Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

La frustrazione dell’artista (e dello spettatore). “Robert e Patti” di Emanuele Aldrovandi e Francesco Frongia

La frustrazione dell’artista (e dello spettatore). “Robert e Patti” di Emanuele Aldrovandi e Francesco FrongiaNon c’è nulla di più frustrante del non essere capiti, o peggio, del non riuscire a farsi capire. Nessuno più di un artista può immedesimarsi al meglio in questa situazione, ne abbiamo sentito parlare tantissime volte. Il mondo è pieno di artisti, musicisti, attori che sebbene facciano dell’Arte il motore della loro esistenza, faticano a trovare un posto nel mondo. Di chi è la colpa? Il mondo è davvero cambiato così tanto da impedire a un artista di esprimersi?

Queste sono alcune delle domande che dominano Robert e Patti, una nuovissima produzione del Teatro Elfo Puccini di Milano che nasce da un’idea di Francesco Frongia – una delle colonne portanti del celebre teatro milanese – e dal testo di Emanuele Aldrovandi. Uno spettacolo “rock”, come ci ricorda il cartellone, che rimarrà in scena nella sala Fassbinder, sino al 14 novembre prossimo.

A dare vita al testo troviamo altrettante colonne portanti della scena milanese: Ida Marinelli – che interpreta la protagonista, Patti Johnson –, Riccardo Buffonini – nei panni di Robert – e Loris Fabiani, a cui viene affidato il ruolo del disperato agente di Patti. Come ci raccontano le note di regia, Aldrovandi ha scritto un testo «su misura» per Marinelli e Buffonini che si fanno, dunque, portavoce del grido disperato dell’artista moderno. «Se il mondo insiste col dire che non vali niente, viene da chiedersi se il mondo ha qualcosa che non va» dirà proprio Patti in una delle primissime scene.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Riusciamo a percepire il senso di frustrazione che domina i personaggi già dai primi istanti di spettacolo, quando facciamo la conoscenza della protagonista. Patti Johnson è un’artista ormai al tramonto che però non ha nessuna intenzione di tramontare. Incompresa e depressa, Patti vive per la sua musica e le sue poesie, crogiolandosi e tormentandosi nel ricordo di un passato ormai lontano vissuto insieme all’amato Robert, da tempo scomparso. Un’esistenza non proprio idilliaca, ma che fatica a lasciar andare. Il fantasma di Robert non l’abbandona mai, ma non è l’unico spettro in scena. Robert e Patti è popolato, infatti, dall’eco di fantasmi appartenenti al panorama musicale e artistico degli anni Settanta, come gli evidenti riferimenti a Patti Smith e Robert Mapplethorpe, ma anche Andy Warhol e il poeta Allen Ginsberg, per nominarne altri.

La frustrazione dell’artista (e dello spettatore). “Robert e Patti” di Emanuele Aldrovandi e Francesco Frongia

Tutti i personaggi di Robert e Patti sembrano radicati in un passato che non ha alcuna intenzione di essere soppiantato dal presente. L’atmosfera generale è quella di una nostalgia dal sapore amaro e che fatica, a dirla tutta, a trovare risonanza presso un pubblico giovane. Lo spettacolo, però, non manca di elementi positivi. Primo fra tutti la recitazione. Ida Marinelli è straordinaria, e il Robert di Riccardo Buffonini sa essere tagliente e ipnotico al punto giusto. Menzione d’onore per Loris Fabian, che con il suo personaggio regala piccoli attimi di comicità, senza mai eccedere nella caricatura.

Tra i punti di forza troviamo anche le scelte riguardanti l’allestimento vero e proprio. L’assenza del sipario ci consente di entrare immediatamente nel bel mezzo della scena, all’interno del disordinato loft newyorkese di Patti. Un appartamento pieno di scatoloni, locandine e manifesti, senza contare le numerose parrucche, gli strumenti musicali e i dischi. Sono tutti cimeli, che ci raccontano già molto della protagonista ancor prima che entri in scena. A enfatizzare il tutto, troviamo le canzoni originali di Cesare Malfatti che unisce musica e poesia con il preciso scopo di suscitare una reazione negli ascoltatori /spettatori.

La frustrazione dell’artista (e dello spettatore). “Robert e Patti” di Emanuele Aldrovandi e Francesco Frongia

Il testo vuole fare lo stesso. Ci riesce? Non ne siamo sicuri, e qui arrivano le note dolenti. L’idea di fondo è buona, ma ha ben poco originale. Il conflitto tra ambizione artistica e la necessità di dover soddisfare il gusto del pubblico per sopravvivere non è certo un argomento nuovo. Il che non vuol dire che non debba trovare ulteriore risonanza, ma il rischio è sempre quello di cadere nel “si stava meglio quando si stava peggio”, senza possibilità di trovare una via d’uscita.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La scelta di utilizzare la musica rock come filtro per proporre questo tipo di riflessione poteva essere un ottimo punto di partenza, ma si perde un po’. L’impressione generale è quella di assistere a una celebrazione – senza dubbio giustificata e legittima – del passato, che però rischia di portare a un’eccessiva svalutazione del presente. È giusto celebrare anche chi, nonostante tutti i sacrifici, non ce l’ha fatta a raggiungere la fama, ma diventa davvero difficile non sfociare nella retorica e poi, di conseguenza, nella banalità. Purtroppo, questo è il caso di Robert e Patti da cui, viste le premesse, e lo diciamo con un po’ di rammarico, ci si aspettava decisamente qualcosa di più.

 

ROBERT E PATTI

Di Emanuele Aldrovandi

uno spettacolo di Francesco Frongia

con Ida Marinelli, Riccardo Buffonini e Loris Fabiani

luci Giacomo Marettelli Priorelli

suono Gianfranco Turco

Pezzi di te e Nasci brani originali di Cesare Malfatti

assistente alla regia Alessandro Frigerio

assistente alle scene Roberta Monopoli

capo macchinista Giancarlo Centola

sarta Ortensia Mazzei

stagisti:

regia Riccardo Vannetta

scene Elisa Gelmi, Chiara Modolo

produzione Teatro dell’Elfo

 

Le foto sono di Laila Pozzo, dal sito ufficiale del Teatro Elfo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.