Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

“La grande bellezza”: apparati umani

La grande bellezzaÈ uscito nelle sale il 21 maggio, e già molte, forse troppe, in alcuni casi inadeguate, parole sono state spese. Come per quasi ogni film di Paolo Sorrentino, anche per La grande bellezza le opinioni si sono raggrumate attorno a due grandi poli: da una parte quelli del “capolavoro assoluto e immortale”, dall’altra quelli di “ è un cialtrone, un impostore, un vanesio”.

Siccome crediamo nella validità della stringatezza, anche se la possibilità di sviscerare La grande bellezza ci alletta, e siamo sicuri che riporteremmo alla luce un film molto più preciso, quadrato, rigoroso di quello descritto da molti eminenti commentatori, forniremo quattro motivi, fra i molti possibili e rintracciabili, per dire che si tratta di un film importante e che rimarrà.

 

Primo motivo: la Roma tinteggiata da Sorrentino è qualcosa a metà tra la Berlino de Il cielo sopra Berlino e la “Zona” di Stalker di Tarkovskij. Le architetture sembrano fondersi coi corpi che le attraversano, e i personaggi abitano davvero le scene.

 

Secondo motivo: la prima inquadratura di Toni Servillo, alias Jep Gambardella, inquadratura che peraltro fa il paio con l’ultima, vale da sola tutto il film. E ci ricorda in un attimo che Servillo non è un caratterista, ma un interprete di tale profondità che all’uscita dalla sala Jep è diventato un nostro vecchio amico.

 

Terzo motivo: nella Grande bellezza si affollano le immagini e le suggestioni tanto di Fellini, quanto di Von Trier e Aronofsky, quelle di Scola e della commedia intelligente e profonda, e anche certo Lynch inquietante ed ellittico.

 

Quarto e ultimo motivo: una Serena Grandi così “sfatta”, che esce da un’enorme torta e sniffa di nascosto in cucina, aspettavamo da tanto di vederla.

 

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.