per lo più scherz. della vita serale e notturna di una città». Così recita il dizionario online di Treccani.it. E di movida si occupa Resede Ferioli, nel suo Abbassate il volume. Indagine su libertà e soprusi della movida (Le Lucerne editore), a partire dal suo trasferimento nel paese di Vallesina, dove l’autrice pensava di riuscirsi a godere la sua pensione. Ma così non è stato. La movida notturna prende il sopravvento, disturba la quiete pubblica, scrive l’autrice, e ad autorizzarla è direttamente il Sindaco.

Nasce dunque un tentativo di «smascherare le illegalità da spiaggia su cui le istituzioni chiudono gli occhi, persino in tempo di Covid».

Qui di seguito riportiamo il primo capitolo del libro.

 

1. L’ESILIO

 

Quando finalmente il cielo cominciò schiarire e pian piano il sole uscì dalle brume che incorniciavano l’orizzonte sul mare, aspettai l’arrivo della luce calda sul mio cuscino e la serenità che finalmente poteva placare un animo maltrattato dalla lunga notte insonne.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Da settimane non dormivo e capii di essere ammalata: di stanchezza, ma soprattutto di rabbia, una rabbia feroce che annullava ogni capacità di distinguere il bene dal male.

La situazione non era più sostenibile per un’ottantaduenne già operata al cuore e senza altra abitazione disponibile e chiesi asilo temporaneo in casa di mia figlia in centro città.

Cercai fra i foglietti disordinati che custodivo in una scatola: ben sapendo che nel comune di Vallesina non esistevano taxi ufficiali (e regolari), estrassi due nominativi di autisti che offrivano la loro disponibilità, a dire il vero per ricondurre a casa gli ubriachi reduci dalla movida di spiaggia.

Il primo non mi ispirò alcuna fiducia: proponeva come insegna un caimano e un bulldog ringhiante con le zanne in evidenza.

Il secondo si chiamava solo Marco e non faceva riferimenti particolari, quindi lo scelsi senza indecisioni e lo chiamai per farmi portare in città.

Marco arrivò con una Fiat Multipla che sembrava recuperata dall’immondezzaio, sporca dentro e fuori, senza sospensioni.

La movida, un’indagine su libertà e soprusi

Mi sedetti davanti perché il sedile posteriore era pieno di cartacce. Fra di noi c’erano alcuni sacchetti di biscotti chiusi con mollette da bucato.

Non mi preoccupava la velocità perché era chiaro che l’auto mancava molto di fiato e non poteva quindi andare troppo forte.

Mi preoccupava invece la continua scelta del biscotto giusto da mangiare, scelta che veniva portata a termine con l’apertura della molletta e la lunga ispezione all’interno dell’uno o dell’altro sacchetto, naturalmente senza alcuna interruzione o rallentamento nella guida, anche in fase di sorpasso di uno o più autotreni.

Ma soprattutto, mi preoccupava il continuo chiamare e rispondere al telefono per fare pettegolezzi su Benigni, sui comunisti e sui clienti, nel frattempo scambiando foto e messaggini, che venivano tranquillamente visionati e letti nonostante le difficoltà del traffico.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Durante tutto il tragitto rivissi mentalmente il frontale subito in gioventù ed ero sicura che stavolta non ne sarei uscita viva, avendo appena realizzato che stavo sul sedile che le assicurazioni definiscono il posto del morto.

All’arrivo, se le mie vecchie ossa me lo avessero permesso, avrei baciato il terreno su cui finalmente avrei posato i piedi.

Come ero finita nella situazione di dover chiedere asilo lontano da casa mia?


Per la prima foto, copyright: Cassie Gallegos su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.